Mercato Trading e Segnali Operativi... Unicredit: meglio dividendo cash o buy-back? Fidentiis risponde | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 20 novembre 2019

Unicredit: meglio dividendo cash o buy-back? Fidentiis risponde


L'andamento negativo registrato oggi da Piazza Affari contagia anche Unicredit che, dopo essersi mantenuto a galla ieri, con un rialzo in controtendenza rispetto al Ftse Mib, non riesce a fare altrettanto oggi.
Il titolo, archiviata la sessione di ieri con un rialzo dello 0,29%, quest'oggi ha imboccato da subito la via delle vendite.

Negli ultimi minuti Unicredit viene fotografato a 12,304 euro, con un ribasso dello 0,58% e oltre 8 milioni di azioni trattate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 20 milioni di pezzi.

Unicredit: attesa per nuovo piano. Focus su politica dividendo

Unicredit continua a rimanere sotto i riflettori in vista dell'appuntamento del 3 dicembre, quando il gruppo sarà impegnato nel Capital Markets Day.
In tale occasione sarà svelato il nuovo piano industriale 2020-2023, nel quale potrebbero essere contenute importanti novità sulla politica di dividendo di Unicredit.
Secondo gli analisti di Goldman Sachs il pay-out del gruppo, pari attualmente al 30%, può essere incrementato al 45%, un livello di circa il 10% superiore al consenso.
In attesa di novità la banca americana mantiene una view bullish su Unicredit che viene confermato nella sua convinction buy list, con un prezzo obiettivo ritoccato leggermente nelle ultime ore da 16,7 a 16,9 euro.

Unicredit: meglio dividendo cash o buy-back? La view di Fidentiiis

A scommettere sul titolo è anche Fidentiis che proprio oggi ha reiterato il rating "buy", con un range di valutazione pari a 19-20 euro.
Gli analisti richiamano l'attenzione su alcune dichiarazioni rilasciate di recente dall'AD di Unicredit, il quale ha fatto sapere che il capitale in eccesso sarà utilizzato non già per acquisizioni, ma per il riacquisto di azioni della banca.
Indicazioni che hanno peraltro creato alcuni equivoci sulla politica di remunerazione degli azionisti che Unicredit dovrebbe adottare in futuro.

Secondo gli analisti di Fidentiis il gruppo guidato da Mustier può aumentare il pay-out dal 30% attuale al 50%.


Gli esperti fanno notare che gli investitori sono equamente divisi tra quanti desiderano un dividendo cash, ossia in contanti, e quanti invece preferiscono un buy-back.
La prima opzione è più rassicurante dal punto di vista della solidità patrimoniale, mentre il riacquisto di azioni proprie offre una maggiore flessibilità di capitale e implica implicitamente che Unicredit sta scommettendo sulla sua bassa valutazione.
Per Fidentiis l'opzione migliore è rappresentata dal pagamento di un dividendo cash, visto l'evidente divario tra il rendimento da dividendo della cedola di tutte le obbligazioni AT1 emesse dalla banca.
Gli analisti ritengono che l'idea sia quella di avere un livello base di dividendo cash sostenibile, con un buy-back al top quando i livelli di capitale lo consentono.

Unicredit: per Fidentiis il pay-out può salire dal 30% al 50%

Come detto prima, secondo Fidentiis il pay-ut di Unicredit può esere aumentato dal 30% al 50%, supponendo che i buffer MDA/TLAC superino una certa soglia. 
Alla luce dei risultati del terzo trimestre diffusi di recente, il gruppo guidato da Mustier viaggia già sopra certi livelli, con un Common Equity Tier 1 fully loaded del 12,6%, un buffer MDA di 252 punti base, contro un target di 200-250, e un ratio TLAC del 21,85%.
Infine, Fidentiis ricorda che a valere sull'esercizio 2018 Unicredit ha pagato una cedola di 0,27 euro per azione, con un rendimento del 2,3% che secondo gli analisti può salire al 5% sul bilancio 2019. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.