Mercato Trading e Segnali Operativi... Il mercato è sopravvalutato? | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 23 settembre 2020

Il mercato è sopravvalutato?

 

Nella maggior parte delle recessioni, gli utili dell'S&P 500 diminuiscono, mentre diminuiscono anche i prezzi delle azioni. Di solito i prezzi amplificano i fondamentali al rialzo quando le cose vanno bene e sottoperformano i fondamentali al ribasso quando le cose vanno male.

Questa recessione è stata unica; con così tanta generazione di reddito dai sussidi governativi, con i rendimenti obbligazionari ai minimi, gli investitori hanno inondato un segmento specifico di azioni, in particolare i titoli tecnologici mega-cap, a qualsiasi prezzo.

L'indice dei prezzi S&P 500 è rimbalzato a livelli record, anche se gli analisti non si aspettavano che gli utili dell'S&P 500 avrebbero superato i massimi precedenti fino alla fine del 2021 o nel 2022.

Era possibile aspettarsi una forte performance azionaria a causa degli stimoli, e quindi anche nel  nostro portafoglio abbiamo mantenuto una forte posizione equity, ma la portata della divergenza tra i nomi tecnologici mega-cap e l'indice S&P 500 è stata sorprendente, e quindi stiamo diventando più cauti sulle azioni e in particolare su alcuni di queste azioni molto popolari.

Ecco il livello di prezzo dell'S&P 500 (linea nera) rispetto a dove dovrebbe stare a livelli di valutazione medi a 20 anni sulla base delle aspettative degli utili degli analisti (linea blu): 
 

1
1

 Origine grafico: F.A.S.T.

Questo naturalmente ci indica una varietà di risultati potenziali. Un risultato potenziale è che l'S&P 500 corregga profondamente per abbinare i fondamentali, e i fondamentali potrebbero essere tali o peggio di quanto gli analisti si aspettano. Un altro risultato potenziale è che l'S&P 500 si muova lateralmente, fino a quando i fondamentali raggiungeranno i prezzi. Un altro risultato potenziale è che gli analisti si sbagliano completamente, e gli utili toccheranno nuovi massimi prima del previsto, e così i fondamentali raggiungeranno rapidamente i prezzi.

I rendimenti vicini allo zero non hanno aumentato molto le valutazioni azionarie dei paesi extra USA (come ad esempio l’Europa, dove abbiamo rendimenti più bassi che negli Stati Uniti) eppure i rendimenti prossimi allo zero sono spesso citati come una delle ragioni principali delle valutazioni azionarie statunitensi insolitamente elevate, poiché, nonostante le valutazioni azionarie elevate, il premio di rischio azionario rispetto ai rendimenti dei Treasury è ancora all'interno di un range storicamente ragionevole.

Insomma, c'è molto rischio in questo mercato, per questo le probabilità rialziste non sono elevate con una visione a lungo termine al momento, e le valutazioni elevate sono principalmente concentrate nei titoli tecnologici mega-cap. I bassi tassi di interesse favoriscono le azioni di crescita a lungo termine, ma molte di esse attualmente sembrano lontane dalla maggior parte degli standard razionali.

Un rapporto che stiamo monitorando in particolare è il rapporto tra l’S&P 500 rispetto all'S&P 500 con pesi uguali. Tali indici tengono traccia delle stesse 500 società, ma le ponderano in modo diverso, nel primo caso per capitalizzazione di mercato in cui le azioni più quotate hanno il peso maggiore, sia con ciascuna società dell'indice che rappresenta lo 0,2% dell'indice indipendentemente dalle dimensioni o dal valore.

Nel lungo termine dalla fine degli anni '70, l'indice Large Cap a uguale peso ha sovraperformato l'indice. Più recentemente negli ultimi tre anni, l'indice S&P 500 ha sovraperformato l'indice a pari peso.
Ecco il rapporto tra il pari peso S&P 500 diviso per l’S&P 500, comprensivo di dividendi reinvestiti.
 
 

2
2

 
 Ogni volta che la linea nel grafico di sopra sta andando in alto, l'indice di uguale peso sta sovraperformando, il che significa che le più grandi società dell'indice stanno sottoperformando. Ogni volta che sta scendendo, l'indice S&P500 sta sovraperformando, il che significa che le più grandi società dell'indice stanno sovraperformando e accrescendo il loro livello di concentrazione.

Come puoi vedere, tendono ad esserci punti di transizione intorno alle recessioni in cui cambiano i leader di mercato. Nella fase iniziale di un'espansione economica, l'indice di uguale peso tende a fare meglio. Nella fase successiva di un'espansione economica, il mercato tende a inseguire i nomi di momentum top mega-cap, e durante una recessione questo colpisce un estremo con un periodo acuto di sottoperformance dell’indice di uguale peso, fino alla prossima ripresa.
Exxon (XOM) è stata la più grande società per capitalizzazione di mercato nei primi anni '90. Un decennio dopo, nella parte superiore della bolla dotcom, era Microsoft (NASDAQ:MSFT). Nel 2008, era di nuovo Exxon (da allora fusa con Mobil). Negli ultimi due anni, Microsoft e Apple (NASDAQ:AAPL) sono state le società più grandi, con Apple attualmente in testa e Microsoft al numero due.

E 'divertente pensare che poco più di un decennio fa, Exxon Mobile era la più grande azienda negli Stati Uniti per valore, e ora Microsoft vale quasi 10 volte di più, e Apple capitalizza oltre 10 volte di più, e Exxon Mobil (NYSE:XOM) è stato cacciato dal Dow. Exxon Mobile recupererà la sua corona in cima all'S&P 500 nel prossimo ciclo? Chissà, ti invitiamo ad iscriverti al webinar gratuito "3 modi per proteggersi dallo tsunami economico in arrivo" del 12 ottobre per scoprirlo.

Se ingrandiamo l'anno passato, possiamo vedere l’S%P 500 sovraperformare in modo significativo, poiché le azioni top mega-cap hanno performato eccezionalmente:
 
3
3

 
 Infatti, l'S&P 500 non è mai stato più concentrato nei primi 5 titoli negli ultimi 40 anni.

Tuttavia, questo periodo di sovraperformance dell’indice rispetto a quello di uguale peso è rimbalzato ripetutamente da quello che può essere un bottom. Il rapporto ha brevemente rotto il supporto e ha raggiunto un minimo inferiore all'inizio di settembre, guidato da Apple irrazionalmente cresciuta su split azionari e attività sulle opzioni estreme, ma il rapporto da allora ha invertito ancora una volta verso l'alto, il che significa che l'indice di ugual peso ha rimontato.

La nostra aspettativa è quella di vedere alla fine la versione ad ugual peso dell'S&P 500 sovraperformare per un po'e porre fine al suo periodo attuale di 5-6 anni di sottoperformance, ma nel frattempo bisogna guardare per vedere se questo rapporto tiene questa area di supporto o continua a deteriorarsi.

{{youtube|{"id":"wVFgxzUFLR4"}}}

https://it.investing.com/

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.