-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 8 maggio 2019

Broker certificati dalla CONSOB: Quali sono?


Quali sono i Broker certificati dalla CONSOB? Facciamo chiarezza ed andiamo prima di tutto a conoscere di cosa si occupa la CONSOB, per poi scoprire quali sono e cosa fanno i Broker da essa certificati.

CONSOB: chi è e cosa fa?

L'acronimo CONSOB sta per Commissione Nazionale per le Società e la Borsa ed è un organo amministrativo indipendente dal Governo che ha il compito, assieme alla Banca d'Italia, di tutelare gli investitori italiani e di supervisionare il mercato mobiliare.
Istituita nel 1974 per sostituire, nel ruolo di vigilanza, il Ministero del Tesoro, negli anni (attraverso diversi decreti legge) ha acquisito sempre più autonomia ed indipendenza.

CONSOB: le competenze

Ecco le funzioni e competenze della CONSOB:
  • attività di vigilanza, che svolge sulle società operanti nella gestione dei mercati regolamentati, sia a livello di intermediari, sia sulle emittenti ma anche sui mercati stessi;
  • regolamentazione degli intermediari, degli obblighi informativi delle società e le raccomandazioni al pubblico risparmio;
  • autorizza le pubbliche offerte di vendita e le iscrizioni agli albi delle società d'investimento;
  • sanziona i comportamenti illeciti;
  • controlla dati e notizie allo scopo di assicurare una informativa trasparente;
  • collabora con gli altri organi nazionali per il corretto funzionamento e organizzazione dei mercati finanziari.

Broker CONSOB

Chi è un Broker? Si tratta di un intermediario che opera per conto di un investitore e propone soluzioni personalizzate in base alle diverse esigenze della clientela.
Un buon broker riesce a prevedere gli andamenti dei mercati per indicare ai propri clienti i migliori investimenti possibili.

Per questo è sempre bene affidarsi ad un esperto e certificato dalla CONSOB che verifica la professionalità dell'intermediario in modo trasparente e sicuro, evitando ai trader di imbattersi in truffe.
Un broker certificato non è sinonimo di assoluta certezza di profitto, ma riduce al minimo possibile il rischio di perdere ingenti somme di denaro; rischio che mai sarà del tutto assente.
Scelta della piattaforma di trading online
Fare trading online (TOL) significa avventurarsi nella compravendita di strumenti finanziari (azioni, Futures, obbligazioni, etc.) attraverso il web.
Questa tipologia di operazioni permette a chiunque, anche ai piccoli investitori, di introitare discreti guadagni.
Occorre sempre verificare che il broker sia certificato dalla CONSOB: basta collegarsi al portale della stessa CONSOB (http://www.consob.it) che espone l'elenco degli intermediari iscritti.

Della lista pubblicata fanno parte solamente le piattaforme italiane: essere certificati Consob oltre ad essere sinonimo di garanzia e di affidabilità, permette di usufruire di uno spread più basso rispetto ad agenzie che non hanno ottenuto la certificazione.
Infatti, una delle variabili da tenere sicuramente in considerazione, prima di scegliere un Broker, è valutare attentamente i costi: gli intermediari guadagnano attraverso spread e commissioni che possono avere un peso rilevante sugli utili.
I costi solitamente sono da verificare online ed è necessario contattare anticipatamente il customer care (servizio clienti) dei vari broker, onde evitare spiacevoli sorprese finali.
Un ultimo aspetto da tenere in considerazione nella scelta della piattaforma sono le performance garantite: la reattività del broker permette maggiore tempestività nel piazzare operazioni di trading positive.
Per valutare tali prestazioni, è buon consiglio testarle aprendo un Conto Demo, che le principali piattaforme CONSOB mettono a disposizione del cliente che vuole cominciare a prendere confidenza con il mondo TOL.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.