Mercato Trading e Segnali Operativi... Rischi sistemici tenuti a bada dalle banche centrali | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
.

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 18 maggio 2020

Rischi sistemici tenuti a bada dalle banche centrali

Rischi sistemici tenuti a bada dalle banche centrali



Secondo Natixis, l’azione di Fed e Bce dovrebbe riuscire a mantenere basso il rischio sistemico evitando una crisi del credito con la rete protettiva stesa per evitare che lo stress possa causare default a catena

I mercati azionari stanno tirando il fiato dopo il poderoso rally portato avanti soprattutto da Wall Street, mentre sono riemersi i timori di una seconda onda del contagio che potrebbe rallentare la riapertura delle economie mentre si sono riaccese le tensioni Usa-Cina. Intanto sono scesi i rendimenti del debito sovrano, con il T-bond a 10 anni allo 0,62% e il corrispondente Bund a -0,54% mentre gli spread sul mercato del credito restano sostanzialmente piatti con qualche tensione sugli high yield Usa nonostante il recupero del prezzo del petrolio.

OCCHI SU CONTAGIO, RIAPERTURE, STIMOLO, UTILI SOCIETARI E MERCATO DEL CREDITO

In questo quadro Esty Dwek, Head of Global Market Strategy, di Natixis IM Solutions, suggerisce di guardare a cinque fattori: l’andamento del contagio, collegato alle riaperture delle principali economie, gli effetti dello stimolo messo in campo da banche centrali e governi per evitare un’ondata di default, le stime degli utili delle imprese quotate e le loro revisioni, l’andamento del mercato del credito e dei finanziamenti sia in USA che in Europa.

SEMBRA CHE L’AZIONE DELLE BANCHE CENTRALI SIA EFFICACE PER TENERE BASSO IL RISCHIO SISTEMICO

La conclusione cui giunge l’esperta di Natixis è che, almeno per ora, sembra che le banche centrali stiano avendo successo negli sforzi per tenere basso il rischio sistemico e prevenire una crisi del credito. Si continua infatti a parlare di nuove misure di stimolo, con la Commissione Ue che registra progressi sul fronte del recovery fund mentre in Usa il Congresso sta già discutendo la fase 4 e la Fed ha esteso gli acquisti di corporate bond anche agli Etf.

Natixis: guardare al futuro, senza sottovalutare i rischi

Natixis: guardare al futuro, senza sottovalutare i rischi

IL RALLY È STATO ROBUSTO E UN RETEST DEI MINIMI SEMBRA IMPROBABILE, MA MEGLIO PRUDENZA

Ma, osserva Esty Dwek, i dati macro restano molto deboli sia in Europa che in America, mentre anche i risultati societari sembrano seguire la stessa strada. Il sentiment degli investitori resta così sospeso tra l’attesa di possibili nuove notizie sul virus e continue notizie negative sia dall’economia che dalle imprese. L’esperta di Natixis avanza il dubbio che forse i mercati sono stati troppo ottimisti, ma aggiunge anche che la forza mostrata finora dal rimbalzo potrebbe indicare che i minimi toccati a marzo non saranno toccati di nuovo. Ma resta anche il rischio di delusion, per questo meglio restare prudenti.
Viriglio Chelli

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.