-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 8 marzo 2019

"Studio segreto Ue promuove Tav, lo firma Ponti"

Parla di notevoli risparmi per il trasporto di passeggeri e merci lo studio riservato della Commissione europea che illustra l'impatto socio-economico e ambientale delle reti transeuropee di cui fa parte il corridoio Mediterraneo, tra cui la Tav. Si chiama 'The impact of TEN-T completion on growth, jobs and the environment' il documento di 116 pagine iniziato due anni fa da circa 30 ricercatori di varie nazionalità e mostrato ieri sera dal TgLa7 in un servizio di Frediano Finucci. Tra le società che lo hanno redatto c'è la TRT trasporti e territorio, la società dell'ingegnere Marco Ponti, che ha redatto l'analisi costi benefici per conto di Toninelli bocciando la Tav, mentre studio europeo, invece, la promuove. I dati su cui si basa lo studio, sottolinea La7, sono aggiornati agli ultimi scenari macroeconomici di trasporto "e quindi poco attaccabili". Secondo lo studio, per il corridoio Mediterraneo che va da Gibilterra a Budapest il risparmio di tempo è notevole: 30% per i passeggeri e 44% per le merci. Non solo. Stando all'analisi, nei prossimi 10 anni, nel cantiere della Torino-Lione, per ogni miliardo investito nel cantiere si potranno creare 15mila posti di lavoro. Infine, la tabella allegata allo studio mostra come tra tutti i corridoi europei, quello del Mediterraneo, di cui fa parte la Tav, creerebbe 153mila posti di lavoro tra turismo, trasporti e sviluppo di aziende per i nuovi mercati nei Paesi interessati (Italia, Francia, Spagna e Portogallo). Un numero che esclude chi lavora e chi lavorerà direttamente per la Tav.
Parla di notevoli risparmi per il trasporto di passeggeri e merci lo studio riservato della Commissione europea che illustra l'impatto socio-economico e ambientale delle reti transeuropee di cui fa parte il corridoio Mediterraneo, tra cui la Tav. Si chiama 'The impact of TEN-T completion on growth, jobs and the environment' il documento di 116 pagine iniziato due anni fa da circa 30 ricercatori di varie nazionalità e mostrato ieri sera dal TgLa7 in un servizio di Frediano Finucci. Tra le società che lo hanno redatto c'è la TRT trasporti e territorio, la società dell'ingegnere Marco Ponti, che ha redatto l'analisi costi benefici per conto di Toninelli bocciando la Tav, mentre studio europeo, invece, la promuove. 
I dati su cui si basa lo studio, sottolinea La7, sono aggiornati agli ultimi scenari macroeconomici di trasporto "e quindi poco attaccabili". Secondo lo studio, per il corridoio Mediterraneo che va da Gibilterra a Budapest il risparmio di tempo è notevole: 30% per i passeggeri e 44% per le merci. Non solo. Stando all'analisi, nei prossimi 10 anni, nel cantiere della Torino-Lione, per ogni miliardo investito nel cantiere si potranno creare 15mila posti di lavoro. Infine, la tabella allegata allo studio mostra come tra tutti i corridoi europei, quello del Mediterraneo, di cui fa parte la Tav, creerebbe 153mila posti di lavoro tra turismo, trasporti e sviluppo di aziende per i nuovi mercati nei Paesi interessati (Italia, Francia, Spagna e Portogallo). Un numero che esclude chi lavora e chi lavorerà direttamente per la Tav. 
webinfo@adnkronos.com

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.