Mercato Trading e Segnali Operativi... Le prospettive di un inverno caldo spingono il gas naturale nel baratro | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
Trade Like a Steve Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 6 novembre 2019

Le prospettive di un inverno caldo spingono il gas naturale nel baratro

Il mercato del gas naturale continua a soffrire, le previsioni sui prezzi per i prossimi anni mostrano un mercato fermo dall’eccesso di offerta. L’energy information administration (EIA), prevede che la produzione media annuale di gas naturale negli Stati Uniti raggiungerà una media di 91,6 miliardi di piedi cubi al giorno (Bcf/g) nel 2019, con un aumento del 10% rispetto alla media del 2018. Sempre l’EIA prevede che la produzione di gas naturale crescerà molto meno nel 2020 perché l’effetto ritardato dei prezzi bassi, nella seconda metà del 2019, ridurrà la perforazione del gas naturale.
Mai come quest’anno, il prezzo del gas naturale dipenderà dal clima, che ci sia un freddo prolungato o no. Anche in caso di un inverno molto freddo, il prezzo del gas sarà sotto pressione.
Bank of America in una nota della scorsa settimana.
L’aumento della produzione ha più che compensato il costante aumento della domanda dal passaggio da carbone a gas. Gli inventari sono saliti quest’anno a un ritmo più rapido rispetto al 2018. Per la settimana terminata il 18 ottobre, le scorte di gas statunitensi sono state pari a 3.606 miliardi di piedi cubi, ovvero circa 519 miliardi di metri cubi in più rispetto alla stessa settimana del 2018.
A differenza dell’anno scorso, quando i prezzi del gas naturale sono aumentati brevemente, gli Stati Uniti si stanno dirigendo verso la stagione invernale con ampie scorte disponibili.
Un inverno mite nell’emisfero settentrionale o un peggioramento del contesto macro potrebbero essere catastrofici per i prezzi del gas in tutte le regioni.
Bank of America.
A causa di una varietà di fattori, i valori del gas potrebbero rimanere in questo stato per i prossimi anni. Entro il 2021 gli Stati Uniti potrebbero avere in deposito 4,2 trilioni di metri cubi di gas naturale in giacenza, sarebbe un dato record. Di conseguenza, c’è poco spazio per aumentare i prezzi. Inoltre, fino a quando il petrolio e lo Shale non diminuiranno, non ci sarà alcun miglioramento nei prezzi del gas naturale. Sarà interessante leggere i report sia Exxon che Chevron sulle loro previsioni del bacino Permiano in uscita questa settimana.
grafico - i valori del gas potrebbero rimanere in questo stato per i prossimi anni
grafico - i valori del gas potrebbero rimanere in questo stato per i prossimi anni
Le esportazioni di gas dal Texas al Messico sono in aumento, fornendo uno sbocco per un eccesso di gas bloccato nel Permiano, inoltre è di qualche giorno fa che la più grossa midstream americana, Enterprise Products (EPD) ha annunciato di aver terminato 1200 miglia di gasdotto, collegando la costa orientale col Texas.
Tuttavia, la recessione manifatturiera in atto sta creando una “debole domanda industriale interna”. La domanda di gas (questo è il punto focale) è cresciuta costantemente anno dopo anno negli ultimi dieci anni, ma la crescita si è appiattita nel 2019. Questo è un segno del rallentamento economico, che ha colpito duramente il settore manifatturiero.
Mentre l’EIA rimane ottimista sul fatto che la seconda metà dell’anno sarà notevolmente più forte della prima metà, molti dati economici stanno andando nella direzione opposta. I volumi commerciali globali cresceranno dell’1,2% quest’anno, in calo rispetto al 3% circa rispetto l’anno scorso. Anche la produzione industriale è stagnante. Le vendite di automobili, l’attività manifatturiera e una varietà di altri indicatori stanno alzando bandiere rosse.
Il rallentamento dei volumi commerciali ha già influenzato le consegne impattando sul trasporto di camion e quindi sul consumo di gasolio. Credo sia chiaro che l’America stia vivendo un periodo di recessione manifatturiera, a guardare gli indici non sembra, ma i dati macro parlano chiaro.
Il futuro di chi estrae
