Mercato Trading e Segnali Operativi... Pausa dopo il rally di Tesla e Google? Ecco come approfittarne | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
.

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 20 marzo 2020

Pausa dopo il rally di Tesla e Google? Ecco come approfittarne

Timing perfetto e barriere distanti per il nuovo inverse certificate di Leonteq. I primi di febbraio, l’emittente svizzero ha lanciato sul mercato un nuovo certificate con Isin CH0518342479 e sottostanti Tesla e Alphabet che stacca cedole mensili dello 0,667% (fino all’8% annuo), se i due colossi tech non volano oltre la soglia del +50% dal rispettivo livello iniziale. La durata è di un anno e mezzo con possibilità di rimborso anticipato e cedole che godono dell’effetto memoria. Il certificate oggi quota sotto la pari a 995 euro.

Basta dare un’occhiata al grafico per rendersi conto dell’ottimo tempismo nell’emissione del certificate inverse che ha fissato i livelli iniziali dopo una corsa straordinaria dei due titoli. Già oggi la distanza della barriera capitale, molto profonda, è ancora più lontana rispetto ai livelli iniziali.
La forza di questo certificate non è solo il tempismo. La barriera capitale è distante e le cedole interessanti, con una durata breve in grado di limitare i rischi.
Scopriamo insieme come funziona questo prodotto. L’investitore riceverà ogni mese un premio pari di 6,67 euro (0,667% mensile fino all’8% annuo) se i due sottostanti (Tesla (NASDAQ:TSLA) e Google (NASDAQ:GOOGL)) non guadagnano oltre il 50% dal livello iniziale. Si tratta di un livello molto distante dalle quotazioni attuali (oltre il +50%).
Scopri di più sul Certificate Leonteq. Clicca quiLeggi altro
Come si può ben capire la strategia dei certificate inverse è quella di offrire rendimento all’investitore se i sottostanti non salgono eccessivamente. Non per forza dunque si punta a una discesa dei due titoli, ma si cerca di sfruttare una situazione di forte ipercomprato per trarne vantaggio. Dopo la recente corsa Tesla (NASDAQ:TSLA) sembra aver bisogno di fermarsi a ricaricare le batterie. Anche Alphabet potrebbe tirare il fiato.  La barriera del certificate inoltre è di tipo europeo, dunque valida solo a scadenza,  questo protegge l’investitore da balzi troppo repentini dei due titoli.
Qui di seguito mostriamo la tabella con i livelli indicativi per ogni sottostante
I premi godono, inoltre, dell’effetto memoria ovvero, nel caso in cui, ad una data di valutazione, una cedola non venisse emessa perché un sottostante dovesse trovarsi sopra al livello di barriera cedolare, allora la cedola non è persa per sempre. Basterà che a una data di valutazione successiva, i due sottostanti quotino sotto la barriera cedolare per ricevere le cedole non distribuite in precedenza oltre a quella del mese corrente.
Il prodotto ha una scadenza naturale di 1 anno e mezzo anni, ma potrà essere rimborsato in anticipo se, a partire dal sesto mese, (prima data di valutazione utile è il 4 agosto 2020)  i due sottostanti si troveranno sopra all’autocall trigger level durante una data di valutazione. In quel caso, oltre al rimborso di 1.000 euro, grazie all’effetto memoria si riceveranno tutte le cedole eventualmente non distribuite in precedenza.
L’autocall trigger level è pari al 100% del livello iniziale il primo mese di autocall (data di rilevazione il 4 di agosto 2020) . I successivi sei mesi (dal 4 di settembre 2020 al 4 di febbraio 2021) sale del 5% a 105%, infine dal 4 di marzo 2021 e così ogni data di valutazione mensili fino all’ultima del 4 agosto 2021 sarà pari al 110%.
Scopri di più sul Certificate Leonteq. Clicca quiLeggi altro
Alla scadenza, se il certificate non è mai stato rimborsato in anticipo, abbiamo due scenari. Il primo, con tutti i sottostanti sotto la barriera, il certificate verrà rimborsato a 1.000 euro, prezzo di emissione, più ovviamente, l’eventuale stacco di tutte le cedole non distribuite e l’ultima cedola.
Il secondo scenario,  invece, con anche solo uno dei sottostanti sopra al livello di barriera l’investitore verrà rimborsato con capitale decurtato in proporzione alla performance del sottostante migliore. Se per esempio Tesla (NASDAQ:TSLA) dovesse trovarsi all’ultima data di valutazione finale il 4 agosto 2021, il 52% sopra al livello iniziale allora il certificate verrebbe ritirato a 480 euro.
Dopo il recente balzo di Tesla, il consensus Bloomberg appare pessimista, il target price è fissato a 507 dollari a fronte di un titolo che passa di mano a 833 dollari. In particolare su 36 analisti intervistati da Bloomberg, 6 consigliano di acquistare il titolo, 12 di tenerlo in portafoglio 18 di venderlo. La barriera è molto distante: +166% del target price indicato dagli analisti.
Per Alphabet il sentiment è diverso ma la sostanza non cambia. Tutti i 15 analisti intervistati da Bloomberg hanno un giudizio Buy ma il target price è fissato a 1626 dollari, sotto ai 1421 a cui tratta oggi il titolo e ancora lontano dalla barriera posta a 2170 dollari.

Ricordiamo che come ogni investimento in certificate, l’investitore è esposto al rischio emittente. Prima di ogni investimento leggere prima tutti i documenti informativi che trovate seguendo questo link.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.