Mercato Trading e Segnali Operativi... Coronavirus, Wall Street chiude in forte calo: -20% da massimi | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 12 marzo 2020

Coronavirus, Wall Street chiude in forte calo: -20% da massimi

New York, 11 mar. (askanews) - Wall Street ha chiuso in forte ribasso con il Djia che e' entrato nel cosiddetto mercato orso o ribassista, avendo perso oltre il 20% dai massimi delle ultime 52 settimane. Sia l'S&P 500 che il Nasdaq sono arrivati a perdere oltre il 20% dai massimi intraday ma, grazie a un rialzo nel finale, sono riusciti ad evitare un calo di oltre il 20% in chiusura.
A pesare e' sempre la diffusione del Covid-19 e i suoi possibili effetti sull'economia internazionale, dopo che oggi l'Organizzazione mondiale della Sanità ha elevato l'allerta al livello di pandemia. Ma pesano anche l'incertezza riguardante le misure di stimolo fiscale e monetario da adottare per attutire l'impatto del coronavirus sulle economia di tutto il mondo.
Oggi, l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha detto che si puo' considerare il virus una pandemia. Inoltre, l'Oms si e' detta 'molto preoccupata' dalla diffusione del virus ed allarmata 'dal livello allarmante di inazione'.
Intanto gli investitori si interrogano su come il governo federale Usa intende rispondere all'emergenza sanitaria e alla crisi innescata sui mercati finanziari. Martedì, il presidente Usa Donald aveva ipotizzato di tagliare le tasse sui salari allo 0% per il resto del 2020. Ma oggi, il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, ha fatto intuire che il governo statunitense deve ancora trovare un'intesa sulle misure di stimolo economico da varare.
E si teme anche per una stretta creditoria per mancanza di liquidita' dopo che la Federal Reserve, per la seconda volta questa settimana ha alzato il limite per le operazioni sul mercato Repo, portandole da 150 a 175 miliardi di dollari. La mossa e' stata adottata "per mitigare i rischi che le pressioni sul mercato finanziario possano danneggiare l'applicazione delle politiche."
Il petrolio ha perso 1,38 dollari, o circa il 4%, per chiudere a 32,98 dollari al barile dopo che l'Opec ha tagliato le stime per la crescita quest'anno di 920.000 barili al giorno a 'solamente' 60.000 barili al giorno. L'oro nero e' in linea per fare segnare la peggiore performance settimanale dal dicembre 2008.
Sul fronte macroeconomico, i prezzi al consumo negli Stati Uniti sono saliti ma meno delle attese a febbraio (+0,1% contro attese per un dato invariato). Mentre il disavanzo di bilancio degli Stati Uniti è aumentato a 625 miliardi di dollari nei primi cinque mesi dell'anno fiscale 2020, con un incremento del 15% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
Il Djia ha perso 1.464,94 punti, il 5,86%, a quota 23.553,22. L'S&P 500 ha lasciato sul terreno 140,85 punti, il 4,89%, a quota 2.741,38. Mentre il Nasdaq ha ceduto 392,20 punti, il 4,70%, a quota 7.952.05.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.