Mercato Trading e Segnali Operativi...nicola suprani Un airbag per investire sulle valute emergenti | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 24 luglio 2020

Un airbag per investire sulle valute emergenti

La pandemia di Coronavirus ha peggiorato la situazione già difficile di numerosi Paesi, specie quelli emergenti. Anche se gli ultimi dati evidenziano come i flussi di capitali all’interno di queste economie siano sostanzialmente stabili, nel periodo febbraio-aprile si sono registrate fughe particolarmente rilevanti e pari a circa 118 miliardi di dollari USA. Marzo 2020 ha segnato un record con un saldo negativo di -88 miliardi di dollari.
Per i mercati emergenti i problemi sono numerosi. Da un punto di vista valutario, le monete emergenti hanno subito forti deprezzamenti nei confronti del Dollaro USA, facendo incrementare la pressione inflazionistica all’interno di questi Paesi, già penalizzati dalla guerra commerciale tra USA e Cina. A spingere le vendite su queste divise sono anche le stesse Banche centrali e le loro politiche espansive adottate per attenuare le ricadute negative della pandemia. Le incertezze sulle economie emergenti sono infatti relative all’impatto della recessione causata dal virus, specie considerando le stime del Fondo Monetario Internazionale che vedono per il 2020 un calo del PIL mondiale del 4,9%. Anche prima dello scoppio del Covid su scala internazionale i Paesi emergenti stavano vivendo una fase di rallentamento dei tassi di crescita registrati nei primi anni 2000.
La mole del debito è un’altra problematica che grava su queste nazioni. Stando ai dati dell’Institute of International Finance, nel decennio che va dal 2009 al 2019 il debito pubblico delle 30 economie emergenti più gradi è cresciuto da 28 trilioni a 71 trilioni di dollari, ossia dal 168% al 220% del PIL.
Quadro fondamentale
Tra i vari Paesi, la Turchia è una delle Nazioni che sta soffrendo di più. Il FMI prevede un calo del Prodotto Interno Lordo del Paese del 5%: a pesare sul dato è la flessione dei consumi interni, del turismo e dell’export. Oltre a questo, il Paese deve fare i conti con un debito estero superiore a 172 miliardi di dollari e riserve valutarie limitate. In questo senso, la Lira turca è sotto pressione, con il cross EUR/TRY a tal proposito sta aggiornando i suoi massimi storici.
I prossimi mesi saranno di fondamentale importanza per l’EUR/TRY. Da un lato, l’Euro potrebbe beneficiare ulteriormente del Recovery Fund, che ha permesso di appianare possibili divisioni tra i Paesi membri salvaguardando la stabilità della Moneta unica. La divisa turca invece rimane in grossa difficoltà, tanto che per stabilizzare il suo andamento sui mercati la Banca centrale della Repubblica di Turchia si è trovata costretta a stringere un accordo per uno scambio di valuta con il Qatar per un valore di 15 miliardi di dollari. Al fine di ripagare il debito estero, l’istituto si è rivolto agli USA e alla liquidità in dollari della FED, ma anche alla Cina e ad altri Paesi del G20, con cui sarebbero in corso dei colloqui per l’apertura di linee di swap.
Per quanto riguarda i tassi di interesse della Banca Centrale, questi sono stati recentemente confermati all’8,25% dopo il taglio di 50 punti base avvenuto lo scorso maggio. Nel frattempo gli istituti di credito statali turchi stanno vendendo asset in valute straniere per mantenere stabile la Lira, producendo quello che nei fatti può considerarsi un controllo informale dei capitali. L’unica mossa possibile per stabilizzare in una certa misura un contesto in cui a giugno 2020 l’inflazione galoppava al 12,6% sarebbe alzare i tassi di interesse. La mossa non sarebbe però attuabile visto il contesto economico globale e le forti pressioni del Governo di Ankara per abbassare ulteriormente i tassi, i quali diventano sempre più negativi e alimentano il collasso della valuta.
Quadro tecnico
Il quadro grafico di EUR/TRY evidenzia una forte spinta rialzista, con i compratori che nelle ultime settimane sono riusciti a spingersi oltre il livello statico a 7,7474, espresso dai top del 6 agosto 2018, e della linea di tendenza ottenuta collegando i massimi di agosto 2018 a quelli di maggio 2020.
