Mercato Trading e Segnali Operativi... Ftse Mib sotto scacco con crisi Governo. Le attese gli analisti | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
.

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 9 agosto 2019

Ftse Mib sotto scacco con crisi Governo. Le attese gli analisti


Il rimbalzo di ieri ha avuto vita breve a Piazza Affari che a distanza di poche ore è tornata a fare i conti con le vendite, in uno scenario europeo caratterizzato da una debolezza generale.

Piazza Affari la peggiore in Europa. Vola lo spread BTP-Bund

Gli altri listini del Vecchio Continente tirano un po' il fiato dopo il rialzo delle ultime due sedute, ma è il Ftse Mib ad accusa il colpo maggiore, con un calo dell'1,82% a ridosso dei 20.450 punti.
Alta tensione anche sul fronte obbligazionario con lo spread BTP-Bund che schizza in alto e si riporta sui livelli di inizio luglio a 231,5 punti base, con un rally di quasi il 10%.
Non diverso l'andamento del rendimento del BTP a 10 anni che mette a segno un progresso del 9,35% all'1,708%.

Ftse Mib: banche e utility sotto pressione.

Salgono solo STM e Atlantia

L'impennata dello Spread e l'affondo dei BTP hanno immediate ripercussioni sul settore bancario a Piazza Affari, con Banco BPM in caduta di quasi il 6%, seguito da Ubi Banca, Unicredit e Bper Banca tutti in rosso di oltre quattro punti, mentre Intesa Sanpaolo e Mediobanca flettono del 3,68% e del 2,02%.
Male in generale il comparto finanziario, ma a cadere sotto il peso delle vendite sono anche le utility.
Tra le poche note positive troviamo Moncler che viaggia appena sopra la parità, preceduto da STM che sale dell'1,18%, beneficiando della promozione di Goldman Sachs, i cui analisti hanno migliorato il rating da "neutral" a "buy", con un prezzo obiettivo ritoccato da 17 a 17,5 euro.
Riesce a fare ancora meglio Atlantia che mostra un progresso del 2,13%, sostenuto almeno per il momento dal venir meno del rischio relativo all'avvio della procedura di revoca della concessione.
A mettere sotto pressione Piazza Affari e lo spread è la crisi di Governo aperta ieri dal vice premier Matteo Salvini che ha chiesto un ritorno alle urne.

Piazza Affari penalizzata da crisi Governo.

La view di Equita SIM

Come spiegato dagli analisti di Equita SIM, il premier Giuseppe Conte intende andare in Parlamento per verificare la fiducia e questo avverrà probabilmente la settimana successiva a quella di Ferragosto.
Seguiranno poi consultazioni da parte del Presidente della Repubblica per verificare l'esistenza di una maggioranza parlamentare alternativa.
In assenza di quest'ultima, scenario più probabile secondo Equita SIM, Mattarella convocherà nuove elezioni probabilmente per fine ottobre.
A detta degli analisti lo snodo più importante da risolvere è l'approvazione della legge di bilancio 2020, perchè i tempi sono stretti e ci sono da evitare oltre 23 miliardi di euro di aumenti Iva.
La SIM milanese si aspetta nel breve un rialzo dello spread per l'aumento dell'incertezza sullo scenario politico, per la necessità di definire una manovra di bilancio più complessa rispetto allo scorso anno e per la volontà della Lega di spingere verso politiche fiscali espansive.

A tal proposito gli analisti ricordano che nei giorni scorsi Salvini ha detto che il limite del deficit al 2% per il 2020 non verrà neppure preso in considerazione.
Gli esperti evidenziano altresì che l'azione di Governo in questi ultimi mesi era peraltro paralizzata dallo scontro tra Movimento 5 Stelle e Lega, per cui la crisi a loro avviso sblocca questo impasse e apre a scenari di Governo con maggioranze più omogenee e che potrebbero quindi essere più efficaci.

Unicredit vede ritorno alle urne a fine ottobre.

Per gli strategist di Unicredit non è chiaro il calendario della crisi di Governo, anche per via della concomitanza con la chiusura estiva del Parlamento.
Un voto di sfiducia probabilmente si terrà la prossima settimana o la successiva e in seguito la palla passerà al Capo dello Stato che terrà un rapido giro di consultazioni.
Unicredit da una parte riconosce che ci sono i numeri per una maggioranza costituita da Movimento 5 Stelle e Partito Democratico, ma ritengono improbabile che la stessa si formi.
Per questo motivo Mattarella probabilmente scioglierà le Camere e si tornerà così al voto che dovrebbe tenersi nella seconda metà di ottobre. 

Crisi Governo: per Morgan Stanley il focus è sulla legge di bilancio

Per i colleghi di Morgan Stanley le elezioni politiche potrebbero svolgersi a metà ottobre, proprio nei giorni in cui la legge di bilancio deve essere inviata alla Commissione Europea per poi essere votata dal Parlamento.   
I timori maggiori del mercato sono proprio legati alle ripercussioni che un ritorno alle urne avrebbe sulla stesura della manovra 2020.
Morgan Stanley ritiene che una vittoria del centro-destra o della sola Lega alle elezioni anticipate non placherebbe le preoccupazioni degli investitori sui conti pubblici italiani.
Il partito guidato da Matteo Salvini infatti punta ad una legge di bilancio con maggiore deficit per finanziare un taglio delle tasse e l'aumento della spesa.
In generale secondo gli analisti qualsiasi proposta di manovra basata su previsioni di crescita irrealistiche o che porti il debito su una traiettoria crescente avrà come risultato un nuovo scontro tra l'Italia e l'Europa. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.