Mercato Trading e Segnali Operativi... USA-Cina e Fed, un 2019 sugli scudi per i beni rifugio | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
.

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 13 agosto 2019

USA-Cina e Fed, un 2019 sugli scudi per i beni rifugio


Aneeka Gupta, Associate Director, Research di WisdomTree, spiega che l'interazione tra Trump, la Cina e la Federal Reserve si traduce in un ciclo di reazioni negative che probabilmente manterrà a livelli elevati i beni rifugio come l'oro e l'argento nel corso del 2019. L'annuncio di Trump di aumentare le tariffe sui rimanenti 300 miliardi di dollari di merci cinesi al 10% a partire dal 1° settembre 2019 ha scosso i mercati finanziari, aprendo la strada ad una significativa vendita sul mercato.L'annuncio è stato fatto un giorno dopo la riunione del FOMC del 30-31 luglio 2019.

Come previsto, la Fed ha abbassato i tassi d'interesse di 25 punti base (bps) e ha concluso il suo programma di rafforzamento quantitativo. La vera sorpresa è emersa alla conferenza stampa successiva al meeting in cui il presidente della Fed Jay Powell si è mostrato “falco”, alludendo al taglio dei tassi di interesse come semplice "aggiustamento di metà ciclo della politica" e "non all'inizio di una lunga serie di tagli", riducendo così la prospettiva di ulteriori tagli dei tassi.

Powell ha anche citato le incertezze commerciali come uno dei tre pilastri che hanno portato alla decisione di tagliare i tassi di un quarto di punto.
L'annuncio dell'aumento delle tariffe è molto probabilmente una tattica usata per spingere la Fed ad abbassare ulteriormente i tassi di interesse al fine di attenuare il colpo alla crescita economica degli Stati Uniti, mentre alza la posta in gioco contro la Cina.
Allo stesso tempo, la Cina è determinata ad essere la prima potenza economica mondiale e non lascerà Trump sulla sua strada. In risposta all'annuncio tariffario, il governo cinese ha dato istruzioni alle aziende statali di sospendere le importazioni di prodotti agricoli statunitensi e ha svalutato lo yuan.

La Cina è anche strategicamente consapevole dell'obiettivo generale di Trump di vincere le elezioni nel 2020 ed è probabile che imbocchi una traiettoria commerciale più dura per ridurre le possibilità di Trump essere rieletto.

L'ultimo rapporto sull'occupazione conferma che i consumi statunitensi rimangono solidi, ma la creazione di posti di lavoro sta rallentando, la crescita dei salari rimane contenuta e l'inflazione si attesta all'1,6% su base annua, il che giustifica l'ultima riduzione dei tassi.

Aneeka Gupta ritiene che la Fed sarà costretta ad agire nuovamente solo se il deterioramento del commercio globale inizierà ad avere un impatto sull'economia statunitense. Ciò sembra probabile a causa della dura posizione di politica commerciale adottata sia dal governo statunitense che da quello cinese.
Con l'intensificarsi delle tensioni commerciali USA-Cina, l'oro è negoziato con prezzi ai massimi da 6 anni - spiega Aneeka Gupta -.
L'aumento dell'incertezza economica sul commercio globale sta facendo rivivere lo status di bene rifugio dell'oro. Questo è evidente dai dati di posizionamento dei futures speculativi netti sui futures dell'oro che sono ora a 292.847 contratti, più di una deviazione standard al di sopra della sua media quinquennale, secondo i dati della Commodity Futures Trading Commission (CFTC).

Inoltre, gli acquisti netti delle banche centrali nel primo semestre del 2019 sono stati pari a 374,1 tonnellate, il 57% in più rispetto all'anno precedente e il livello più alto da quando sono diventati acquirenti netti nel 2010, secondo il World Gold Council (WGC).
Questi acquisti record da parte delle banche centrali mondiali sottolineano la necessità di diversificare le proprie riserve rispetto al dollaro USA.
Anche l'oro è inversamente correlato al dollaro USA e Aneeka Gupta si aspetta un'ulteriore debolezza di quest’ultimo a causa della pressione di Trump sulla Fed, del ridotto vantaggio di rendimento del dollaro rispetto alle alternative e dell'espansione del debito pubblico.

Elementi come l'uso storico dell'argento come valuta e come mezzo per preservare il valore e la sua forte correlazione con l’oro (quasi l'80%) nell'ultimo decennio, sostengono la tesi secondo cui l'argento può sfruttare la fama dell’oro in un contesto di mercato volatile.  
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.