Mercato Trading e Segnali Operativi... Inversione di rotta di General Electric in dubbio nel grave downturn economico | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 16 aprile 2020

Inversione di rotta di General Electric in dubbio nel grave downturn economico

Gli investitori che stavano seguendo da vicino General Electric (NYSE:GE) (NYSE:GE) per capire come avrebbe preso forma l’inversione di rotta ora saranno molto preoccupati. La pandemia di coronavirus sta ponendo maggiori pressioni sulla precaria liquidità della compagnia, un qualcosa di cui il colosso industriale ha un disperato bisogno per rimettersi in piedi.
La scorsa settimana General Electric ha avvertito che gli utili del primo trimestre sarebbero stati inferiori alle previsioni precedenti ed ha ritirato le previsioni finanziarie sull’intero anno fiscale, citando le interruzioni e l’incertezza dovuti alla pandemia di coronavirus.
GE ora si aspetta utili del primo trimestre nettamente inferiori alla stima precedente di 0,10 dollari ad azione. Prevede che i flussi di cassa dalle operazioni industriali siano pari a circa -2 miliardi di dollari per il trimestre terminato a marzo.
Per affrontare questo grave downturn economico, che secondo il Fondo Monetario Internazionale sarà il peggiore in quasi un secolo, GE lunedì ha annunciato l’emissione di 6 miliardi di dollari di nuovi debiti nell’ambito di un processo di ristrutturazione finanziaria. I nuovi bond, che scadranno a partire dal 2024, saranno usati per estinguere il debito più a breve termine.
Ma la decisione di GE di emettere altri debiti significa altre brutte notizie in arrivo per alcuni analisti. L’analista di JPMorgan Stephen Tusa, che aveva predetto correttamente i problemi della compagnia nel 2017 con la domanda dei suoi prodotti industriali crollata, ha scritto in una nota ai clienti che GE è “la trappola del valore più costosa che abbiamo mai visto”.
GE Weekly Price Chart
GE Weekly Price Chart
Grafico del prezzo settimanale di GE
Ha confermato il suo rating “neutral” su GE ed ha abbassato il prezzo obiettivo da 6 a 5 dollari ad azione. Il titolo, che ieri ha chiuso a 6,93 dollari ad azione, è crollato di oltre il 37% quest’anno. “Comprendiamo il fascino del semplice grafico del titolo che spesso rende il titolo interessante ai compratori value”, afferma Tusa, “ma sebbene il titolo sia sceso, sono scesi anche i flussi di cassa disponibili, di oltre il 100%, mentre la leva è aumentata”.
La battuta d’arresto dell’aviazione
Prima della pandemia di Covid-19, che ha costretto i governi in tutto il mondo a mettere i propri cittadini in quarantena, gli analisti di Wall Street erano diventati più positivi sulla ripresa della compagnia. L’amministratore delegato di GE Larry Culp stava ristrutturando le operazioni nel tentativo di far riprendere la compagnia dal tonfo causato dalla domanda debole per le sue attrezzature di generazione di energia e dai problemi della divisione GE Capital.
Il tonfo del valore del titolo, cominciato nel 2017 e che ha cancellato circa 200 miliardi di dollari in azioni, ha spinto la compagnia a ridurre il dividendo trimestrale ad un simbolico centesimo ad azione. Per racimolare denaro e pagare i debiti, GE ha venduto asset ed ha lasciato le attività di trasporti e petrolio.
Una delle maggiori battute d’arresto per l’inversione di rotta di GE quest’anno arriva dalla divisione aviazione, che produce motori per aerei per Boeing (NYSE:BA) (NYSE:BA) ed Airbus (OTC:EADSF) e che ha generato flussi di cassa positivi. Da quando la crisi sanitaria ha bloccato le compagnie aeree, GE ha licenziato metà dei dipendenti della divisione di produzione aeronautica USA e circa il 10% della forza lavoro dei motori per aerei USA.
GE deve anche affrontare un aumento degli oneri pensionistici, con il calo dei tassi di interesse che pesa sul piano pensionistico della compagnia e che probabilmente richiederà un altro investimento da 10 miliardi di dollari, se non più, secondo John Inch, analista di Gordon Haskett. Inoltre, la partecipazione del 36,8% di GE nel colosso petrolifero Baker Hughes (NYSE:BKR) è crollata di 6 miliardi di dollari nell’ultimo anno, con il tonfo del prezzo degli energetici.
Morale della favola
Difficilmente ci saranno buone notizie per GE nel contesto attuale, con l’economia industriale in stallo. La situazione rende l’inversione di rotta di GE più complicata ed il suo titolo rappresenta una scommessa rischiosa anche ad un livello bassissimo.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.