Mercato Trading e Segnali Operativi... Voto USA, i mercati guardano con fiducia alla "linea morbida" di Biden | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 10 novembre 2020

Voto USA, i mercati guardano con fiducia alla "linea morbida" di Biden

 Virgilio Chelli

Voto USA, i mercati guardano con fiducia alla
Voto USA, i mercati guardano con fiducia alla

Pictet AM ritiene che sia stato schivato il rischio di interventi radicali in economia, e prevede che a beneficiarne saranno Big Tech e Farmaceutici insieme ai settori energetico e finanziario

Dalle elezioni americane non è arrivata l’Onda Blu ma la prospettiva di un ‘governo diviso’ con la Casa Bianca Dem ma il Senato che dovrebbe restare repubblicano. Un quadro che al mercato non dispiace, perché la politica economica sarà simile a quella degli ultimi anni ma senza le intemperanze di Trump. Anche i mercati infatti hanno ‘votato’ con azionario in forte salita, tassi in discesa e pochi movimenti valutari, perché un Congresso diviso non dovrebbe approvare le richieste più radicali dei Liberal come tasse sui redditi societari e un maggiore regolamentazione nei settori energetico, finanziario e farmaceutico, oltre che in quello tecnologico. Proprio questi settori potrebbero invece essere beneficiari di una linea più morbida di Amministrazione e Congresso.

POSSIBILE COLLABORAZIONE BIPARTISAN

Sono le conclusioni cui giunge l’analisi di Andrea Delitala, Head of Euro Multi Asset di Pictet Asset Management, dopo la conferma dell’affermazione di Joe Biden come prossimo inquilino della Casa Bianca, secondo cui i mercati possono brindare al nuovo scenario che restituisce agli Stati Uniti un leader moderato che potrebbe riuscire a far collaborare anche i Repubblicani più centristi, delusi da Trump. Una politica di riconciliazione che secondo Delitala sarebbe quanto mai auspicabile in una fase complicata per gli USA e per il mondo, ancora alle prese con la pandemia.

IMPATTO SULLA POLITICA ESTERA

Secondo l’esperto di Pictet AM, i campi in cui il cambio di guardia si avvertirà maggiormente saranno la politica estera e commerciale, con un ritorno al multilateralismo e l’abbandono della dialettica aggressiva di Trump. La retorica anti-cinese è destinata a permanere, ma è anche plausibile una rinnovata adesione degli Stati Uniti alle organizzazioni internazionali, a partire dal WTO. Questo, secondo Delitala, dovrebbe favorire nei prossimi anni gli asset emergenti. Inoltre, un maggior impegno sulle tematiche ambientali sarà positivo per i titoli delle energie rinnovabili e, in generale, per le azioni legate alla transizione energetica.

L’URGENZA DEL PACCHETTO FISCALE

Ora, sottolinea l’esperto di Pictet AM, l’urgenza è rappresentata dal varo degli stimoli fiscali, che restano la priorità della nuova amministrazione, e in qualunque modo il nuovo pacchetto si verrà a comporre in definitiva, l’obiettivo sarà sicuramente quella di evitare il famoso “fiscal cliff”, ossia il vuoto d’aria che si verrebbe a creare qualora non si desse seguito alle politiche di trasferimenti a famiglie e imprese attivate in primavera per arginare l’impatto socio-economico della pandemia. Gli investitori torneranno comunque a guardare alle banche centrali: la Fed nei prossimi mesi potrebbe essere costretta ad aumentare la liquidità immessa nel sistema economico-finanziario. Ma l’attenzione di tutti tornerà a focalizzarsi alla grande battaglia dei nostri tempi, la lotta alla pandemia di COVID-19.

http://www.financialounge.com/

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.