Mercato Trading e Segnali Operativi... Barlume di speranza dalla Germania, USD spento | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
Trade Like a Steve Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 7 novembre 2019

Barlume di speranza dalla Germania, USD spento


Barlume di speranza dalla Germania

By Peter Rosenstreich
A livello globale tutti gli occhi sono sulla Germania. Il motore della crescita economica in Europa è danneggiato dopo che i due anni di tensione commerciale hanno preso il suo pedaggio sull’attività economica mondiale.
I volumi del commercio mondiale si sono contratti al 1,2% a / a nel mese di agosto, il terzo declino consecutivo annuo mensile e il PMI sulla produzione globale rimane al di sotto della soglia di 50. La Germania si pone come un fattore invisibile per la guerra commerciale globale, il che fornisce ai mercati una panoramica degli effetti reali del protezionismo.

I dati più recenti suggeriscono che il peggio è forse passato (salvo un'escalation delle tensioni commerciali). La produzione industriale della Germania è scesa del -0,6% m / m nel mese di settembre, al di sotto del consenso per un calo del -0,4%. Il tasso annuo è sceso al 4,3% da un massimo modificato in agosto del -3,9%.
Nei dati commerciali netti è stato il probabile colpevole nel guidare l'economia tedesca in recessione nel 2 ° trimestre e il 3 ° trimestre. Tuttavia, la produzione di energia è. Mentre ieri gli ordini di fabbrica sono aumentati dell’1,3% m / m nel mese di settembre, sopra il consenso per un aumento dello 0,1% principalmente grazie a un aumento del 3,1% m / m dei nuovi ordini per beni capitali.

La crescita negli ordini di fabbrica tedeschi è ormai assestata, anche se a un ritmo debole, suggerendo una debole crescita della produzione all'inizio del 4 ° trimestre. Questo piccolo punto luminoso potrebbe indicare un fondo per la Germania. Il sentimento della produzione generale e le tendenze della produzione industriale non sono incoraggianti, ma un piccolo aumento nei settori leader potrebbe segnalare un'inversione della prospettiva.
È troppo presto perché l'EUR/USD metta in scena un recupero significativo con il monitoraggio del mercato del supporto chiave a 1.1060.

I titoli sulla guerra commerciale non fanno più impressione

By Vincent Mivelaz
La mossa appare abbastanza sorprendente, eppure sembra che le ultime voci confermino che un accordo ad interim sino-americano non dovrebbe essere firmato fino a dicembre, il che non favorisce il biglietto verde e mantiene lo yuan con un certo vantaggio mentre i partecipanti al mercato decidono di prendere i profitti sulle posizioni lunghe dell’USD.

Eppure, la questione dei prossimi dazi sui 156 miliardi di dollari delle importazioni cinesi previsti per il 15 dicembre 2019 è ancora sul tavolo, mentre la richiesta dei negoziatori cinesi di ripristinare i dazi esistenti dovrebbe essere parzialmente approvata. Sulla stessa linea, l'introduzione dei legislatori degli Stati Uniti di un disegno di legge composto da un divieto di investimento per un fondo di pensione federale in azioni cinesi per motivi di sicurezza non dovrebbe alleviare la situazione.

Nonostante il rilascio dei deludenti dati di produttività e considerando che non si prevede che la Fed intervenga entro il prossimo anno, la forza del biglietto verde resterà.

I negoziati commerciali positivi tra la Cina e gli Stati Uniti e una pausa nella interruzione dei dazi continuano a sostenere il caso degli investimenti stranieri più forti in azioni cinesi, come mostrato dalle partecipazioni estere di settembre nelle azioni cinesi, in aumento per il quarto mese consecutivo a un massimo storico di 1,77 trilioni di CNY ($ 253 miliardi).

Quest'ultimo è anche probabile se supportato dal forte segnale della Banca Popolare Cinese che è pronta ad implementare un altro allentamento della politica monetaria per sostenere la crescita a seguito del taglio di cinque punti base del tasso di rifinanziamento a medio termine al 3,25%, una mossa che dovrebbe anche ridurre il tasso prime rate dei clienti privati.
Di conseguenza, una riduzione equivalente dei dazi esistenti su entrambi i lati dovrebbe sostenere entrambe le economie, mentre gli esportatori cinesi sono stati costretti a ridurre i loro prezzi in media dell’8% nel secondo semestre dell'anno, e i consumatori finali degli Stati Uniti hanno dovuto pagarne il conto.
L’USD/CNY (+1,63 da inizio anno) è attualmente scambiato a 6.9739, ampiamente al di sotto della quotazione di 7.0008 e rompendo il supporto psicologico di 7.

Si prevede che la coppia si riprenda a futuro.
Autore: Swissquote Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.