-
Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 16 maggio 2019

Mercati finanziari: la sintesi quotidiana dei fatti


La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat.

Borse Mondiali

Stati Uniti
Prevalgono gli acquisti su Mastercard (+1,31%).
Colgate sale dello 0,27%. American Express guadagna lo 0,56%.
In denaro Facebook (+3,07%). Ben comprata PayPal (+2,21%). Amgen segna un rialzo dell’1,23%. Netflix cresce del 2,71%.
Italia
Seduta positiva per Italgas (+0,71%) ed A2A (+2,90%). Poco mosse Terna (+0,04%) ed Enel (-0,02%).

Snam perde lo 0,90%.
Telecom Italia scende dell’1,74% ed il titolo chiude a euro 0,446.
Prevalgono le vendite sul settore petrolifero con Saipem (-1,05%) ed Eni (-0,59%).
Positive FCA (+1,50%), Ferrari (+1,19%) ed Exor (+1,03%). In controtendenza CNH Industrial (-1,65%).
Nel settore lusso in evidenza positiva Ferragamo (+9,85%) dopo la comunicazione dei risultati trimestrali, Moncler guadagna lo 0,53% mentre Tod’s sale dello 0,90%.
Prevalgono gli acquisti su Mediaset (+1,57%).

Poste Italiane cedono lo 0,63%.
Chiusure miste per il settore industriale con Leonardo (+1,86%), Brembo (+0,97%), Fincantieri (-2,14%) e Buzzi Unicem (-0,40%).
Al ribasso il settore bancario con UniCredit (-0,67%), Banca Generali (-0,24%), Ubi Banca (-2,83%), Mediobanca (-2,82%), Banca Mediolanum (-1,29%) ed Intesa Sanpaolo (-0,86%).
In controtendenza Banco Bpm (+0,62%).
Assicurazioni Generali calano dello 0,41% ed il titolo si porta a euro 16,99.
Gran Bretagna
Positiva Compass (+2,89%). GlaxoSmithKline guadagna l’1,15%. Bat sale dell’1,08%. Vodafone registra una contrazione dello 0,66%.
Germania
In evidenza positiva Bmw (+3,12%).

Ben comprata Bayer (+2,02%). Deutsche Bank scende dello 0,64%. Poco mossa Volkswagen (+0,07%).
Francia
Prevalgono gli acquisti su Kering (+1,59%). Engie cresce dell’1,26%. Sanofi guadagna lo 0,57%. Capgemini perde l’1,93%.

Economia

Germania: il Pil, nella lettura preliminare relativa al primo trimestre 2019, è cresciuto dello 0,40% dal precedente dato invariato; il mercato attendeva una crescita in linea con quella conseguita.

In termini annui, il Pil (lettura preliminare) è aumentato dello 0,70% dal precedente 0,60%; gli economisti avevano stimato una crescita in linea con quella conseguita.
Eurozona: il Pil, nella seconda lettura preliminare relativa al primo trimestre 2019, è cresciuto dello 0,40% come da attese ed in linea con la lettura precedente.
In termini annui, il Pil (seconda lettura preliminare) è salito dell’1,2% in linea con le attese e con la lettura precedente.
Italia/1: le vendite all’industria, in marzo, sono cresciute dello 0,28% dallo 0,18% di febbraio. In termini annui, le vendite all’industria sono salite dell’1,3% dal precedente 1,1%.
Italia/2: gli ordini all’industria, in marzo, sono aumentati del 2,2% dal calo del 2,8% di febbraio; gli economisti avevano stimato un dato in linea con quello conseguito.

In termini annui, gli ordini all’industria sono calati del 3,6% dalla precedente contrazione del 3,1%.
Usa/1: l’indice Empire State, a maggio, è cresciuto a 17,8 punti dai precedenti 10,1 punti; il mercato attendeva un calo a 7,9 punti.
Usa/2: le vendite al dettaglio “core”, in aprile, sono scese dello 0,15% dall’incremento dell’1,1% di marzo; gli economisti avevano stimato una crescita dello 0,40%.
In termini annui, le vendite al dettaglio “core”, sono salite dello 0,10% dal precedente incremento dell’1,3%; il mercato attendeva una crescita dello 0,70%.

