-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 14 marzo 2019

Mercati finanziari: la sintesi quotidiana dei fatti


La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat.

MERCATI

Stati Uniti
Abbott segna un rialzo dello 0,49%.
Colgate cresce dell’1,19%. American Express sale dell’1,55%. Mastercard guadagna lo 0,69%.
In denaro Microsoft (+0,77%). Prevalgono gli acquisti su PayPal (+1,86%). Positiva Ebay (+0,50%). Facebook cresce dello 0,84%.
Italia
In lettera il settore utilities con Enel (-0,22%), Italgas (-0,70%), Snam (-0,21%) e Terna (-0,51%).

In controtendenza A2A (+0,34%).
Telecom Italia cresce dello 0,65% ed il titolo chiude a euro 0,523.
Seduta positiva per il settore bancario con UniCredit (+1,37%), Banca Generali (+0,36%), Mediobanca (+1,42%), Banca Mediolanum (+0,32%), Intesa Sanpaolo (+0,87%) ed Ubi Banca (+0,08%). In controtendenza Banco Bpm (-0,96%).
Poste Italiane segnano un rialzo dello 0,25%.
Mediaset cala dell’1,22%. Mondadori cede lo 0,83%.
Ben comprate Buzzi Unicem (+1,72%) e Brembo (+2,06%). Leonardo perde lo 0,99%. Fincantieri resta invariata.
Prevalgono gli acquisti su Tod’s (+3,43%) e Moncler (+1,49%). In evidenza positiva Ferragamo (+6,94%) a seguito della comunicazione delle stime relative al 2019.
Chiusure contrastate per i titoli della “Galassia Agnelli” con FCA (-0,86%), Ferrari (-0,52%), CNH Industrial (+0,11%) ed Exor (+1,07%).
Assicurazioni Generali guadagnano lo 0,29% ed il titolo si porta a euro 15,81.
In rialzo il settore petrolifero con Eni (+2,51%) e Saipem (+2,39%).
Gran Bretagna
In evidenza negativa Bat (-3,44%).

GlaxoSmithKline perde lo 0,37%. Tesco sale dello 0,48%. Compass cresce dell’1,08%. Vodafone resta invariata.
Germania
Prevalgono gli acquisti su Bayer (+1,49%). Deutsche Bank guadagna l’1,29%. Adidas segna una flessione del 2,38%. BASF cresce dello 0,42%.
Francia
In denaro Axa (+0,72%).
Peugeot sale dell’1,22%. Sanofi guadagna lo 0,52%. Carrefour cala dello 0,67%. Sodexo segna un ribasso dello 0,84%.

Economia

Eurozona: la produzione industriale, a gennaio, è cresciuta dell’1,4% rispetto alla contrazione dello 0,90% di dicembre e alle attese di una crescita dello 0,90%.

In termini annuali la produzione industriale è calata dell’1,1% dalla precedente flessione del 4,2%; gli economisti avevano stimato una diminuzione del 2,5%.
Usa/1: gli ordini di beni durevoli “ex-transportation”, nella lettura preliminare di gennaio, sono scesi dello 0,09% dall’incremento dello 0,30% precedente; il mercato attendeva un aumento dello 0,20%.
Usa/2: gli ordini di beni durevoli, nella lettura preliminare di gennaio, sono aumentati dello 0,35% rispetto all’1,3% precedente e alle attese di un calo dello 0,60%.

Usa/3: i prezzi alla produzione “core”, a febbraio, sono cresciuti dello 0,10% dallo 0,30% di gennaio; gli economisti avevano stimato un incremento dello 0,20%.

Su base annua i prezzi alla produzione “core” hanno visto un aumento del 2,5% dal precedente 2,6%; il mercato attendeva una crescita del 2,6%.
Usa/4: i prezzi alla produzione, in febbraio, sono cresciuti dello 0,10% dal calo dello 0,10% del mese di gennaio; il mercato attendeva un aumento dello 0,20%.
In termini annuali i prezzi alla produzione sono cresciuti dell’1,9 % rispetto al 2% precedente; gli economisti avevano stimato un incremento in linea con quello conseguito.

Le Small Cap sotto “coverage” Finnat

Renergetica rende noto che la controllata “Zaon S.r.l.” ha ricevuto la notifica, da parte del GSE, del provvedimento di accoglimento dell’istanza di riesame avente ad oggetto l’annullamento in autotutela del provvedimento di ammissione alle tariffe incentivanti per l’impianto fotovoltaico di potenza pari a 697,41kW ubicato nel comune di Lomello (AL).

Con l’emissione di tale provvedimento, Zaon S.r.l. non è tenuta al rimborso al GSE degli incentivi già erogati, per un importo pari ad Euro 993.673,04 ed inoltre acquista il diritto a vedersi riconosciuti gli incentivi non riscossi a seguito dell’annullamento in autotutela, per un importo pari a circa Euro 800.000, nonché gli incentivi futuri sino 17 ottobre 2027, scadenza naturale della sopramenzionata convenzione.

Altre società

Eni ha annunciato la scoperta di un nuovo giacimento petrolifero in Angola con una capacità stimata fra i 450 e i 650 milioni di barili di petrolio.

Il pozzo esplorativo è localizzato a circa 180 km dalla costa ad una profondità totale di 4.450 metri. Nel pozzo, è stata effettuata un’intensa campagna di acquisizione dati che ha indicato una capacità produttiva del pozzo superiore ai 20 mila barili di olio al giorno.
Ferragamo ha comunicato di aver chiuso i risultati dell’esercizio 2018 con ricavi per 1,35 miliardi di euro, in calo del 3,3% rispetto agli 1,39 miliardi ottenuti l’anno precedente.

In calo anche il margine operativo lordo (-13,8%), che è sceso da 249 milioni di euro del 2017 a 214 milioni di euro mentre l’utile netto, escludendo le quote di terzi, si è ridotto del 25,5%, scendendo a 88 milioni di euro. In crescita le previsioni relative al 2019 con un obiettivo di fatturato pari a 1,4 miliardi di euro ed un Ebitda previsto a 226 milioni di euro.
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.