-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 9 maggio 2019

Bond index: tutti i target sono stati raggiunti


I mercati azionari hanno accusato prese di beneficio a seguito dell'incertezza riconducibile al buon esito della disputa commerciale in essere tra Usa e Cina. Alla base di questo movimento è presente il recente comunicato (in tema di nuovi dazi) twittato dell'inquilino della casa bianca Donald Trump.
Conseguenza diretta a tale avversione al rischio, è stato l'immediato riposizionamento - a livello generalizzato - sulla componente bond.

J.P. MORGAN GOVERNMENT BOND INDEX (GBI)

Il precedente target individuato a 537,80 punti è stato raggiunto e superato. Con il ritorno sopra area 538, il principale benchmark obbligazionario internazionale, ha iniziato una prima fase rialzista riconducibile ad un trend di brevissimo periodo.

L'attuale quotazione (539,62) è pressoche allineata al precedente massimo di aprile (539,57): un eventuale rottura al rialzo di quest'ultima soglia di resistenza favorirebbe un ulteriore allungo in direzione di quota 541,23 punti. Quadro negativo in caso di violazione del supporto a 536,93 con primo obiettivo a 537,78 punti.

J.P.
MORGAN EMERGING MARKET BOND INDEX (EMBI)

I mercati obbligazionari emergenti si sono riportati prima sopra quota 834,544 punti (soglia in precedenza individuata) e successivamente hanno raggiunto l'obiettivo indicato in area 835,79. Nel corso dell'ultime 24ore si è registrata una flessione che - di fatto - ha visto un primo ritracciamento (close a 835,977).

Fino a quando i livelli risultano superiori al supporto di area 834,95 punti, l'attuale trend rialzista di brevissimo periodo, è confermato. Qualora si verificasse una sua violazione, il primo target ribassista, è da individuare a quota 829,319. Scenario positivo in caso di superamento di soglia 837,778 punti con target a 839,576.

AMERICA - T-NOTE FUTURE

Il decennale statunitense ha rispettato la dinamica dei prezzi indicata nel precedente intervento e che viene riportata: «il mancato supporto di area 123,2344 comprometterebbe il positivo trend di brevissimo periodo con probabile downside fino a 122,9375.

Scenario rialzista in caso di chiusura superiore a 123,578 con primo target a quota 123,68. Nella prima fase (ribassista) il prezzo ha raggiunto esattamente il downside indicato (low a 122,9375). Successivamente si è potuto assistere ad una fase di pull back con i corsi a soglia 123,578 per poi indirizzarsi verso il target a 123,68: quest'ultimo, nel corso della trascorsa giornata, è stato conseguito e superato (high a 124,031).
L'attuale impostazione algoritmica è orientata all'acquisto e pertanto il prossimo target viene individuato a quota 124,51 punti. Da monitorare l'eventuale cedimento del supporto in area 123,562: l'obiettivo coinciderebbe con area 123,17 punti.

EUROPA - BUND FUTURE

Il Bund ha evidenziato una propria dinamica dei prezzi molto simile a quella fatta registrare dal T-Note Future.

Come per il precedente, lo scenario ipotizzato («Qualora si registrasse una chiusura inferiore a quest'ultimo livello (165,27), i corsi potrebbe ulteriormente perdere forza fino a raggiungere il primo obiettivo a 164,94») è stato rispettato. Il successivo sviluppo («Positivo il ritorno sopra 165,89 con target a 166,21») non ha raggiunto - nel corso della seduta appena trascorsa (high a 166,18 punti) - il target individuato per soli 3 centesimi.
Solo oggi - attualmente le quotazioni sono a quota 166,31 punti - l'obiettivo è stato colto. Il palinsesto algoritmico è in fase rialzista al pari dell'attuale tendenza in essere con target a 166,70. Inversione di tendenza qualora i prezzi violassero (in chiusura) i 165,92 punti: il primo obiettivo troverebbe un primo supporto a 165,27.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.