-
Trade Like a Steve Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 13 settembre 2019

Bancari euforici dopo la BCE. Gli analisti però hanno dei dubbi


A Piazza Affari la settimana si è chiusa in bellezza per i titoli del settore bancario che dopo il rialzo di ieri hanno vissuto oggi un'altra seduta tutta in salita.

Bancari: gli acquisti non si fermano all'indomani della BCE

La migliore performance è stata quella di Unicredit con un rally del 4,3%, seguito da Ubi Banca che si è apprezzato del 3,19%, mentre Intesa Sanpaolo e Bper Banca hanno guadagnato il 2,8% e il 2,53%, lasciando più indietro Banco BPM e Mediobanca, con un vantaggio rispettivamente del 2,06% e dello 0,94%. 
I titoli del settore bancario hanno guadagnato ancora terreno sulla scia dell'ulteriore restringimento dello spread BTP-Bund e all'indomani delle misure annunciate dalla BCE per sostenere l'economia.
Nel dettaglio l'Eurotower ha tagliato il tasso di deposito dello 0,1% portandolo a -0,5% e ha rivisto le condizioni delle aste Tltro III, con la possibilità di ottenere ora liquidità allo 0% e per una durata di tre anni e non più di due.
Per aiutare le banche è stato annunciato un sistema di tiering sui depositi e infine è stato reso noto l'avvio del nuovo quantitative easing che partirà il primo novembre ad un ritmo di acquisti mensili pari a 20 miliardi di euro.
Le misure rese note ieri dalla BCE sono state accolte con entusiasmo dal mercato e in particolare dal settore bancario, ma dagli analisti arrivano un monito a non farsi travolgere dall'euforia.

Banche: Equita, mosse BCE con effetti limitati sui fondamentali

Gli esperti di Equita SIM in una nota diffusa oggi evidenziano che le nuove misure di politica monetaria annunciate dalla Bce hanno un effetto limitato sui fondamentali delle banche.
La SIM milanese stima minori costi sulla liquidità in eccesso per 156 milioni di euro, che potrebbero aumentare a 257 milioni, ma gli stessi dovrebbero essere quasi interamente compensati dalla riduzione di 10 punti base del tasso di deposito che potrebbe portare ad una ulteriore riduzione dell'Euribor.

Banche: per IMI buone notizie dalla BCE, ma lo scenario è complicato

Per gli analisti di Banca IMI il miglioramento delle caratteristiche della Tltro III e l'introduzione del tiering sono positivi per il settore bancario, mentre è stato in linea con le attese il taglio del tasso di deposito.
Gli esperti però fanno notare che lo scenario si conferma complesso per il comparto, a causa della previsione di un PIL debole in Italia e di un contesto di tassi più bassi a lungo.

Banche: Goldman Sachs accoglie con favore il pacchetto BCE

Ad apprezzare il pacchetto della BCE è Goldman Sachs, secondo cui nel complesso è positivo per le banche, definendo al contempo una sorpresa le misure relative alle aste Tltro.
Per gli analisti condizioni migliori sui finanziamenti sono positive per le banche meridionali dell'area europee, segnalando al contempo che sono un fattore negativo per le banche più forte, visto si riduce il loro vantaggio competitivo.  

Banche: Credit Suisse resta cauta.

Ecco perchè

Mostrano cautela i colleghi di Credit Suisse, secondo cui il piano annunciato ieri dalla BCE ha un valore solo se si accompagnerà ad una maggiore spesa da parte dei Governi, visto che ciò potrà garantire una maggiore efficacia dello stesso.
Gli analisti di Credit Suisse fanno notare che sul fronte del tiering, ad avere i maggiori benefici saranno le banche che detengono più cash.
I vantaggi più consistenti saranno quindi per gli istituti di credito francesi e tedeschi, mentre quelli italiani e portoghesi non avranno bonus.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.