Mercato Trading e Segnali Operativi... Mercati finanziari: la sintesi quotidiana dei fatti | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
Trade Like a Steve Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 17 ottobre 2019

Mercati finanziari: la sintesi quotidiana dei fatti


La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat.

Borse Mondiali

Usa
In denaro Netflix (+0,71%). Tesla ha guadagnato lo 0,72%.
Microsoft ha perso lo 0,82%. In lettera PayPal (-0,48%).
Italia
Seduta positiva per il settore bancario con Banco Bpm (+3,11%), Ubi Banca (+2,71%), UniCredit (+1,77%), Intesa Sanpaolo (+1,29%), Mediobanca (+1,11%) e Banca Mediolanum (+0,82%). In controtendenza Banca Generali (-1,36%).
Assicurazioni Generali è rimasta poco mossa (+0,03%) ed il titolo si è portato ad euro 18,11.
Saipem è cresciuta dello 0,14%.

Eni ha subito un calo dello 0,16%.
Negativo il settore delle utilities con A2A (-0,95%), Terna (-0,91%), Snam (-0,51%), Enel (-0,48%) ed Italgas (-0,32%).
Telecom Italia è salito dello 0,30% ed il titolo ha chiuso ad euro 0,5394.
Negativo il settore del lusso con Ferragamo (-1,76%) e Moncler (-1,26%).
Poco mossa Tod’s (+0,05%).
Seduta contrastata per il settore industriale con Brembo (+1,90%), Fincantieri (+0,70%), Buzzi Unicem (-0,87%) e Leonardo (-1,29%).
Hanno chiuso in terreno positivo le società guidate dagli Agnelli con Ferrari (+2,00%), FCA (+1,04%) ed Exor (+0,74%).

In controtendenza CNH Industrial (-0,14%).
Poste Italiane hanno perso l’1,44%. Positiva Pirelli (+1,35%).
Gran Bretagna
Seduta negativa per GlaxoSmithKline (-1,17%). Poco mossa Diageo (-0,03%). Tesco ha perso lo 0,37%. In lettera Vodafone (-0,73%).
Germania
Ha chiuso in terreno positivo Thyssen Krupp (+4,64%).
Lufthansa è salita dell’1,49%. Bayer ha registrato una flessione dello 0,65%. Poco mossa Deutsche Telekom (-0,09%).
Francia
In denaro L'Oreal (+0,49%). Bnp Paribas ha registrato un incremento dello 0,45%. Axa ha perso lo 0,61%. Danone è scesa dell’1,52%.

Economia

Gran Bretagna/1: l’indice dei prezzi al consumo “core” (a/a), in settembre, ha confermato le attese (+1,7%) portandosi al di sopra del dato precedente (+1,5%).
Gran Bretagna/2: l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (m/m), in settembre, ha registrato un incremento (+0,10%) inferiore rispetto sia alle attese (+0,20%) che al dato precedente (+0,40%).

Su base annuale, esso è rimasto invariato rispetto alla lettura precedente (+1,7%) nonostante le attese lo avessero rivisto al rialzo (+1,8%).
Italia: l’indice dei prezzi al consumo (a/a), nella lettura finale di settembre, ha registrato una variazione positiva (+0,30%) ma inferiore alle aspettative (+0,40%) che lasciavano invariato il dato precedente.
Eurozona/1: l’indice armonizzato die prezzi la consumo “core” (a/a), nella lettura finale di settembre, ha confermato le attese (+1,0%) che lasciavano invariato il dato precedente.

Eurozona/2: l’indice armonizzato die prezzi la consumo (m/m), in settembre, ha registrato l’incremento previsto dalle aspettative (+0,20%).

In precedenza, esso aveva registrato una variazione positiva dello 0,10%. Su base annuale, l’indice è risultato positivo (+0,80%) ma inferiore alle attese (+0,90%) che non mutavano il dato precedente.
Eurozona/3: la bilancia commerciale, in agosto, ha registrato un incremento del 16%, attestandosi a 20,3 miliardi di euro rispetto ai 17,5 miliardi registrati in precedenza.
Usa/1: le vendite al dettaglio (escluse le automobili) di settembre, su base mensile, hanno registrato un decremento dello 0,10%.

Gli analisti erano in attesa di un dato (+0,20%) in linea con quello precedente.
Usa/2: le vendite al dettaglio di settembre, su base mensile, sono scese dello 0,30%; gli economisti erano avevano rivisto il dato precedente (+0,60%) al ribasso ed erano in attesa di una variazione dello 0,30%.
Usa/3: la scorta d’industria (m/m), in agosto, non ha subito variazioni (0,00%) rispetto al dato precedente (+0,30%) che era stato riconfermato dalle aspettative di mercato.

Le Small Cap sotto “coverage” Finnat

Mondo TV: ha annunciato di aver sottoscritto con York Animation, primario studio cinese di animazione, un nuovo accordo di partnership che pone le basi per la produzione di quattro nuovi progetti nei prossimi tre anni.

Tale accordo prevede un investimento complessivo, da parte di Mondo TV, di circa 17 milioni di dollari che saranno ripartiti nei prossimi tre anni di prevedibile lavorazione delle nuove serie.
AMM: ha siglato un contratto di investimento per l’acquisizione di una partecipazione pari al 51% del capitale sociale di “LeadBI”, società a responsabilità limitata in via di costituzione, che sarà attiva nello sviluppo e commercializzazione di una piattaforma SaaS (software as a service) per la fornitura di servizi di e-mail marketing automation.

Il controvalore complessivo dell’Operazione è pari a Euro 369.750 e sarà corrisposto interamente per cassa e alla data dell’esecuzione.

Altre società

Eni: ha acquistato, nel periodo compreso tra il 7 ottobre e l’11 ottobre 2019, 1.279.724 azioni proprie, al prezzo medio ponderato di €13,64 per azione, per un controvalore complessivo di 17,5 milioni di euro nell’ambito dell’autorizzazione all’acquisto di azioni proprie deliberata dall’assemblea di Eni dello scorso 14 maggio.

Dall’inizio del programma, Eni ha acquistato 18.760.219 azioni proprie (pari allo 0,52% del capitale sociale).
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.