Al momento, i corsi sembrano indirizzati verso i massimi storici (posti a 8,2113), dove si potrebbe completare un potenziale modello di double top che permetterebbe alle quotazioni di riprendere fiato dopo l’incessante corsa del 2019 e l’accelerazione della prima metà del 2020. Per avere un indizio migliore rispetto a questa ipotesi si dovrebbe però attendere una correzione al di sopra dell’area di concentrazione di domanda a 7,75, segnale che permetterebbe ai venditori di spingere le quotazioni verso il sostegno posto in zona 6,7964. Se tale zona dovesse invece attirare nuovi compratori, verrebbe completato il pullback della linea di tendenza violata nella seconda settimana di luglio 2020. Questa indicazione sarebbe positiva per i prezzi del cross nel medio periodo.
Grafico EUR/TRY
Grafico EUR/TRY
Investire su EUR/TRY con i Certificati
Mentre da un certo punto di vista il cross EUR/TRY appare diretto verso livelli di prezzo ancora più alti, il mercato potrebbe aver già scontato lo scenario peggiore ed eventuali rialzi dei tassi spinti proprio dall’incessante pressione del mercato sulla Lira turca potrebbero far riassorbire parte delle vendite della divisa.Senza dimenticare il traino che proprio il Recovery Fund potrebbe fornire ai Paesi storicamente più vicini agli interessi economici della zona euro. In questo contesto di incertezza, un’alternativa all’investimento diretta sul sottostante può essere rappresentata dagli Investment Certificates.
In tal senso, Société Générale (PA:SOGN) ha emesso una serie di Certificati Cash Collect Plus+ che comprendono tra i vari sottostanti il Certificate con ISIN XS2120863126 grafico. Il prodotto consente all’investitore di beneficiare di un flusso cedolare mensile dello 0,80% lordo (9,6% annualizzato lordo) a condizione che, alle varie date di valutazione, il cross EUR/TRY si trovi ad un livello pari o inferiore a quello della Barriera sul Premio, posta a 11,31 (150% dello Strike). L’ampiezza della Barriera rispetto allo Strike Price permette ai risparmiatori di avere un margine di tolleranza sulle fasi di alta volatilità. Dal 26 maggio 2021, il prodotto potrà anche scadere anticipatamente. La condizione è rappresentata dal valore di EUR/TRY, che deve essere pari o inferiore alla Barriera di Liquidazione Anticipata, posta al 100% dello Strike (7,54). A scadenza, il certificato offre una protezione condizionata del Valore Nominale se EUR/TRY si trova allo stesso livello o al di sotto della Barriera sul Capitale, sempre posta a 11,31 sul tasso EUR/TRY. In caso contrario si incorre in una perdita di capitale, limitata tuttavia alla performance del sottostante al di sopra della Barriera (meccanismo PLUS+). Quotato su EuroTLX, il prodotto ha una scadenza massima di tre anni. Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il sito dell’emittente.
PRODOTTO
“Il presente articolo non costituisce sollecitazione, offerta, consulenza o raccomandazione all’investimento e, pertanto, qualsiasi decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell'investitore. Société Générale (PA:SOGN) svolge il ruolo di partner economico per la redazione del presente articolo per cui Investing.com, direttamente o tramite collaborati terzi, si impegna a selezionare in completa autonomia uno o più prodotti facenti parte della gamma di prodotti di Société Générale legati al sottostante di volta in volta oggetto dell’analisi contenuta nel presente articolo. Societe Generale non assume alcuna responsabilità per i contenuti del presente articolo e per l'eventuale utilizzo che il lettore potrà fare di tali contenuti. L’ultima versione del Documento contenente le Informazioni Chiave (KID) e la documentazione d’offerta del prodotto descritto nel presente articolo potranno essere visualizzati e scaricati rispettivamente dal sito http://kid.sgmarkets.com http://prospectus.socgen.com, e sono altresì disponibili sul sito http://www.prodotti.societegenerale.it nonché disponibili gratuitamente su richiesta presso Société Générale, via Olona 2 Milano”

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.