Mercato Trading e Segnali Operativi... L'Angolo del Trader | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
Trade Like a Steve Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 11 settembre 2019

L'Angolo del Trader


Amplifon, -4,11% a 21,44 euro, ieri ha prolungato la flessione di lunedì in scia al report di Jefferies. Gli analisti del broker americano hanno peggiorato la raccomandazione sul titolo da buy a hold ma hanno contemporaneamente incrementato il target da 20,20 a 25 euro. Seppur brusca, la discesa appare per il momento del tutto fisiologica dopo il test di un nuovo massimo storico a 24,26 euro a contatto con il lato superiore di un ampio canale che contiene le oscillazioni da dicembre 2016.

Da quei livelli i prezzi sono precipitati in poche sedute fino a 21,30 circa, base di un canale di origine più recente che sale da maggio. Discese sotto questo riferimento farebbero temere ulteriori e pericolosi approfondimenti verso i sostegni statici e dinamici a 20,00/20,50, trend line disegnata dai minimi di fine 2018.
Al contrario, reazioni dai livelli attuali permetterebbero una evoluzione positiva verso obiettivi in area 26.
*Nexi, *-4,24% a 9,2850 euro, in rosso: MF scrive che con il nuovo governo pare più difficile la nomina di Massimo Sarmi (area Lega) alla guida di SIA (controllata da CDP), nomina che sembrava propedeutica alla fusione tra i due gruppi attivi nei pagamenti elettronici.

Ora potrebbe invece tornare in primo piano l'ipotesi di nozze tra SIA e la francese Worldline. Con la flessione di ieri Nexi ha violato il riferimento a 9,45 euro circa che ha funzionato come resistenza a inizio giugno e come supporto nella seconda metà di luglio. Il titolo è ora esposto al rischio di approfondimento verso 8,7550, minimo di fine giugno e sostegno determinante per conservare l'integrità della struttura rialzista originata dal minimo storico di inizio maggio a 7,8310.
L'eventuale ritorno in pianta stabile oltre 9,45 preannuncerebbe un attacco al record a 10,0760 e la possibile riattivazione della tendenza ascendente verso 10,35/10,40 almeno.

Brusco incremento della volatilità per Carel Industries (ieri -7,38% a 12,04 euro) che ieri ha ritracciato parte del balzo di lunedì (+18% circa), quando il titolo era scattato in avanti toccando il nuovo massimo storico a 13 euro grazie ai dati del primo semestre: ricavi +20,3% a/a e utile netto in crescita del 21,7% a 19 milioni di euro.

Nonostante la correzione di ieri il segnale grafico rialzista inviato lunedì da Carel Industries non è stato compromesso. Il titolo è infatti riuscito a mantenersi sopra le ex resistenze (ora supporti) a 11,90/12,00 euro, operazione che lascia aperte le porte a estensioni verso 13,40 e 15. La violazione di 11,90/12,00 creerebbe invece le premesse per un arretramento sui 10,40 circa supporto decisivo nel medio termine per evitare approfondimenti in area 9.
(SF - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.