-
Trade Like a Steve Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 19 agosto 2019

Enel sale ancora: Argentina snobbata. Un buy da cogliere al volo


A Piazza Affari anche in questa prima seduta della settimana lo shopping ha la meglio e tra i titoli che riescono a catalizzare l'attenzione degli acquirenti troviamo anche Enel.

Enel ancora in rialzo dopo il rally di venerdì

Il titolo, che pure mostra una minore vivacità rispetto al Ftse Mib, dopo aver chiuso la sessione di venerdì scorso con un rally di oltre il 4,5%, continua a spingersi in avanti.
Negli ultimi minuti Enel viene fotografato a 6,346 euro, con un progresso dello 0,97% e oltre 14 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 28 milioni di pezzi.

Enel sale malgrado le tensioni su spread e BTP

Enel beneficia della positiva intonazione del mercato in generale e del settore utility in particolare, all'interno del quale mette a segno una delle migliori performance oggi.
Il titolo non sembra risentire in alcun modo delle tensioni che si registrano sul fronte obbligazionario, con lo spread BTP-Bund tornato a salire, tanto da evidenziare un rialzo dello 0,58% a 209,4 punti base.
Decisamente più ampio l'incremento messo a segno dal rendimento dei BTP a 10 anni che sale del 3,19% all'1,454%.


Enel inoltre non viene frenato dalla difficile situazione politica in Argentina, dove il gruppo è esposto con circa il 3% dell'Ebitda.

Enel non risente della crisi in Argentina

Dopo la sconfitta del presidente, Mauricio Macri, alle primarie per le prossime elezioni in programma il 27 ottobre, ci sono state giornate di caos in Argentina che hanno portato il Ministro delle Finanze, Nicolas Dujovne, a rassegnare le dimissioni.
Stando alle ultime indiscrezioni, il posto lasciato vuota da Dujovne dovrebbe colmato dall'attuale titolare dell'economia della provincia di Buenos Aires, Hernan Lacunza.
Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?
Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com

Enel: rassicurazioni sull'esposizione in Argentina.

Equita dice buy

In un'intervista rilasciata la scorsa settimana il responsabile di Enel Americas ha dichiarato che il gruppo investe ormai in Argentina solo la generazione di cassa del Paese stesso e le riduzioni tariffarie porteranno ad investimenti più contenuti.

A ciò si aggiunga che l'esposizione complessiva di Enel e? contenuta al 3% di ebitda e una revisione delle stime per il 2020-2021 avrebbe un impatto dello 0,6% dell utile consolidato.
Gli analisti di Equita SIM evidenziano che l’esposizione del gruppo all'Argentina e? contenuta e le aspettative di piano erano gia? state abbassate nei mesi scorsi.
Confermata così dagli analisti la raccomandazione "buy" su Enel, con un prezzo obiettivo a 6,7 euro.

Enel: per Akros l'impatto della crisi argentina è negativo, ma gestibile

Un giudizio bullish condiviso anche dai colleghi di Banca Akros che nei giorni scorsi ha reiterato il rating "accumulate" sul titolo, con un target price invariato a 6,75 euro.
Per gli analisti l'impatto della crisi Argentina su Enel è negativo, ma gestibile, ricordando che la controllata Enel Americas ha un impatto limitato sull'Ebitda.
Banca Akros evidenzia inoltre che con riferimento alle operazioni di M&A in America Latina, la situazione potrebbe rivelarsi positiva, visto che un'ulteriore svalutazione della valuta potrebbe portare a multipli economici per fusioni e acquisizioni.

Enel: Banca IMI resta bullish.

Focus sugli ultimi rumor

Infine, a puntare su Enel è anche Banca IMI che invita ad acquistare con un fair value a 6,7 euro. 
Gli analisti si concentrano su altri temi e in particolare sulle indiscrezioni di stampa secondi cui Hidroelectrica sarebbe interessata ad alcuni asset di Enel in Romania.
Banca IMI non esclude che questi ultimi possano essere ceduti dal gruppo nell'ambito della sua strategia di gestione del portafoglio.
Per gli analisti però questa notizia almeno per ora non avrà impatti sul titolo, sia perchè questo processo dovrebbe essere in una fase iniziale e sia perchè i rumor sulla vendita degli asset rumeni circolano ormai da anni e non sono una novità.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.