-
Italian Homepage

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 10 maggio 2019

Bond News: Euromacro


Molte le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.
In Germania il surplus della bilancia commerciale a marzo 2019 e si e' attestato a 22,7 miliardi di euro da 24,6 miliardi di marzo 2018. In termini destagionalizzati, il saldo della bilancia commerciale estera è in avanzo di 20 miliardi di euro dai 18,7 mld rilevati a febbraio.
L'Ufficio Federale di Statistica (Destatis) ha inoltre riportato che le esportazioni sono cresciute dell'1,9% rispetto a un anno fa mentre le importazioni sono aumentate del 4,5% nello stesso periodo. Rispetto a febbraio le esportazioni sono aumentate dell'1,5% e le importazioni dello 0,4% .
In Francia L'Insee ha reso noto che l'Indice dei Salari non agricoli, che misura la variazione del numero di posti di lavoro nel corso in tutte le attivita' non agricole, e' atteso in crescita nel primo trimestre 2019 dello 0,3% su base trimestrale risultando superiore al consensus (fissato al +0,2%) e alla rilevazione precedente, pari a +0,1%.
In Francia l'Insee ha reso noto che la produzione industriale nel mese di marzo è diminuita dello 0,9% rispetto al mese precedente (consensus -0,5%), dopo l'incremento dello 0,4% a febbraio e dell'1,3% a gennaio.
In Italia l'Istat ha comunicato che a marzo 2019 si stima che l'indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dello 0,9% rispetto a febbraio. Nella media del primo trimestre dell'anno corrente, il livello destagionalizzato della produzione aumenta dell'1,0% rispetto al trimestre precedente.L'indice destagionalizzato mensile mostra un modesto aumento congiunturale solo per i beni strumentali (+0,1%); diminuzioni si registrano invece per i beni di consumo (-2,3%) e, in misura più lieve, per l'energia (-0,4%) e per i beni intermedi (-0,3%).Corretto per gli effetti di calendario, a marzo 2019 l'indice complessivo è diminuito in termini tendenziali dell'1,4% (i giorni lavorativi sono stati 21, contro i 22 di marzo 2018).

Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano a marzo 2019 un aumento tendenziale esclusivamente per i beni strumentali (+1,2%); al contrario, una marcata diminuzione contraddistingue l'energia (-5,9%), mentre diminuiscono in misura più contenuta i beni intermedi (-1,9%) e i beni di consumo (-1,0%).I settori di attività economica che registrano le variazioni tendenziali positive più rilevanti sono le attività estrattive (+5,7%), la fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+3,3%) e le industrie alimentari, bevande e tabacco (+2,7%).

Le flessioni più ampie si registrano nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-9,0%), nella produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (-6,7%) e nella fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-5,2%).

L'ONS (Office for National Statistics) ha reso noto che in Gran Bretagna il PIL e' diminuito dello 0,1% a marzo, risultando inferiore alla lettura precedente fissata su un incremento dello 0,2% e alle attese che erano per una variazione nulla.

Il Pil è atteso in crescita dello 0,5% nel primo trimestre del 2019. Su base annuale il PIL e' risultato in crescita dell'1,8% rispetto allo stesso periodo del 2018 risultando pari alle attese, ma superiore alla rilevazione precedente (+1,4%).
Nel mese di marzo la produzione manifatturiera in Regno Unito è cresciuta dello 0,9% rispetto al mese precedente, risultando superiore alle attese fissate su un incremento dello 0,2% e dopo un incremento dell'1% a febbraio (era diminuita dello 0,7% a gennaio).

Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno l'indice è cresciuto del 2,6% a fronte di un incremento atteso dell'1,3%, in crescita rispetto alla rilevazione precedente fissata al +1,2%.
Nel Regno Unito in marzo la Bilancia Commerciale ha registrato un deficit pari a 13,65 miliardi di sterline, inferiore ai 14,1 miliardi di febbraio.
Lo ha reso noto l'ufficio di statistica britannico. Gli analisti avevano stimato un deficit inferiore pari a 13,7 mld di sterline.
Il National Institute of Economic and Social Research (Niesr) ha stimato allo 0,5% la crescita sequenziale del Pil del Regno Unito nel primo trimestre 2019 dopo una crescita dello 0,2% nell'ultimo trimestre dello scorso anno.

L'istituto di ricerca britannico ha poi stimato una crescita dello 0,3% nel secondo trimestre.
Aste in Europa:
- Il Tesoro ha collocato 6,500 miliardi di euro di Bot a 12 mesi (Isin IT0005371890) con rendimento a 0,122%, in crescita di 5 punti base dall'asta del 10 aprile. Buona la domanda con un bid to cover a 1,60.
Poco mossi i depositi overnight presso la Bce.
L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 603,351 miliardi di euro, dai 603,981 miliardi della lettura precedente. Ancora a zero i prestiti marginali.
Spread BTP/Bund a 271 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta al 2,68%.Scende a 238 punti il divario tra i rendimenti dei Btp a 10 anni e quelli del Btp a 2 anni da 239 punti rilevati ieri alla stessa ora.
In lieve calo i titoli di Stato tedeschi.

Il Bund future di giugno scende a 166,06 punti (-0,12%) ed il Bobl future si attesta a 133,23 punti (-0,05%).
(CC - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.