Mercato Trading e Segnali Operativi... Utility scosse da bufera BTP. I broker puntano su tanti titoli | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
.

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 15 novembre 2019

Utility scosse da bufera BTP. I broker puntano su tanti titoli


A Piazza Affari quest'ultima seduta della settimana viene vissuta in maniera contrastata dalle utility che non riescono a muoversi tutte nella stessa direzione del Ftse Mib.
A scendere in controtendenza sono Italgas ed Enel, con un calo rispettivamente delo 0,95% e dello 0,26%, seguiti da Snam che mostra un ribasso più contenuto dello 0,13%.

Terna invece sale dello 0,14%, preceduto da A2A che guadagna lo 0,74%, ma ad avere la meglio è Hera che sfoggia un bel rialzo del 2,21%.

Non più tardi di ieri le utility sono state colpite dalle vendite sulla scia dei segnali negativi arrivati dal fronte obbligazionario, con il netto incremento dei tassi che ha avuto un immediato impatto sul comparto.


Quest'oggi il ritorno degli acquisti su BTP, con conseguente calo dei rendimenti, non sembra aiutare più di tanto le utility, visto che non tutte riescono a ritrovare la via dei guadagni.
Intanto il settore resta sotto i riflettori del mercato e degli analisti, dopo che nei giorni scorsi le utility hanno alzato il velo sui conti del terzo trimestre.

Le banche d'affari così sono tornate ad occupare del settore, nel quale segnalano numero e interessanti opportunità di acquisto.

Una di queste è offerta da A2A che secondo Equita SIM merita una raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo alzato del 9% a 2 euro.


Una mossa che segue proprio la buona trimestrale del gruppo, superiore alle attese a livello di Ebitda.

Prova dei conti superata con successo anche da Enel che si è visto confermare da parte di Banca IMI il rating "buy", con un target price a 6,7 euro.
Gli analisti hanno definito la trimestrale del gruppo positiva e in linea con le loro attese, accogliendo con favore il miglioramento della guidance sull'Ebitda 2019 che però non dovrebbe generare impatti sul risultato netto del gruppo.



Bullish anche la view di Banca Akros che due giorni fa ha ribadito l'invito ad accumulare Enel in portafoglio, con un fair value ritoccato verso l'alto da 7,2 a 7,4 euro.
Gli analisti non sono sorpresi dal miglioramento della guidance sull'Ebitda visto che avevano già previsioni più alte rispetto alle indicazioni precedenti di Enel.


A puntare sul titolo è anche Kepler Cheuvreux che consiglia di acquistare con un prezzo obiettivo incrementato da 7,1 a 7,5 euro.

Secondo il broker, dopo i conti ora il prossimo catalizzatore di breve è dato dall'appuntamento del 26 novembre, quando sarà presentato da Enel il nuovo piano industriale.



Tra le utility su cui puntare troviamo anche Hera, almeno secondo le indicazioni di Banca IMI che ha un rating "buy", con un target price a 4,4 euro.
Entrambi sono stati confermati dopo la positiva trimestrale che conferma la buona performance del gruppo, supportata da crescita organica e M&A.


Banca Akros suggerisce di accumulare Hera in portafoglio, con un fair value rivisto da 3,8 a 4,1 euro due giorni fa, dopo i risultati migliori delle attese.
Per gli analisti il prossimo catalizzatore sarà l'aggiornamento del piano industriale previsto a gennaio.

Non c'è altrettanto ottimismo per Italgas che secondo Kepler Cheuvreux merita un rating "hold", con un prezzo obiettivo ritoccato da 5,5 a 5,6 euro.


Per gli analisti i risultati trimestrali del gruppo sono stati solidi, con un Ebitda migliore delle attese anche grazie a componenti straordinarie.

Bearish invece la strategia di Citigroup che suggerisce di vendere Italgas, anche se questo non ha impedito di migliorare il target price da 4,7 a 5,2 euro.

Quest'ultima mossa è stata decisa per tenere conto del calo dei tassi e del venir meno del rischio di una tassa sulle concessioni.

A puntare su Snam è invece Banca IMI che ha una raccomandazione "add", con un fair value a 4,9 euro, sulla scia di una trimestrale che si è rivelata in linea con le attese e con il consensus.



Cauto invece il giudizio su Terna ribadito ieri da Equita SIM, con un rating 2hold" e un prezzo obiettivo a 5,7 euro.
Gli analisti hanno parlato di un terzo trimestre migliore delle attese grazie a premi sulla qualità e al controllo dei costi.

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.