Usa/3: le vendite al dettaglio, in aprile, sono calate dello 0,20% dall’incremento dell’1,7% di marzo e contro attese di una crescita dello 0,20%.

In termini annui, le vendite al dettaglio sono salite del 3,1% dal precedente 3,8%.
Usa/3: la capacità di utilizzo degli impianti, in aprile, si è attestata al 77,9% dal precedente 78,5% e rispetto ad attese di una dato al 78,8%.
Usa/4: la produzione industriale, in aprile, è scesa dello 0,50% dall’incremento dello 0,20% di marzo e contro attese di una crescita dello 0,10%.
Usa/5: la produzione manifatturiera, ad aprile, è calata dello 0,52% rispetto al precedente dato quasi invariato (+0,04%) e contro attese di una crescita dello 0,10%.
Usa/6: le scorte all’industria, in marzo, sono rimaste invariate, dal precedente incremento dello 0,30% e rispetto ad attese di un dato in linea con quello conseguito.

Le Small Cap sotto “coverage” Finnat

LVenture Group: ha terminato il primo trimestre 2019 con ricavi pari a 1,1 milioni di euro, in crescita del 45% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

L’Ebitda si è portato a 31 mila euro contro la perdita di 118 mila euro del periodo di confronto mentre il risultato netto ha registrato una perdita pari a 56 mila euro.
Poligrafici Editoriale: ha concluso il primo trimestre 2019 con ricavi consolidati pari a 36,7 milioni di euro dai 38,2 milioni dello stesso periodo 2018 (-3,96%).
Il margine operativo lordo si è attestato a positivi 0,7 milioni di euro con una contrazione del 46% dal primo trimestre 2018. Il trimestre si chiude con una perdita pari a 1,7 milioni dalla perdita di 0,6 milioni del periodo di confronto.
Fervi: ha comunicato di aver ricevuto dal Ministero dello Sviluppo Economico il riconoscimento del “Credito di Imposta IPO” per un ammontare complessivo di 345.941 euro, pari al 50% delle spese di consulenza sostenute.
Renergetica: ha annunciato di aver firmato con la società Building Energy, un accordo pluriennale per lo sviluppo di una pipeline di progetti in Italia, finalizzati alla costruzione di impianti fotovoltaici principalmente in Piemonte, Lazio e Basilicata per una potenza totale installata fino a 100 MW ed un valore previsto complessivo di €6 milioni nei prossimi 3 anni.

Altre società

Notorious Pictures: ha comunicato di aver sottoscritto un accordo preliminare con Netflix, leader a livello mondiale nell'Internet entertainment service, per la concessione dei diritti in esclusiva a livello internazionale della commedia romantica “Love.

Wedding. Repeat”. L’accordo prevede lo sfruttamento di tutti i diritti per i prossimi 25 anni.
Mondadori: ha chiuso il primo trimestre 2019 con ricavi pari a 166,8 milioni di euro, in flessione del 6,1% rispetto allo stesso periodo del 2018. Nel trimestre l'Ebitda adjusted (ante IFRS 16) ha registrato un miglioramento di 0,5 milioni di euro attestandosi a -2,2 milioni di euro mentre l'Ebit (ante IFRS 16) si è portato a -7,6 milioni di euro rispetto ai -11,2 milioni del primo trimestre dello scorso anno.

Il risultato netto di Gruppo ha evidenziato un passivo di 3,5 milioni di euro, in miglioramento dalla perdita di 13,6 milioni dello stesso periodo del 2018.
Ferragamo: ha archiviato il primo trimestre 2019 con ricavi pari a 317,08 milioni di euro, in aumento del 4,3% rispetto ai 303,91 milioni ottenuti nei primi tre mesi dello scorso anno mentre l’utile netto si è portato a 10,16 milioni di euro dai precedenti 9,17 milioni.
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.