Prevedo che le società incentrate sullo shale del gas saranno colpite duramente, dal momento che i prezzi del gas naturale scenderanno ulteriormente rispetto al greggio. Inoltre, non hanno entrate petrolifere su cui contare. Mi aspetto che i maggiori problemi saranno per i produttori di gas naturale, in particolare quelli senza trasporto fisso in aree geograficamente svantaggiate, come per esempio EQT Corp. (EQT) o Chesapeak energy (CHK), già colpiti duramente negli ultimi anni.
Ciò potrebbe comportare un periodo di tempo più lungo affinché il mercato possa riequilibrarsi. Nel frattempo, i perforatori di gas negli Appalachi avvertiranno una forte pressione. EQT con sede a Pittsburgh, il più grande produttore di gas nel paese, ha visto il suo prezzo delle azioni scendere della metà quest’anno.
Il risultato è che lo stress finanziario diffuso nell’industria del gas potrebbe tradursi in una crescita della produzione più debole. Sebbene non sia stata una buona mossa andare contro la produzione di scisto in questo decennio, la produzione di gas naturale sta rallentando. Le condizioni di credito di alcuni dei maggiori produttori di gas sono peggiorate, ci sarà una selezione naturale, alla fine solo i migliori sopravviveranno all’epurazione di aziende del settore, quelle che punteranno maggiormente sulla produzione di gas naturale liquido (LNG) nei prossimi anni.
Sebbene molte aziende lo stiano già facendo, molte di loro non sono ben strutturate o non hanno fondi per fare cambiamenti.
Cos’è LNG o gas liquido?
Allo stato naturale, il metano è in forma gassosa. Tuttavia, il gas naturale può essere liquefatto presso terminali LNG specializzati. Le aziende devono prima costruire unità di liquefazione, note come trains, che utilizzano la refrigerazione per raffreddare il gas fino a -260 gradi Fahrenheit, che è il punto in cui diventa un liquido e il suo volume si riduce.
Una volta in forma liquida, l’industria può quindi caricare LNG su navi specializzate che mantenendolo freddo lo trasportano sui mercati globali. Una volta raggiunta la destinazione, LNG passa attraverso un processo di rigassificazione passando attraverso scambiatori di calore che lo trasformano in gas in modo che possa fluire attraverso il sistema di tubazioni locale.
Conclusioni
In breve, i prezzi sono destinati a rimanere depressi quest’anno e penso anche per il prossimo.
Le principali banche tra cui JPMorgan Chase (JPM), Wells Fargo (WFC) e Royal Bank of Canada (RY) hanno, come parte delle periodiche revisioni semestrali, ridotto i loro valori stimati per le compagnie petrolifere e del gas, che servono come base per le società che ricevono prestiti basati sulle riserve (RBLs**).
**Il prestito basato sulla riserva (RBL) è un tipo di finanziamento in cui un prestito è garantito dalle riserve non sviluppate di petrolio e gas di un mutuatario. La struttura viene rimborsata utilizzando i proventi derivanti dalle vendite sul campo o sul portafoglio di settori in produzione.
Mentre la dimensione del mercato RBL non è chiara, si stima che alcune centinaia di società prendano tali prestiti per miliardi di dollari. Questi istituti di credito hanno ridotto il valore percepito sia per il petrolio che per il gas naturale per i prossimi cinque anni, con i cambiamenti che hanno avuto inizio già questo mese.
Il gas naturale è un combustibile vitale, che attualmente fornisce il 23% del fabbisogno energetico mondiale. Sta per diventare una fonte di energia molto importante. Sicuramente diventerà un mercato fondamentale ma non prima d’aver passato anni ad equilibrare la massiccia produzione in risposta ad una domanda ancora troppo bassa. Dovrebbe crescere del 40% entro il 2040 secondo l’Agenzia internazionale dell’energia (IEA). Uno dei molti fattori che guideranno questa crescita della domanda frenetica è che il gas naturale produce meno emissioni rispetto al petrolio e al carbone, il che lo rende una scelta più pulita in un mondo sempre più interessato ai cambiamenti climatici.
Con il gas naturale che diventa una fonte di energia sempre più importante, è fondamentale che gli investitori comprendano il settore. In questo modo, saranno in grado di individuare le migliori opportunità per trarre profitto da questo settore e il primo passo sarà quello di scegliere le migliori società che emergeranno da questo periodo di rallentamento.

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.