Mercato Trading e Segnali Operativi... Mediobanca, utile netto primi 9 mesi scende a 552 mln (-12%) | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 7 maggio 2020

Mediobanca, utile netto primi 9 mesi scende a 552 mln (-12%)

Milano, 7 mag. (askanews) - In particolare, nei 9 mesi il margine di interesse di Mediobanca si è attestato a 1,082 miliardi di euro, con un incremento del 3% anno su anno (-1% nel terzo trimestre a 360 milioni), "grazie ai maggiori volumi medi ed al controllo del costo della raccolta".
Le commissioni, informa il comunicato, si sono attestate a 487 milioni (+6% sui primi 9 mesi dell'esercizio precedente e -9% nel solo terzo trimestre a 159 mln), trainate da Wealht management (a 235 mln, +12% a/a) con Cib e Consumer "stabili". L'ultimo trimestre "vede una buona tenuta delle commissioni nel WM, anche per la contenuta componente di performance fees, ed una flessione di quelle dell'investment banking".
La chiusura del terzo trimestre, sottolinea l'istituto, è stata caratterizzata dalla diffusione del virus Covid-19 che ha pesantemente condizionato la situazione sociale ed economica. In questo difficile contesto, il Gruppo Mediobanca "ha dimostrato il valore, la resilienza e l'efficacia del proprio modello di business".
Confermata la "situazione confortevole di funding e liquidità". Il gruppo, in concomitanza con la chiusura dell'esercizio 2019/20 (fine giugno 2020), effettuerà l'adeguamento dei parametri Ifrs9 al nuovo scenario macroeconomico e fornirà una nuova guidance per la distribuzione del dividendo relativo all'esercizio in corso, in linea con le indicazioni Bce.
Nel bilancio appena comunicato, Mediobanca annuncia di essere "fortemente impegnata nell'esecuzione delle linee strategiche e operative previste nel Piano 20-23, facendo leva sui tratti distintivi del modello di business e sulla capacità dimostrata nel passato di affrontare i periodi di crisi e di volgere le criticità dello scenario in opportunità".
Nell'incertezza che contraddistingue il quadro di riferimento il gruppo allo stato si è dato uno scenario operativo basato sul graduale riavvio delle attività a partire dalla fine di giugno prossimo, con efficacia delle iniziative governative volte allo stimolo della domanda soprattutto nella seconda parte dell'esercizio 2020/21'. In questa situazione, 'i ricavi del gruppo saranno in moderata riduzione per i primi trimestri nell'esercizio 2020/21, soprattutto per il calo transitorio dell'erogato del credito al consumo e la graduale ricostituzione della pipeline nel Cib'.
"Le attività di wealth management, d'altra parte, continueranno viceversa ad aumentare il loro apporto alla redditività del gruppo".
Dal comunicato emerge che l'attività commerciale di Mediobanca ha segnato un record fino a febbraio su tutte le aree.
"La capacità di raccolta nel WM è rimasta elevata, senza outflows per il segmento Affluent/Private che apporta nel trimestre un NNM positivo per €1,1 miliardi e depositi aggiuntivi per €0,5 miliardi. Nonostante il lockdown abbia fortemente ridimensionato a partire dalle ultime settimane di marzo le erogazioni di credito al consumo (-80% rispetto a febbraio) e mutui (-60%), sui nove mesi gli erogati crescono del 3% per il Consumer (a €5,6 miliardi), del 45% per i mutui residenziali(a €1,8 miliardi)".
Dal comunicato emerge anche che gli "indicatori di asset quality rimangono su livelli di eccellenza e in ulteriore miglioramento (attività deteriorate lorde/Impieghi in calo dal 3,9% di Dic.19 al 3,8% e coperte al 55%,Impieghi in Stage 2 in lieve crescita dal 5,3% al 5,9% e coperti all'11%). Il costo del rischio('CoR')è prudenzialmente salito nell'ultimo trimestre a 85bps rispetto ai minimi livelli registrati a fine 2019".
Mediobanca ha assistito nei nove mesi a una crescita dei ricavi pari a +1% su base annua, a € 1,907 miliardi di euro, con l'ultimo trimestre in calo del 9%(a €582 milioni) per l'impatto della volatilità dei mercati (trading pressoché azzerato nel 3^ trim.)
Solida la performance dei ricavi core, con il margine di interesse che si è attestato a €1,082 miliardi, +3% su base annua e in calo dell'1% t/t(a €360m), grazie ai maggiori volumi medi ed al controllo del costo della raccolta; commissioni a €487 milioni, salite del 6% su base annua e scese del 9% t/t(a €159m), trainate da WM (a €235m, +12% a/a) con CIB e Consumer stabili;l'ultimo trimestre vede una buona tenuta delle commissioni nel WM, anche per la contenuta componente di performance fees, ed una flessione di quelle dell'investment banking).
Laura Naka Antonelli

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.