Mercato Trading e Segnali Operativi... Il dollaro crolla, i trader sono preoccupati per la perdita di posti di lavoro | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 27 marzo 2020

Il dollaro crolla, i trader sono preoccupati per la perdita di posti di lavoro

Rassegna giornaliera sul mercato forex, 26 marzo 2020
Analisi realizzata alla chiusura del mercato statunitense a cura di Kathy Lien, Direttrice di FX Strategy per BK Asset Management.
Il dollaro è sceso contro tutte le altre principali valute oggi, dopo che il numero delle richieste di disoccupazione ha superato i 3,2 milioni di unità. Non avevamo mai visto richieste settimanali di sussidio di disoccupazione a questi livelli prima d’ora: sono più del quadruplo del precedente massimo dell’ottobre 1982 ed il doppio degli 1,5 milioni di unità previsti. In previsione di questo report impressionante, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha reso una strana intervista al Today Show della NBC questa mattina per rassicurare gli investitori che la Fed “non finirà le munizioni” e che ha ancora “molto spazio di manovra in altre dimensioni per supportare l’economia”.
Il mercato ha risposto bene a questo messaggio ed i future dei titoli azionari si sono lasciati alle spalle le perdite post-dati chiudendo la seduta di New York in territorio positivo. Il dollaro ha chiuso la giornata a -1% contro yen giapponese, sterlina, dollaro australiano e neozelandese. Il cambio USD/JPY è sceso sotto 110. C’è un forte supporto a 109 ma prevediamo che la coppia scenda sotto 107.
Considerato che i prossimi report sulla disoccupazione potrebbero essere persino peggiori, con richieste settimanali ben al di sopra di cinque o forse sette milioni di unità, molti investitori si chiedono se il rally dei titoli azionari visto oggi sia indicativo di un bottom. È difficile immaginare che sia così, in quanto si tratta solo dell’inizio di un lungo periodo di cifre molto alte sulla disoccupazione. Il selloff del rendimento dei Buoni del Tesoro ed il calo del dollaro indicano che gli investitori non sono convinti che la promessa di Powell di continuare a comprare ed il pacchetto di stimolo economico della Casa Bianca saranno sufficienti a dare una svolta ai mercati. 
Detto questo, sul brevissimo termine, il rally potrebbe proseguire domani, soprattutto perché la Camera discuterà del piano di stimolo per il coronavirus della Casa Bianca proprio domani e, secondo Nancy Pelosi, il pacchetto da 2 mila miliardi di dollari passerà con un forte supporto bipartisan. I dati sui redditi e le spese procapite USA saranno pubblicati domani e, sebbene i dati deludenti sulla crescita della media dei compensi orari e sulle vendite al dettaglio indichino debolezza, i cali dei dati di febbraio sono stati modesti in quanto non comprendono il vero impatto del COVID-19. 
La sterlina segna una ripresa, con la Banca d’Inghilterra che ha lasciato i tassi di interesse invariati al minimo storico dello 0,1% ed il programma di acquisto di asset a 200 miliardi di sterline. Il governatore Bailey ha messo in guardia da un grosso e brusco ribasso, con il rischio di danni a lungo termine per l’economia. Il netto calo del tasso di cambio potrebbe inoltre comportare un aumento a lungo termine dell’inflazione e, di conseguenza, la banca centrale si tiene pronta a rispondere ulteriormente se necessario. Le vendite al dettaglio britanniche sono scese dello 0,3% il mese scorso, con la componente core giù dello 0,5%. I dati sono stati peggiori del previsto ma sono attesi ribassi più forti nei prossimi mesi.
L’euro continua a salire sopra 1,10 contro il dollaro. Ci sono poche notizie a supportare il rally e la debolezza del dollaro è dunque l’unico motivo dietro a questo movimento. Il numero delle vittime del coronavirus in Spagna ha ufficialmente superato quello della Cina, diventando il secondo più alto al mondo. Il sistema sanitario sta collassando sotto il peso della malattia e l’economia lo seguirà a ruota. In Italia, le vittime hanno superato le 7.000 (sono 4.000 in Spagna), ma il numero di nuovi casi è sceso per il quarto giorno di fila, alimentando le speranze di un appiattimento della curva. Sfortunatamente, il peso economico su entrambi i paesi e su tutta la zona euro sarà gravissimo, maggiore che in altre parti del mondo. Continuiamo ad aspettarci un calo dell’euro ma le migliori occasioni potrebbero essere trovate nei cambi della moneta unica. 

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.