Mercato Trading e Segnali Operativi... Ftse Mib: spunti di trading. Telecom Italia e STM sotto la lente | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
.

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 26 luglio 2019

Ftse Mib: spunti di trading. Telecom Italia e STM sotto la lente


L'analisi del Ftse Mib

Dopo tre sedute consecutive in rialzo, il semaforo è scattato nuovamente sul rosso a Piazza Affari ieri. 
Il Ftse Mib ha terminato gli scambi a 21.903 punti, in calo dello 0,8%, dopo aver aggiornato nell'intraday i massimi dell'anno con un nuovo top a 22.357 punti.
Questo livello è di poco superiore a quello dei 22.330 punti raggiunti il 15 luglio e si profila così il rischio di un doppio massimo in quest'area.
Conferme in tal senso giungeranno da una mancata riconquista da parte del Ftse Mib di area 22.000 e da discese oltre i 21.800/21.750 punti.
Al di sotto di tale soglia l'indice scenderà verso area 21.500, violata la quale andrà a mettere sotto pressione il supporto intermedio dei 21.250/21.200 punti, prima di un approdo sulla soglia psicologica dei 21.000 punti.
Segnali di ripresa si avranno con un ritorno del Ftse Mib oltre i 22.000/22.050 punti, preludio a nuovi sviluppi rialzisti in direzione dei top dell'anno in area 22.350.
Positivo sarà lo sfondamento di questo livello che da una parte annullerà la minaccia del doppio massimo citato prima e dall'altra favorirà un test di area 22.500 da parte del Ftse Mib.
Al di sopra della soglia appena segnalata ci sarà spazio per ulteriori sviluppi positivi con target la soglia dei 23.000 punti, senza escludere estensioni rialziste fin verso i 23.100/23.200 punti nella migliore delle ipotesi. 

Telecom Italia candidata ad un'esplosione di volatilità?

Chiusura debole ieri per Telecom Italia che dopo due sessioni consecutive in salita ha ceduto leggermente terreno ieri, con un calo dello 0,3%, più contenuto rispetto a quello del Ftse Mib.
Da segnalare che oggi è previsto un Cda straordinario di Telecom Italia e di Inwit per esaminare il progetto di condivisione delle torri con Vodafone.
L'attenzione del mercato però è rivolta ad un altro tema ben più rilevante, quale quello di un deal con Open Fiber sulla rete.
E' probabile che novità su questo fronte possano arrivare nelle prossime settimane e in attesa di queste Telecom Italia mostra un atteggiamento improntato alla cautela.
Una dimostrazione di ciò giunge da una semplice lettura del grafico, da cui si evince che il titolo, dopo aver recuperato dai minimi di fine giugno a 0,47/0,475 euro, non è riuscito ad andare oltre quota 0,5 euro, violata solo frazionalmente. 
Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?
Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com
Telecom Italia si sta muovendo ormai da inizio luglio tra questo livello e area 0,49 euro, con una compressione dei prezzi che potrebbe preludere ad un'improvvisa impennata di volatilità.

Sviluppi rialzisti interessanti si avranno con il superamento dei recenti massimi di periodo a 0,508/0,509 euro, superati i quali Telecom Italia punterà prima a quota 0,525/0,53 euro e poi a 0,54/0,55 euro.
Segnali più convincenti di ripresa si avranno oltre gli 0,57/0,58 euro, con il titolo che metterà nel mirino la soglia di 0,6 euro prima e 0,65 euro in un secondo momento.
Al ribasso sarà importante la tenuta di area 0,48/0,47 euro, visto che una perdita di questo livello vedrà Telecom Italia arretrare verso 0,45 euro prima  in seguito in direzione dei minimi storici a 0,433 euro.
Il raggiungimento di questi livelli appare poco probabile almeno nell'immediato, salvo eventi esogeni che dovessero portare ad un brusco cambio di sentiment.

STM: ulteriori ribassi saranno da comprare.

Ecco fino a quando

Brutta giornata ieri per STM che ha registrato la peggiore performance del Ftse Mib, con un calo di quasi il 3%. 
C'è da dire che il ribasso di ieri giunge dopo ben cinque sessioni in salita che hanno portato il titolo a guadagnare circa il 10%, con un allungo sui massimi di inizio settembre dello scorso anno.
Ieri hanno avuto la meglio delle prese di profitto, complice anche la diffusione di una trimestrale in flessione, anche se migliore delle stime.
La società però ha rivisto al ribasso la guidance sui ricavi 2019, anche se gli analisti hanno parlato di un taglio modesto e non certo allarmante, mantenendo nel complesso una view positiva su STM.
Dal punto di vista tecnico il titolo è inserito in un chiaro e definito trend rialzista, ma i livelli raggiunti e la strada percorsa fino ad ora potrebbero imporre anche una breve pausa prima di ulteriori salite.
La flessione di ieri potrebbe dunque trovare un seguito nel breve per STM che al di sotto dei 17 euro punterà al supporto dei 16,6/16,5 euro.
L'eventuale cedimento anche di questa soglia aprirà le porte ad un test dei 16,04/16 euro, ma anche ripiegamenti fino a questo livello saranno da sfruttare per nuovi acquisti, visto che non muteranno l'impostazione rialzista di STM.
Con la tenuta dei 17/16,9 euro il titolo potrebbe tentare di ripartire da subito, ma per ulteriori allunghi dovrà superare l'area dei 17,6/17,7 euro.
Al di sopra di tale ostacolo STM potrà allungare verso i 18 euro e i 18,5 euro in prima battuta, con successivi proiezioni rialziste fino a 19 euro e a 19,45/19,5 euro nella migliore delle ipotesi.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.