Mercato Trading e Segnali Operativi... Anteprima utili Broadcom: cruciali le previsioni sulla domanda di chip 2020 | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 11 dicembre 2019

Anteprima utili Broadcom: cruciali le previsioni sulla domanda di chip 2020

Pubblicazione report sugli utili quarto trimestre 2019 domani, giovedì 12 dicembre, dopo la chiusura dei mercati
Previsioni sulle entrate: 5,74 miliardi di dollari
Previsioni utili per azione: 5,36 dollari
Quando Broadcom Inc (NASDAQ:AVGO) pubblicherà i risultati sugli utili del quarto trimestre domani, gli investitori non potranno permettersi di ignorarli. Questo perché la compagnia con sede a San Jose, California, viene considerata la cartina di tornasole dell’industria dei semiconduttori, per via della sua vasta base clienti e della linea di prodotti differenziata.
Il report sugli utili di Broadcom sarà seguito da vicino inoltre per capire se la recente impennata dei titoli chip ha qualche debolezza. L’indice Philadelphia Semiconductor Index, che comprende alcuni dei produttori di chip più grandi del mondo, come Intel Corporation, NVIDIA Corporation ed Advanced Micro Devices Inc, ha visto un’impennata del 48% nel 2019, superando di gran lunga il rimbalzo del 24% di quest’anno dell’indice S&P 500.
La ripresa si è registrata sulla scia dell’ottimismo per il fatto che il rallentamento che ha colpito il settore l’anno scorso sia stato di breve durata, nonostante i segnali misti da alcuni dei principali produttori.
Nvidia, il principale produttore del settore di chip per schede video da computer, il mese scorso ha riportato vendite trimestrali superiori alle attese degli analisti, ma la compagnia ha fornito previsioni deboli, suggerendo che la domanda di chip per schede da videogiochi si sta riprendendo più lentamente del previsto.
Texas Instruments ad ottobre ha dichiarato che “la maggior parte dei mercati si è indebolita ulteriormente” nel terzo trimestre ed ha offerto previsioni sui ricavi del terzo trimestre inferiori alle stime più basse di Wall Street.
Sentimento rialzista degli investitori
Questi avvertimenti finora non sono riusciti a smorzare il sentimento rialzista degli investitori nei confronti dei semiconduttori. Secondo le stime degli analisti, il terzo trimestre probabilmente segnerà un fondo del ciclo ribassista del settore. La crescita poi continuerà ad accelerare. Entro il terzo trimestre del 2020, si prevede che gli utili del settore si espandano più velocemente rispetto a quelli delle compagnie software.
Per gli stessi motivi, il report sugli utili del quarto trimestre di Broadcom e la conference call saranno seguiti con attenzione dagli investitori, curiosi di sapere se la debolezza diffusa che ha colpito i produttori di chip sia finita o meno.
Un altro motivo per cui gli utili di Broadcom sono sotto i riflettori: la compagnia ottiene quasi la metà dei suoi ricavi dalla Cina, perciò la crescita delle sue vendite darà indizi su come lo scontro commerciale tra Stati Uniti e Cina stia pesando sui suoi affari. Huawei Technologies Co., che il governo degli Stati Uniti ha inserito in lista nera, acquista switch chip Broadcom che sono un componente chiave degli impianti di rete della compagnia cinese.
L’azienda è anche un importante fornitore di chip per Apple, il che rende le sue dichiarazioni sulle prospettive della domanda per il mercato wireless troppo importanti da ignorare.
L’amministratore delegato Hock Tan ha costruito una compagnia da 100 miliardi di dollari tramite una serie di acquisizioni, compreso l’acquisto di parte di Symantec Corp per 10,7 miliardi di dollari ad agosto.
AVGO Weekly TTM
AVGO Weekly TTM
“Crediamo che la domanda sia in ripresa ma che continuerà a restare a questi livelli per via dell’attuale ambiente incerto”, ha affermato Tan nella dichiarazione sugli utili di settembre. C’è poca visibilità per via dello scontro commerciale e non c’è alcun senso di una “netta ripresa dietro l’angolo”, ha aggiunto nella conference call.
Circa metà dei chip venduti da Broadcom sono usati in Cina o inviati a fabbriche nel paese per diventare componenti di dispositivi elettronici venduti in tutto il mondo. Lo scorso anno, Huawei ha rappresentato circa 900 milioni di dollari delle vendite di Broadcom, ha affermato Tan. Il titolo di Broadcom, schizzato del 24% quest’anno chiudendo ieri a 315,06 dollari, è rimasto indietro rispetto all’indice di riferimento dei semiconduttori.
Morale della favola
Il titolo di Broadcom ha dato prova di resilienza durante il recente periodo di debolezza per i produttori di chip. Secondo noi, gli effetti del divieto su Huawei e dei rischi macroeconomici sono ben rispecchiati nell’attuale prezzo del titolo. Un eventuale miglioramento dei rapporti commerciali USA-Cina, o un possibile accordo che coinvolga anche Huawei, sarebbe un grosso punto a favore per Broadcom. Allo stesso tempo, gli investitori che seguiranno l’annuncio sugli utili di domani non dovrebbero perdere di vista le aspettative della compagnia sul 2020, sulle spese in conto capitale per il cloud e sui trend per la divisione smartphone.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.