Mercato Trading e Segnali Operativi... Federcuochi a Financialounge.com: “Un altro mese di stop e la ristorazione muore” | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 29 aprile 2020

Federcuochi a Financialounge.com: “Un altro mese di stop e la ristorazione muore”

Federcuochi a Financialounge.com: “Un altro mese di stop e la ristorazione muore”

“Abbiamo bisogno di liquidità per poter campare. Dal Governo nessuna linea d’indirizzo, abbiamo avanzato proposte ma ad oggi non sappiamo né come né se riapriremo, l’asporto da solo non basta”, spiega Rocco Pozzullo presidente della Federazione Italiana Cuochi

Sono entrati nelle nostre case con ricette, concorsi, sfide all’ultimo piatto. Chef famosi come Alessandro Borghese, Carlo Cracco o Massimo Bottura e, prima ancora, Gianfranco Vissani che cucinò un famoso risotto insieme a Massimo D’Alema. Loro sono quelli più conosciuti, ma in Italia c’è un vero e proprio esercito di cuochi, oltre 300mila, e di addetti alla cucina e ristorazione che sta soffrendo più di altri per gli effetti del lockdown. “Aprire il primo giugno dopo quasi due mesi di stop vuol dire dare il colpo di grazia al settore della ristorazione, che solo lo scorso anno ha fatturato 86 miliardi di euro”, spiega a Financialounge.com Rocco Pozzullo, presidente della Federazione Italiana Cuochi, 18mila associati di cui 3mila anche chef patron, ovvero proprietari dei locali dove lavorano.

ANTICIPARE FASE 2, MANCANO LE DIRETTIVE DEL GOVERNO

“Diciamoci la verità, questo se tutto va bene sarà un anno di sopravvivenza per il settore, sappiamo già che un ristoratore su tre non riaprirà più. È vero che all’inizio nessuno poteva immaginare la gravità di questa pandemia ma adesso se il governo non ci aiuta si rischia di dire addio a un settore che è il fiore all’occhiello del made in Italy”, spiega con tono calmo ma deciso Pozzullo. “Il problema è che noi vogliamo ripartire ma non c’è ancora nessuna linea di indirizzo sulle regole da seguire, sul distanziamento, sulle norme per la sanificazione: dovrò mettere i termoscanner all’ingresso del locale? E un cliente con 37 di temperatura lo devo far entrare? E se usa i servizi igienici? Qui nessuno sa niente e nessuno ci spiega nulla, noi abbiamo avanzato delle proposte ma ancora non c’è nessun protocollo. Come si fa?”

TUTTI A CASA, INCOGNITA STAGIONALI

“Riceviamo ogni giorno il grido d’aiuto dei nostri associati, tra loro ci sono famiglie intere impegnate nei ristoranti o nei catering rimaste senza lavoro e senza soldi, 400mila lavoratori stagionali sono restati a casa senza alcuna prospettiva di guadagno -  prosegue Pozzullo - gli affitti continuano ad essere pretesi dai proprietari dei locali, le tasse finora sospese a breve verranno comunque pagate mentre nessuna certezza ci è stata fornita per il futuro: è stata concessa la cassa integrazione, ma i fondi non sono ancora arrivati, così come i tanto promessi aiuti economici alle imprese. Chiediamo che venga imposta la sospensione o almeno la riduzione degli affitti per i mesi di inattività, così come il rinvio e la riduzione dei versamenti delle imposte, di trovare insieme e presto le soluzioni più efficaci per non far collassare ristorazione e ospitalità”.

ASPORTO NON BASTA, PIÙ COSTI CHE VANTAGGI

Intanto molti ristoratori in questa fase hanno optato per la soluzione di cibo da asporto, cosa che dal 4 maggio si potrà fare in tutte le regioni. “È chiaro che dipende dove è allocato il ristorante, ad alcuni può servire per esempio se vicino agli uffici - continua Pozzullo – per altri invece il rischio è che ci siano più costi che incassi. Certo non è che sia la soluzione dei problemi, serve un po’ per dare fiducia al ristoratore, per farlo sentire vivo. Ma è chiaro che così non si può andare avanti, se non ci sono le condizioni il ristoratore sceglierà di non aprire e la Fipe dice che circa il 40% non riuscirà a sopportare questo carico, tra tasse nazionali e comunali. Qui non abbiamo nessuna prospettiva e abbiamo bisogno di liquidità vera per poter campare”.

Fase 2 ristoranti, ecco le app per scegliere il tavolo, ordinare e chattare con i camerieri

Fase 2 ristoranti, ecco le app per scegliere il tavolo, ordinare e chattare con i camerieri

PRIMA DEL COVID19, IL CONTO DELLA RISTORAZIONE ERA DI 86 MILIARDI DI EURO

La ristorazione, prima dell’emergenza coronavirus, era il settore di punta del made in italy con una spesa pro capite annua di 1362 euro. Nel 2019 le imprese attive sono state 336mila, di cui quasi una su tre gestita da donne e l'11,6% da stranieri. Era in aumento anche la spesa delle famiglie: 86 miliardi di euro l’anno. Un trend che aveva fatto aumentare anche l'occupazione +20% nell’ultimo decennio portando a 1,2 milioni gli addetti che lavorano nella ristorazione di cui il 52% donne e in maggioranza giovani. Questa la fotografia scattata dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi prima del covid19: un comparto che da solo vale 46 miliardi di euro, il primo della filiera agroalimentare con una quota del 34%.
Redazione

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.