Mercato Trading e Segnali Operativi... Il tech sta perdendo slancio? Ecco 2 ETF con un forte potenziale di crescita | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 31 luglio 2020

Il tech sta perdendo slancio? Ecco 2 ETF con un forte potenziale di crescita

Durante la corsa rialzista dello scorso decennio, i titoli tecnologici hanno trainato Wall Street. Sebbene siano stati tra quei titoli che inizialmente erano crollati nel corso del selloff innescato dal COVID-19 a febbraio e marzo, la maggior parte dei titoli tech ha visto straordinarie riprese dopo aver segnato i minimi di 52 settimane a fine marzo.

Perciò non sorprende che ci siano decine di ETF tecnologici negli USA, senza contare gli ETF a leva o quelli inversi. Di seguito, cercheremo di capire che direzione sta prendendo il settore tech e prenderemo in considerazione due ETF per investire su robotica, intelligenza artificiale (IA) e tecnologia autonoma.

Influencer del tech di prossima generazione

Il settore tecnologico comprende molte compagnie ad alta crescita. Moltissimi titoli azionari conosciuti dagli investitori di tutto il mondo sono quotati sul NASDAQ. L’indice NASDAQ 100 replica i 100 principali titoli azionari non finanziari quotati sul mercato NASDAQ.

L’indice comprende colossi del tech come Adobe (NASDAQ:ADBE), la compagnia madre di Google Alphabet (NASDAQ:GOOGL), (NASDAQ:GOOG), Amazon (NASDAQ:AMZN), Apple (NASDAQ:AAPL), Facebook (NASDAQ:FB), Intel (NASDAQ:INTCe Microsoft (NASDAQ:MSFT), tra gli altri. Soprattutto nell’ultimo decennio queste compagnie hanno avuto un’influenza considerevole sulle nostre vite, diventando nomi noti a tutti.

Tuttavia, ci sono anche compagnie nuove e consolidate in campi emergenti come l’IA, la robotica ed i “big data”. In questo decennio probabilmente vedremo le macchine “intelligenti” diventare una parte sempre più importante della nostra vita personale e professionale.

Al contempo, la raccolta e l’analisi dei dati stanno giocando un ruolo sempre più grande nelle imprese. L’Internet of Things (IoT, o internet delle cose), il 5G ed i dispositivi mobili probabilmente contribuiranno alla trasformazione delle società in tutto il mondo.

Ricordando questi aspetti, ecco i due ETF che stiamo tenendo d’occhio:

1. Global X Robotics & Artificial Intelligence ETF

  • Prezzo attuale: 25,83 dollari
  • Range su 52 settimane: 14,77-25,98 dollari
  • Rendimento dividendo: 0,25%
  • Percentuale spesa: 0,68% all’anno, o 68 dollari su un investimento di 10.000 dollari

Il Global X Robotics & Artificial Intelligence ETF (NASDAQ:BOTZinveste su compagnie che si preparano a trarre vantaggio dall’aumento dell’adozione e dell’utilizzo di robotica ed IA. Tra queste aziende possiamo trovare quelle che si occupano di robotica ed automazione industriale, di robot non industriali e di veicoli a guida autonoma. Il fondo replica l’indice INDXX Global Robotics & Artificial Intelligence Thematic Index.

Il BOTZ al momento comprende 31 titoli. I primi dieci titoli rappresentano circa il 65% degli asset netti totali, pari a quasi 1,6 miliardi di dollari. Le principali cinque compagnie del BOTZ sono ABB (NYSE:ABB), Intuitive Surgical (NASDAQ:ISRG), NVIDIA (NASDAQ:NVDA), Fanuc (OTC:FANUYKeyence (OTC:KYCCF).

Lanciato nel settembre 2016, il fondo offre una significativa esposizione anche ai mercati non-USA. Sull’anno in corso, il BOTZ segna un rimbalzo di circa il 17%. Il 27 luglio ha registrato un massimo storico. In caso di prese di profitto a breve termine sul fondo, gli investitori a lungo termine potrebbero considerare l’idea di comprare sul calo, soprattutto se il prezzo dovesse andare verso i 22,50 dollari.

2. ARK Autonomous Technology & Robotics ETF

  • Prezzo attuale: 53,76 dollari
  • Range su 52 settimane: 26,19-54,85 dollari
  • Rendimento dividendo: non disponibile
  • Percentuale spesa: 0,75% all’anno, o 75 dollari su un investimento di 10.000 dollari

L’ARK Autonomous Technology & Robotics ETF (NYSE:ARKQè composto da compagnie che possono sviluppare, produrre o favorire trasporti autonomi, robotica ed automazione, stampa in 3D, conservazione di energia ed esplorazione dello spazio.

L’ARKQ al momento comprende 38 titoli. I primi dieci rappresentano circa il 55% degli asset netti totali, quasi 320 milioni di dollari.

Le cinque principali compagnie dell’ARKQ sono Tesla (NASDAQ:TSLA), 2U (NASDAQ:TWOU), Xilinx, (NASDAQ:XLNX), Materialise (NASDAQ:MTLSe Stratasys (NASDAQ:SSYS).

Sull’anno in corso, il fondo è schizzato di oltre il 44%. Come il BOTZ, anche l’ARKQ ha segnato il massimo storico a inizio luglio. Tuttavia, è importante notare che il peso di Tesla in questo ETF è del 10,17%. Di conseguenza, i movimenti giornalieri del titolo di TSLA influenzano il prezzo dell’ARKQ.

In caso di un calo del prezzo verso il livello di 50 o persino 45 dollari, gli investitori a lungo termine potrebbero trovare un maggior valore nel fondo.

Morale della favola

Gli ETF di solito consentono di avere un’efficace esposizione a basso costo a determinati mercati e settori, come quello tech. Sebbene aree come l’intelligenza artificiale, la robotica ed i big data siano ancora in fase embrionale, coloro che credono nel loro potenziale per una sconvolgente innovazione possono pensare di condurre ulteriori ricerche ed investire su queste compagnie ed ETF.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.