Mercato Trading e Segnali Operativi... Materie prime: oltre al petrolio c’è un altro mercato precario! | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
.

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 13 maggio 2020

Materie prime: oltre al petrolio c’è un altro mercato precario!

Il capo della ricerca sulle materie prime presso Goldman Sachs, Jeff Currie, crede che siano due i temi che domineranno il mercato delle materie prime fino al 2021: petrolio e bestiame.
Sappiamo tutta quanto e in che modo la pandemia abbia impattato sui prezzi del petrolio che, nonostante la ripresa, sono ancora in calo di oltre il 50%.
Si parla poco però del caos causato dalle misure di confinamento nell'industria alimentare, con gli allevatori che ora affrontano un marcato in squilibrio.
Non a caso Currie ha affermato di ritenere che l'unico altro mercato delle materie prime "dall'aspetto precario come quello del petrolio" fosse il bestiame.
"Entrambi condividono qualcosa in comune: una volta fatto il danno alla fornitura, ci vuole un po' per riportarla di nuovo online", ha detto.
Il crollo della ha costretto alcuni agricoltori statunitensi a far marcire frutta e verdura fresca, mentre i produttori di latte hanno dovuto gettare il latte in eccesso.
Nel frattempo, un aumento dei casi di Covid-19 negli impianti di lavorazione della carne ha portato ad alcune chiusure e a un rallentamento della produzione. Di conseguenza, ci sono crescenti preoccupazioni riguardo al fatto che l'industria possa soddisfare la domanda di carne di maiale, manzo e pollo.
La percentuale di positivi al virus nei mattatoi e nei macelli merita la massima attenzione.
E questo sia per quanto riguarda la capacità produttiva del settore, sia per quanto riguarda la possibilità di trasmissione del virus agli animali.
Cos'hanno in comune petrolio e carne?
Gli analisti di Bank of America Securities hanno dichiarato in una nota di ricerca pubblicata alla fine del mese scorso che gli allevatori di bestiame dell'industria degli Stati Uniti erano probabilmente "soggetti a enormi oneri finanziari" a causa della crisi del coronavirus.
Currie di Goldman ha aggiunto che l’allevamento intensivo è stato "enormemente ridotto" sia per quanto riguarda i bovini che i maiali nelle ultime settimane.
La prospettiva di banconi della carne vuoti al supermercato "potrebbe diventare fondate" se le fabbriche non fossero in grado di riaprire.
“E cosa hanno in comune olio e carne? Sono grandi input per l’inflazione nei mercati emergenti ", ha concluso Currie.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.