-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 19 luglio 2019

Bond oggi: € ti saluto e punto sull’Mxn. Almeno mi rende bene


Se perfino il Btp decennale scende al rendimento dell’1,5% e magari va sotto, come si è visto ieri, vuol dire che i margini di investimento in euro si riducono sempre più al lumicino. Bisogna trovare allora delle alternative e una – più che interessante – è rappresentata dal peso messicano.
E’ certamente una valuta pur sempre emergente e quindi caratterizzata da oscillazioni ma inserita in un canale di rafforzamento sull’euro confermato da:
  • progressivi massimi discendenti, il che convalida abbastanza bene il trend in atto;
  • medie mobili e indicatori tecnici su periodicità daily e weekly pesantemente esposti al “buy”, mentre il monthly lo è ancora in parte;
  • media mobile a 200 rotta da tempo al rialzo sull’euro.

La protezione è d’obbligo

Tutti questi fattori positivi non impediscono che un po’ di cautela vada sempre adottata, poiché si tratta di una divisa ad alta volatilità.

Come farlo? Con un conto nella specifica moneta (vari intermediari lo rendono disponibile) e comunque con acquisti effettuati su differenti valori di cross Eur/Mxn per mediare in presenza di eventuali nuove debolezze. Al livello di cambio in corso di 21,33 corrisponde un sempre maggiore avvicinamento alla resistenza per la valuta messicana di 21,11, già testata fra aprile e maggio.
Un suo netto superamento potrebbe riportare l’Mxn verso quota 20, che non vede dal 2017.

Il 7% è d’obbligo

Cosa rende attualmente appetibile l’obbligazionario nella divisa centro americana? Il rendimento medio, che si attesta sul 7% con obbligazioni di emittenti sovranazionali a rating AAA.

Inoltre si può facilmente puntare su molte scadenze. Per esempio:
  • Corta: il Bei 7% 27/7/2020 (Isin XS1555155388 – lotto 10.000 Mxn) quota sui 99,8 con rendimento di poco superiore rispetto al nominale.
  • Media: il Bei 5,5% 23/1/2023 (Isin XS1524609531 – lotto 1.000 Mxn) prezza sui 94,3 e porta il profitto a circa il 7,4%.
  • Lunga: il Bei 8% 11/1/2027 (Isin XS1547492410 – lotto 1.000 Mxn) ha superato i 100 e si attesta sui 103, con yield sul 7,5%.
  • Lunghissima: l’Ifc/World Bank 7,75% 18/1/2030 (Isin XS1753775730 – lotto 10.000 Mxn) si muove sui 98,5 e si avvicina all’8%.

La curva è quella che è

Risulta evidente come lo spread di rendimento fra un 2020 e un 2030 sia marginale, il che trova riscontro nella “yield curve” dei governativi, sulla quale si registra un calo in corrispondenza del 3 anni e un massimo dell’8,2% in coincidenza della scadenza a un mese e di quella a trent’anni.

Sì, proprio così! Il segnale non è certamente invogliante ma ormai mezzo mondo si trova nella stessa situazione e tutti sostengono che dipenda da Quantitative Easing e tassi a zero. C’è però una particolarità: il Messico non ha mai sperimentato un Qe e ha un tasso primario di interesse all’8,25%.
Lo si deve allora a un’economia un po’ zoppicante? Forse sì ma ciò non impedisce che qualcuno possa stimare più interessante l’incasso di un 7-8% in Mxn che un “bellissimo” 0% in euro. Alla faccia di Bce e Banche centrali!

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.