Mercato Trading e Segnali Operativi... Una boccata d'ossigeno per l'Italia | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 14 settembre 2020

Una boccata d'ossigeno per l'Italia

 

Sono trascorsi un paio di mesi dall’ultimo articolo e rieccoci qua. Le cose che vorrei dire sarebbero molte ma faro’ del mio meglio per non essere prolisso.

La prima - Per l’Italia uno dei fatti piu’ rilevanti accaduti nell’ultimo periodo è certamente quello del Recovery Fund EU che, per il momento, ha concesso agli “Azzurri” un calcio di rigore all’80’ minuto, dando un’ultima grandissima chance per almeno pareggiare ed evitare di cadere nel baratro; assicurando, oltre ai 209 miliardi di “sostegno” (circa 70 mld. annui tra il 2021-2023), anche un aiuto notevole sul bilancio pubblico grazie all’abbattimento dello spread e relativo taglio degli interessi passivi sul debito (ora pox default scese al 15%).

Ma, dovessimo segnare, alla fine del match mancano ancora 10 minuti, nei quali può purtroppo ancora succedere di tutto (127 mld. sono prestiti che vanno restituiti). E moltissimo dipenderà dalla voglia di correre e “sudare” per i “compagni” (cittadini).

Comunque, una grande mano tesa da parte dell’Unione, nonostante l’opposizione di Paesi Bassi e Austria, in primis, e Danimarca, Svezia e Finlandia a seguito. Ma se le cose non miglioreranno (e, considerando livello di tassazione e burocrazia, i dubbi sono davvero molti) probabile che l’opposizione non solo diventerà “aut aut” ma si allargherà a più paesi membri.

La seconda - In risposta a chi mi aveva domandato il mio pensiero su cosa farei se fossi a Capo del Governo (anche se la politica non è mai stata e mai sarà il mio mestiere).

Preciso che le opinioni che seguono non sono né di destra e né di sinistra, ma seguono quello che il buonsenso soggettivo (e collettivo) mi suggerisce.

Quindi… Le priorità che ogni Dipendente eletto con ruoli governativi dalla Holding “Cittadini SpA” dovrebbe avere sono le seguenti (in ordine alfabetico): infrastrutture (inteso come trasporti), sanità, scuola, sicurezza e welfare (lavoro e politiche sociali).

Per fare ciò pero’ la Holding deve attenersi ai propri doveri pagando, allo Stato, tasse eque rapportate ai servizi ricevuti.

Ora… tra le “voci pilastro”, escludendo scuola e welfare che meriterebbero ampi discorsi a parte, la parola privatizzazione e’ un assoluto controsenso.
Ma quelle voci dovrebbero essere gestite dallo Stato. Perche’?

1) infrastrutture (inteso solo come rete stradale di ogni tipo e rete ferroviaria)

Un Paese moderno, come accade nell’80% dei Paesi Europei, deve garantire ai propri cittadini di potersi muovere nel miglior modo possibile e col minor costo possibile (gratuito o abbonamento annuale per rete autostradale). Considerando inoltre che i costi di “movimento” incidono anche sui prezzi del trasporto merci e pertanto dei prodotti.

2) Sanità

A tutto il personale della Holding “Cittadini SpA”, i dipendenti eletti dovrebbero garantire le migliori cure possibili attraverso i migliori esperti del settore (pagati adeguatamente) a costi nulli o irrisori. E la sanità privata dovrebbe scomparire

3) Sicurezza

Tutte le forze dell’ordine dovrebbero avere a disposizione mezzi ultramoderni per contrastare la criminalità. E “dalla loro parte” dovrebbero avere leggi che li tutelino (nel pieno rispetto dei Cittadini) e non che li danneggino. E, per qualsiasi reato, la certezza della pena non dovrebbe nemmeno essere messa in discussione

Quindi le voci 1-2-3 rappresentano i punti focali del benessere dei Cittadini e pertanto non possono essere soggetti a regole di profitto ma possono invece anche generare perdite nel bilancio statale che saranno finanziate con emissioni di Titoli di Stato.

In questo brevissima risposta (che non considera lo stato economico attuale italiano, non è una tesi di economia -quindi fornisce solo una base da cui partire- e ha il solo intento di "smuovere" differenti punti di vista) voglio aggiungere un qualcosa anche in merito alla Tassazione.

Considerando che 10 milioni di euro equivalgono ad una capacita’ di spesa di circa 1000 euro al giorno per 30 anni, direi che una tassazione dell’ 80% su capitali superiori potrebbe essere un’idea.

In questo caso aiuteremmo sicuramente l’equa redistribuzione del reddito in quanto eviteremmo di avere colossi che fatturano centinaia e centinaia di miliardi. Perchè la domanda fondamentale e’: ma noi abbiamo davvero bisogno della GDO o di essere svenduti a colossi multinazionali? Anche i Governi sono diventati “pecore” obbligate a seguire quello che la Finanza vuole o vorrebbe imporre?

La terza – Il Nasdaq e le cosidette FAANG+T

Come detto all’inizio non vorrei essere prolisso, pertanto rimando la questione al prossimo articolo. Aggiungo pero’ che lo storno del 10% avvenuto sull’indice tecnologico (in aggiunta di fondamentali abbastanza tirati) non e’ un buon segno

OPERATIVITA'

FTSE MIB – dopo aver cavalcato i due rialzi avvenuti a partire da Marzo, il 19 Giugno avevamo aperto posizione Short a 19700 (ETFx3 a 3.40) e come da strategia abbiamo raddoppiato posizione il 21 Luglio a 21100 (ETFx3 a 2.70). Ora pmc a 20400 punti -+3% circa- (ETFx3 a 3.05 -parità-).

Nonostante non sia da escludere un ulteriore allungo in fascia 21-22000 punti, mantenere per primo target in area 17500 (secondo target area 15900 -pox 90%-)

Leonardo (MI:LDOF) – Prima e seconda entrata short a 6.56 – Liquidata prima posizione a 5.25 il primo Agosto (+20% circa) rimaniamo con la seconda (ora +15% circa)

Banco Bpm (MI:BAMI) – Prima entrata short a 1.35 e seconda a 1.55. Pmc a 1.45 (ora parita’)

Fiat (MI:FCHA) - Prima entrata short a 8.45 e seconda a 9.40. Pmc a 8.92 (ora meno 11%)

Prysmian (MI:PRY)- Prima entrata short a 20.40 e seconda a 23.20. Pmc a 21.80 (ora meno 13%)

Per i 4 titoli al momento nessuno stop loss. Al momento l’idea è quella di chiudere posizioni al raggiungimento del secondo target dell’indice (area 15900 -pox 90%-). Ma seguiranno eventuali aggiornamenti nei prossimi articoli

Nasdaq 100 – Considerando che difficilmente (20% pox) l’indice supererà fascia 13-14000 punti nei prossimi mesi, entreremo short o in caso di recuperi in fascia 11200-11300 o in caso di discese sotto 10850 punti.

GAS NATURALE – Long da 1.98 abbiamo chiuso raggiungendo il target finale a 2.70 (+36% circa)


https://it.investing.com/

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.