Mercato Trading e Segnali Operativi... Sotto la lente dell'analisi tecnica | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 15 novembre 2019

Sotto la lente dell'analisi tecnica


La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
Diasorin
Diasorin (+2,35%) ha raggiunto in avvio di seduta un nuovo record a 113,40 euro, senza tuttavia riuscire a confermarsi al di sopra del canale che sale dai minimi di ottobre 2015.

Solo la rottura decisa di questo limite offrirebbe nuovi spunti di crescita verso target a 122 circa. Discese sotto 107,30, minimo di giornata, farebbero temere l'avvio di prese di profitto, prospettando un test dei supporti a 102,50, media mobile a 50 giorni, e più sotto a 98/100 circa, trend line che sale dai minimi di dicembre 2018.
-Target: 122 euro
-Negazione: 98 euro
-RSI (14): ipercomprato
Hera
Hera (+0,83%) sale su nuovi massimi storici a 3,956 euro nel tentativo di estendere il rally verso target a 4,20 circa, lato superiore del canale che sale dai minimi dicembre 2018.

Il ritorno sotto 3,72, media mobile a 50 giorni e base del citato canale, metterebbe in discussione tale ipotesi ma solo la violazione di area 3,30 determinerebbe un pericoloso peggioramento del quadro grafico di breve per target negativi a 3,10/3,12 circa.
-Target: 3,80 euro
-Negazione: 3,30 euro
-RSI (14): neutrale
Creval
Creval (+4,28%) supera i massimi di settembre accelerando in direzione dei top di aprile/massimi di inzio anno a 0,076/0,077 circa.

Conferme oltre questi riferimenti invierebbero segnali duraturi di ripresa per obiettivi a 0,084 circa, quota pari al 50% di ritracciamento della discesa avviata più di un anno. Diversamente, sotto 0,063, media mobile a 50 sedute, rischio di dietro front verso 0,059 e fino ai supporti critici a 0,052 circa.

-Target: 0,076 euro
-Negazione: 0,063 euro
-RSI (14): neutrale
Azimut
Azimut Holding (+2,59%) preme sull'acceleratore e raggiunge a 22,27 euro il livello più alto dal 2016, a contatto con il 61,8% di ritracciamento della discesa avviata nel maggio 2015.

Conferme oltre questo limite permetterebbero di annullare completamente la fase ribassista precedente prospettando il ritorno sul massimo storico a 29,80 (maggio 2015). Target intermedio a 24,47 top di dicembre 2015. Eventuali prese di profitto potrebbero invece favorire un "return move" in area 19,50.

-Target: 24,47 euro
-Negazione: 19,50 euro
-RSI (14): ipercomprato
Reply
Momento decisivo per Reply (+5,97%) tornato ad attaccare i record di luglio a 64,75 euro. Il segnale di forza generato dall'eventuale superamento di questo limite spianerebbe la strada verso nuovi record in area 70, per il test del lato superiore di un canale disegnato dai minimi di fine 2016.

Se invece area 64,75 dovesse frenare le ambizioni di crescita aumenterebbe il rischio di assistere a prese di profitto, con conseguente flessione verso area 59/59,50, critica nel medio/breve termine.
-Target: 61,30 euro
-Negazione: 54 euro
-RSI (14): ipercomprato
(CC - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.