Mercato Trading e Segnali Operativi...nicola suprani Bce, fari dei mercati domani sulle contromisure al coronavirus | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 11 marzo 2020

Bce, fari dei mercati domani sulle contromisure al coronavirus

Roma, 11 mar. (askanews) - Fari dei mercati puntati sulla Bce domani, in attesa della risposta monetaria dell'eurozona all'emergenza coronavirus, su cui l'ultimo Consiglio direttivo, un mese e mezzo fa, non aveva preso posizione. Da allora però le valutazioni sulla portata della minaccia sono drammaticamente peggiorate. Invece di essere un problema localizzato prevalentemente in Asia, ora è chiaro che l'emergenza è a carattere globale, peraltro con l'Italia, terza economia dell'area euro, che risulta il Paese ad oggi più colpito (in base ai dati ufficiali) dopo la Cina. Le ricadute sulle Borse sono state già devastanti.
Le decisioni operative verrano annunciate alle 13 e 45. Alle 14 e 30 la presidente terrà la consueta conferenza stampa esplicativa, a cui verranno lasciati accedere i giornalisti laddove da alcuni giorni sono entrate in vigore misure restrittive sulle visite alla Bce.
Intanto Christine Lagarde - dopo aver già dovuto correggere la rotta nei giorni scorsi, con un inconsueto comunicato ad hoc in cui affermava che l'istituzione era pronta a avvalersi di tutti i suoi strumenti in risposta alla crisi, laddove in precedenza la Bce sembrava orientata al mantenimento dello status quo - sembra aver alzato non poco i toni della retorica nelle ultime ore.
Secondo diverse indiscrezioni, tra cui quelle attribuite al premier della Bulgaria, Byoko Borissov, alla conference call di ieri tra capi di Stato e di governo dell'Ue l'ex direttrice del Fmi avrebbe avvertito che ci si trova di fronte a una situazione che può risultare di portata analoga alla crisi del 2008.
Retorica che potrebbe presagire ad un intervento estremamente energico domani, una cura shock anche per dare un segnale che risulti veramente rassicurante sui mercati. Si vedrà, intanto le attese degli analisti sono piuttosto variegate. Tutti si attendono misure sulle liquidità che impediscano uno stallo del mercato del credito, magari facendo leva sui nuovi maxi finanziamenti agevolati alle banche, i Tltro già programmati che potrebbero essere modificati in senso più lasco.
Sui tassi di interesse, il problema è che la Bce ha già a zero il livello dei rifinanziamenti principali. Potrebbe tagliare ancora il tasso, già a livelli negativi, che pratica sui depositi parcheggiati dalle stesse banche presso l'istituzione, attualmente al meno 0,40%. Ma l'efficaca di una misura simile è discutibile potrebbe perfino essere controproducente.
Resta il Qe, il programma di acquisti di titoli che era stato riavviato da Mario Draghi prima di fine mandato, al ritmo di 20 miliardi di euro al mese. E che marginalmente riguarda anche emissioni del settore privato.vAlcuni analisti ipotizzano un limitato incremento che includa maggiormente bond privati. Altri invece scommettono su un rafforzamento consistente, un raddoppio o oltre degli acquisti mensili e l'espansione a maggiori titoli non pubblici.
Intanto a tenere sotto pressione la Bce ci sono una serie di fattori. Innanzitutto che la Fed americana e la Banca d'Inghiterra (quest'ultima stamattina) si sono già mosse con misure espansive (chiaramente concordate). Partendo da margini più ampi, hanno entrambe tagliato di 50 punti base i tassi di interesse.
Poi c'è il collasso dei prezzi del petrolio, innescato dal combinato disposto dell'indebolimento di domanda dovuto alla frenata economica da coronavirus a cui, come se non bastasse, si aggiunge una guerra di ribassi dei pezzi tra grandi produttori d petrolio. Se fino a ieri erano alleati ora sono ai ferri corti (e, sotto sotto, forse vorrebbero sfruttare la situazone per far fuori la concorrenza della produzione Usa che a determinati livelli di prezzo diventa insostenibile).
Infine ma non ultimo l'euro, che specularmente agli indebolimenti del dollaro si è apprezzato a tratti ai massimi da un anno a questa parte. Il tutto si è accavallato in un arco temporale tutto sommato molto breve. Ora andrà accuratamente soppesato dai tecnici della Bce nell'aggiornamento delle loro previsioni su crescita economica e inflazione, che Lagarde illustrerà nella conferenza stampa post direttorio.
Voz

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.