-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 9 aprile 2019

Sotto la lente dell'analisi tecnica

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
*Eprice* Eprice (+3,74%) mette a segno una reazione decisa a partire dai supporti orizzontali a 1,40 euro, ma non basta per riportare fiducia negli acquisti: solo oltre area 1,60/1,61 si aprirebbero spazi di crescita fino a 1,90 circa, massimi allineati di giugno e ottobre e riferimento critico nel medio breve termine. Preoccupante debolezza invece sotto 1,40 circa, preludio a nuovi cali verso i supporti a 1,25/1,26.

-Target: 1,90 euro -Negazione: 1,40 euro -RSI (14): neutrale *De Longhi* Balzo in avanti per De Longhi (+7,25%), sul livello più alto dallo scorso ottobre a 25,74 euro. Atteso ora il test a 26,10 del lato superiore del canale che sale dai minimi di dicembre ed eventualmente della resistenza successiva a 26,50, minimi di metà agosto e settembre 2018. Il ritorno sotto 24,36 cancellerebbe i recenti sforzi riportando il titolo in una fase laterale.
-Target: 26,50 euro -Negazione: 24,36 euro -RSI (14): neutrale *Eurotech* Eurotech (+6,02%) rimbalza dopo il test della media mobile a 50 giorni passante da 3,86 euro. La tenuta di questo supporto e la comparsa sul grafico a candele di una figura di tipo bullish engulfing, dove il secondo elemento incorpora il primo, offrono al titolo la possibilità di costruire una reazione solida in direzione di area 4,28 circa, per un nuovo confronto con i massimi di marzo e della linea che scende dai top dello scorso autunno in transito in questo punto. Oltre questo riferimento atteso il test del picco di novembre a 4,51 euro almeno. Al contrario, discese sotto 3,86 porterebbero nuova debolezza alimentando la fase laterale.
-Target: 4,51 euro -Negazione: 3,86 euro -RSI (14): neutrale *Molmed* Molmed (+6,64%) ha spiccato il volo dopo la rottura a metà marzo delle resistenze a 0,29 circa, massimi allineati di novembre e gennaio. I prezzi hanno accelerato fino a 0,4235, recuperando metà di quanto lasciato sul campo nel ribasso partito a gennaio 2018. Oltre 0,43 le prospettive migliorerebbero ulteriormente lasciando spazio ai compratori almeno fino a 0,455 e 0,4710. Sotto 0,357, media mobile esponenziale a 20 sedute, probabile invece il ritorno in area 0,29.

-Target: 0,455 euro -Negazione: 0,357 euro -RSI (14): ipercomprato *Unicredit* Unicredit (-0,93%) ha fallito la scorsa ottava la rottura dei massimi di metà marzo a 12,33 circa, alimentando i dubbi sulla capacità di ripresa dei prezzi. Oltre questi ostacoli si aprirebbero spazi di crescita verso obiettivi a 13,52,per la copertura del gap del 28 settembre, poi via libera verso 14,14, gap del 27 settembre. Sotto area 11 invece rischio di cali fino a 10,50 circa.
-Target: 13,52 euro -Negazione: 11 euro -RSI (14): neutrale (CC - www.ftaonline.com) Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.