Mercato Trading e Segnali Operativi... Bond News: Euromacro | ...Mercato Trading e Segnali Operativi -
Trade Like a Steve Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 2 luglio 2019

Bond News: Euromacro


Non molte le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.
Secondo i risultati preliminari dell'Ufficio federale di statistica (Destatis), nel mese di maggio in Germania le Vendite al Dettaglio hanno fatto segnare un incremento del 4% su base annuale e in termini reali pari alla rilevazione precedente, risultando in crescita del +4,8% in termini nominali.
Su base mensile l'indice ha fatto segnare un decremento pari allo 0,6% dopo la flessione del 2% precedente. Gli analisti avevano previsto un incremento pari allo 0,5%.
Nel Regno Unito, l'Indice Nazionale dei Prezzi delle Abitazioni (Nationwide Housing Price Index), che misura la variazione mensile nel prezzo medio per una abitazione con un mutuo ipotecario, a giugno ha registrato un incremento pari allo 0,1% rispetto al mese precedente, dopo un calo dello 0,2% a maggio e una crescita dello 0,3% ad aprile.

Su base annuale l'indice si e' attestato su un valore pari a +0,5%, risultando lievemente inferiore al dato precedente (+0,6%) ma allineato al consensus.
Nel Regno Unito il CIPS (Chartered Institute of Purchasing & Supply) e Markit Economics hanno reso noto che nel mese di giugno l'indice IHS Markit/CIPS relativo al settore delle costruzioni e' sceso a 43,1 punti da 48,6 punti di maggio, scivolando sul livello minimo da aprile 2009.
Il dato dell'Eurozona relativo ai prezzi alla produzione di maggio diffuso dall'Eurostat segna una variazione negativa dello 0,1% su base mensile, risultando pari al consensus dopo un decremento dello 0,3% a maggio.

Su base annuale l'indice fa registrare un incremento del 1,6% dal +2,6% precedente (consensus +1,7%).
Secondo le stime preliminari dell'Istat, nel primo trimestre 2019 l'indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento, diminuisce dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e dello 0,8% nei confronti dello stesso periodo del 2018 (era -0,5% nel quarto trimestre 2018).La flessione tendenziale dell'IPAB è da attribuire unicamente ai prezzi delle abitazioni esistenti che registrano una variazione negativa pari a -1,3% (era -0,7% nel trimestre precedente).

I prezzi delle abitazioni nuove, invece, aumentano su base tendenziale dell'1,7% mostrando un'accelerazione rispetto al +0,6% del quarto trimestre del 2018. Questi andamenti si manifestano in un contesto di crescita persistente dei volumi di compravendita (+8,8% l'incremento tendenziale registrato per il primo trimestre del 2019 dall'Osservatorio del Mercato Immobiliare dell'Agenzia delle Entrate per il settore residenziale).Su base congiunturale la lieve diminuzione dell'IPAB (-0,5%) è dovuta sia ai prezzi delle abitazioni nuove sia a quelli delle abitazioni esistenti che diminuiscono rispettivamente dello 0,5% e dello 0,6%.Rispetto alla media del 2010, primo anno per il quale è disponibile la serie storica dell'IPAB, nel primo trimestre 2019 i prezzi delle abitazioni sono diminuiti del 17,2%, a causa esclusivamente delle abitazioni esistenti i cui prezzi sono diminuiti del 23,7% mentre per quelli delle abitazioni nuove si registra complessivamente un aumento, seppur debole (+0,8%).

Con i dati del primo trimestre 2019 sono stati aggiornati, come di consueto, i pesi utilizzati per la sintesi degli indici delle abitazioni nuove e di quelle esistenti. In particolare, il peso delle abitazioni nuove continua a diminuire ed è pari a 16,6% (era quasi il 35% nel 2010) contro l'83,4% delle abitazioni esistenti.Il tasso di variazione acquisito dell'IPAB per il 2019 è negativo e pari a -0,8%.

Aste in Europa:
- Il governo britannico ha collocato stamattina 3,000 mld di sterline di titoli Gilt con scadenza 2025, con rendimento medio allo 0,620%, in lieve crescita rispetto a quello dell'asta precedente pari allo 0,612%.

Il bid-to-cover è stato di 1,91 volte. La 'tail' si è attestata a 0,7 basis point.
Aumentano i depositi overnight presso la Bce. L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 592,019 miliardi di euro, dai 579,386 miliardi della lettura precedente.
Salgono a 10 milioni i prestiti marginali da 4 milioni di euro precedenti.
Spread BTP/Bund a 221 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta al 1,85%. Scende a 181 punti il divario tra i rendimenti dei Btp a 10 anni e quelli del Btp a 2 anni da 184 punti rilevati ieri alla stessa ora.
Poco mossi i titoli di Stato tedeschi.

Il Bund future di settembre scende a 173,26 punti (-0,02%) ed il Bobl future si attesta a 134,62 punti (+0,00%).
(CC - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.