Mercato Trading e Segnali Operativi... Crollo del mercato azionario a causa dell’aumento dei contagi da coronavirus | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 25 febbraio 2020

Crollo del mercato azionario a causa dell’aumento dei contagi da coronavirus

Negli ultimi giorni il coronavirus è arrivato in Italia contagiando centinaia di persone, mettendo in allerta il sistema sanitario e politico italiano. Il governo ha varato un decreto legge per provare a contenere i contagi da coronavirus, il quale, dopo quattro ore di consiglio dei ministri, si è espresso tramite il premier Giuseppe Conte e il ministro della salute Roberto Speranza, illustrando i provvedimenti dell’esecutivo.
Questo decreto prevede una serie di misure cautelari tra cui:
1) "Divieto di allontanamento dal Comune o dall'area interessata da parte di tutti gli individui comunque presenti nel comune o nell'area"
2) "Divieto di accesso al Comune o all'area interessata"
3) "Sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in un luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico"
4) "La sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, salvo le attività formative svolte a distanza"
5) "L'applicazione della misura della quarantena con sorveglianza attiva fra gli individui che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusa"
Le scelte intraprese dal governo consistono in misure preventive per evitare una rapida diffusione del virus, il quale, nel caso di una forte propagazione metterebbe in crisi l’intero Paese.
Una tale avvenimento non crea problemi solamente nel campo sanitario ma anche in quello economico e in particolare sui mercati finanziari, i quali già venerdì 14 febbraio hanno registrato un notevole calo, con l’indice FTSE MIB che ha perso oltre l’1%. Avere un capitale investito nel mercato azionario in questo periodo può essere molto rischioso, specialmente se si hanno delle aspettative rialziste di breve periodo.
Da quando il virus ha iniziato a diffondersi, i mercati finanziari internazionali sono stati colpiti da una forte incertezza, la quale potrebbe restare sui mercati ancora a lungo. Nonostante in Cina venga alimentata l’idea che il focolaio sia sotto controllo e che la maggior parte degli infettati stia guarendo, in Italia il virus è appena arrivato, dunque non si sa quante saranno le persone che contrarranno questa malattia e quale sarà l’impatto che tale infezione avrà sull’economia italiana.
La prima borsa che ha risentito dell’evento è stata naturalmente quella cinese, la quale a metà gennaio ha visto forti vendite che hanno fatto perdere oltre il 10% ai principali indici cinesi. Per effetto contagio poi, il panico si è diffuso su tutte le piazze asiatiche, dal momento che ancora non si sapeva quali sarebbero stati gli sviluppi di un episodio così delicato.
Poiché, sui mercati finanziari in situazioni come queste c’è una forte correlazione, non appena gli indici asiatici hanno subìto il primo forte ribasso, le borse europee e americane hanno agito di conseguenza, registrando diminuzioni di prezzo consistenti.
In situazioni così critiche, sui mercati finanziari scatta il cosiddetto “Panic selling”, situazione in cui gli investitori vendono le proprie attività in risposta alle emozioni e alla paura che una situazione fa emergere. Dunque, molti investitori spaventati dall’instabilità politico-economica che questo virus ha scaturito, hanno preferito vendere le proprie attività in attesa di tempi migliori.
Le ultime settimane hanno visto una forte incertezza sui mercati finanziari globali, la quale in alcuni momenti è stata più accentuata mentre in altri ha fatto sperare un ritorno alla normalità. Il FTSE MIB nelle ultime settimane ha fatto assistere gli addetti ai lavori sia a forti ribassi che a notevoli rialzi. Vi sono state in particolare delle giornate in cui si sono formati forti trend rialzisti, simbolo che qualche fondo d’investimento potrebbe aver preferito spostare il proprio capitale sul nostro mercato piuttosto che su quello di un’altra nazione confermando l’apprezzamento internazionale per la nostra economia. A conferma di ciò, c’è da dire che in questo periodo il principale indice di Piazza Affari ha superato quota 25.500 punti, traguardo che non veniva raggiunto dal 2008 prima della grande recessione.
 lunedì 24 febbraio, sulla scia delle ultime notizie relative al coronavirus il FTSE MIB ha perso oltre il 5%, confermando il crescere del panico sui mercati finanziari. A causa della forte incertezza che questo evento ha creato anche sul piano politico, essere esposti eccessivamente nel mercato azionario in questo periodo richiede molta attenzione, specialmente per coloro che sono interessati ad un rialzo di breve termine.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.