Mercato Trading e Segnali Operativi... Petrolio, guadagnare anche con il greggio in calo | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 20 luglio 2020

Petrolio, guadagnare anche con il greggio in calo

Il petrolio WTI è sui massimi degli ultimi quattro mesi, poco sopra i 40 dollari il barile, un graduale recupero dai minimi di aprile sostenuto anche dall’adeguamento dell’offerta al crollo della domanda provocato dalla pandemia.

Ieri le riserve strategiche degli Stati Uniti hanno mostrato che è in corso un ritorno alla normalità, la scorsa settimana sono scese di sette milioni di barili, il calo più forte da inizio anno. Nello stesso giorno, l’Opec+ ha annunciato che a partire da agosto la produzione tornerà a salire, a seguito del termine dell’accordo sul temporaneo contenimento raggiunto due mesi fa. I membri del cartello ritengono che non ci saranno ricadute negative sui prezzi in quanto i consumi stanno ripartendo.

Arabia Saudita e Russia, i due paesi leader, sono anche riusciti ad imporre restrizioni ai membri Opec che non hanno ottemperato ai tagli, come per esempio l’Iraq. SOMO, la compagnia petrolifera di stato di Baghdad ha avvertito sei raffinerie asiatiche sue clienti, che il mese prossimo le consegne saranno inferiori a quanto promesso.

Ma per quanto l’Opec possa darsi da fare, serrando le fila e richiamando all’ordine i membri indisciplinati, non riuscirà a far risalire più il prezzo del petrolio, la debolezza della domanda è destinata a far sentire i suoi effetti sulle quotazioni, vanificando gli sforzi del cartello che oggi controlla una parte importante dell’offerta.

"Per il prossimo futuro non è prevedibile una normalizzazione della domanda petrolifera: le linee guida del Center for Desease Control USA rendono quasi impossibile il rientro dei lavoratori negli edifici adibiti ad uffici prima che sia pronto un vaccino. Se non c'è nessuno in ufficio, non c'è bisogno di viaggi d’affari”, si legge nel report firmato da Robert Minter, investment strategist presso Aberdeen Standard Investk. L’analisi prosegue chiarendo: “oggi vediamo meno di un milione di barili al giorno di carburante per aerei, in calo rispetto ai 7 milioni standard. Quel buco di 6 milioni di barili al giorno di domanda potrebbe ricomparire nel 2021 a un certo punto, ma dipende dalle scoperte mediche”.

Gli aerei sono a terra e le automobili sono ferme in garage. ”Negli Stati Uniti, il 77% dei lavoratori va al lavoro in auto, con una media di 30 miglia al giorno. Gran parte di questa domanda è evaporata con le politiche sul lavoro da casa che dovrebbero durare fino alla fine dell’anno”, prevede Minter.

Alla luce di queste considerazioni, il gestore si aspetta, da qui a fine anno, un prezzo del WTI compreso tra 33 e 43 dollari il barile. La previsione però non tiene conto della politica. “Un’eventuale presidenza Biden potrebbe implicare un aumento delle barriere all'ingresso nel mercato americano dell'esplorazione del petrolio e del gas, portando a un aumento dei prezzi”.

L’investitore che intende prendere posizioni sul settore può valutare il Crescendo Maxicedola di Exane, Isin FREXA0024309 che ha come sottostanti Eni (MI:ENI), Bp ed Exxon Mobil (NYSE:XOM) e ogni mese stacca premi condizionati pari a 4 euro (48 euro annui al lordo delle imposte), se i sottostanti non perdono oltre il 35% del livello iniziale. Il prodotto oggi quota sotto la pari a 808 euro e in caso di rimborso anticipato, (valido ad ogni data di valutazione da settembre 2020) verrebbe ritirato a 1.000 euro (+23,7% più le cedole).

La prossima data di valutazione per la cedola è il 17 luglio e come si nota dalla tabella di seguito l’incasso è ormai certo: il sottostante più critico, BP, può scendere ancora del 15% senza compromettere il premio.
tabella
tabella


Il certificate gode dell’effetto memoria lasciando all’investitore la possibilità di recuperare tutte le cedole eventualmente perse. Da settembre 2020 scatta la possibilità di rimborso anticipato trimestrale con i tre sottostanti maggiori o uguali al 100% del livello iniziale. A scadenza naturale (marzo 2023) avremo i classici due scenari, positivo con rimborso a 1000 euro più eventuali cedole non staccate se i sottostanti quoteranno tutti sopra la barriera. Negativo con il peggiore sottostante sotto la barriera, con rimborso pari alla performance di quest’ultimo rispetto al livello iniziale.

Ricordiamo che il Certificate è soggetto ad un livello di rischio pari a 5 su una scala da 1 a 7. L’investitore è esposto anche al rischio default dell’emittente e alla perdita totale del capitale investito, in caso di azzeramento del valore di uno dei sottostanti.

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica – o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Ricordiamo, prima dell’adesione di leggere attentamente il prospetto di base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le condizioni definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente clicca qui.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.