Mercato Trading e Segnali Operativi... Pensioni, tasse sul fumo, superenalotto: cambia tutto di nuovo | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
Trade Like a Steve Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 31 ottobre 2019

Pensioni, tasse sul fumo, superenalotto: cambia tutto di nuovo


A poche ore dal suo ingresso in Parlamento, la manovra 2020 del governo giallo rosso continua ad essere, come ben riassume questa mattina il Sole 24 ore, "un puzzle in piena costruzione": lo dimostrano le ulteriori novità spuntate con la bozza venuta fuori dagli ultimi vertici di maggioranza.

Novità che non sono poche. E che peraltro non saranno probabilmente neanche le ultime, dato che il testo definitivo non dovrebbe arrivare alle Camere prima dell’inizio della prossima settimana.

Pensioni, tasse sul fumo, superenalotto: cambia tutto di nuovo

Una prima variazione rispetto alle precedenti indicazioni sembra riguardi la nuova "microtassa" che colpirà gli utilizzatori di sigarette fatte a mano dall'inizio del 2020.

Stando a quanto si leggeva già ieri, ricordiamo, ci sarà un inedito prelievo sulle "cartine, le cartine arrotolate senza tabacco e i filtri funzionali ad arrotolare le sigarette". Nella nuova bozza, tuttavia, si abbassa da 0,005 a 0,0036 centesimi l'imposta prevista per ogni "pezzo contenuto in ciascuna confezione destinata alla vendita al pubblico".
Tradotto: per ogni pacchetto da 100 cartine, ad esempio ci sarà un aumento di 36 centesimi anziche di 50 centesimi. E resta fissato che il prelievo sarà a carico di produttori o fornitori nazionali "all'atto della cessione" ai tabaccai.

Manovra: tassa sulla fortuna anche sotto 500 euro

Brutte notizie invece per vincitori di lotterie e utilizzatori di auto aziendali.

Per i primi, sembra che la tassa sulla fortuna interesserà anche le “microvincite”. Oltre cioé all'atteso incremento dal 12% al 15% (dal 1° maggio 2020) del prelievo su vincite superiori ai 500 euro, anche chi vince cifre inferiori a questa soglia al Superenalotto, al Superstar, al gratta e vinci e alle macchinette si vedrà imporre un nuovo balzello. "In questo chi centrerà un 2 al Superenalotto", scrive il Sole 24 Ore, "dei 5 euro che questa vincita in media paga ad ogni estrazione l'1,8% andrà allo Stato.

E questo a partire dal prossimo 1° maggio 2020. Un prelievo che sulle piccole vincite diventerà dell'1,3% dal 1° gennaio 2021.

Legge di bilancio: stangata su auto aziendali

Un colpo decisamente più duro si prepara nel frattempo per chi beneficia di un'auto aziendale, concessa dal datore di lavoro e utilizzata in veste di benefit non monetario dello stipendio.

Il "fringe benefit", ovvero lo sconto al 30% del valore di auto e ciclomotori concessi in uso promiscuo, che al momento vale per la totalità dei dipendenti, sarà limitato a partire dal al 1° gennaio ai veicoli in uso ad "agenti e rappresentanti di commercio": per tutti gli altri, dunque, salirà praticamente di tre volte l'imponibile su cui vengono calcolati Irpef, tributi locali e contributi previdenziali.

Pensioni: rivalutazioni fino a 2.029 euro

Infine, capitolo pensioni.

Su questo fronte, c'è la conferma, come già anticipato nei giorni scorsi, che da gennaio scatterà una rimodulazione delle fasce di perequazione, con la rivalutazione delle pensioni tra 1500 e 2000 euro: tutti coloro cioé che ricevono somme oltre tre a fino a quattro volte il trattamento minimo Inps, e più precisamente gli assegni compresi tra 1.522 e 2.029 euro, otterranno l'adeguamento pieno all'inflazione, ossia al 100% invece che al 97% come prevede la disciplina attualmente in vigore.

Si tratterà, è bene precisare, di aumenti estremamente irrisori, variazioni puramente "simboliche"e limitate cioé a pochi euro nell'arco di un intero anno.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.