-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 14 marzo 2019

Leonardo: rialzo stellare dopo i conti. Analisti tutti bullish


Il vero protagonista di oggi a Piazza Affari è senza dubbio Leonardo che, dopo aver archiviato la sessione di ieri con un ribasso di un punto percentuale, quest'oggi ha imboccato subito la via dei guadagni.
Il titolo ha accelerato progressivamente al rialzo, conquistando la prima posizione nel paniere del Ftse Mib e riportandosi su livelli che non si vedevano dalla prima decade di novembre.
Negli ultimi minuti Leonardo viene fotografato a 9,512 euro, con un rally del 10,17%, alimentato da volumi di scambio molto elevati, visto che fino ad ora sono transitate sul mercato oltre 9,5 milioni di azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 2,36 milioni di pezzi.


A mettere le ali al titolo contribuisce la presentazione dei risultati del 2018, avvenuta ieri dopo la chiusura di Piazza Affari. 
Il gruppo ha archiviato lo scorso anno con un utile netto pari a 510 milioni di euro, in rialzo dell'83%, grazie a minori oneri finanziar e di ristrutturazione e a tasse più contenute.

I ricavi sono saliti del 4,3% a 12,24 miliardi ed è in crescita ane l'Ebitda che ha riportato un incremento del 4% a 1,12 miliardi di euro, mentre l'Ebit è calato del 15,3% a 715 milioni di euro.
A fine 2018 il gruppo evidenzia un indebitamento netto pari a 2,351 miliardi di euro, in riduzione dell'8,8% rispetto all'anno precedente, poco sotto la guidance fissata a circa 2,4 miliardi.


A fine 2018 il portafoglio di Leonardo contava ordini complessivi per 36,12 miliardi di euro, in aumento del 7,8%, segnalando che lo scorso anno il gruppo ha acquisito nuovi ordini per 15,2 miliardi di euro, principalmente grazie all'acquisizione del contratto N90 Qatar per 3 miliardi di euro.

Sulla base di questi risultati il Cda ha deciso di proporre all'assemblea degli azionisti la distribuzione di un dividendo di 0,14 euro per azione, identico a quello dell'esercizio precedente.
Con riferimento al solo quarto trimestre, Leonardo ha registrato un utile netto ordinario in forte rialzo da 14 a 257 milioni di euro, mentre i ricavi sono saliti dell'8,5% a 4 miliardi e l'Ebita del 27% a 488 milioni di euro.



Per il 2019 Leonardo prevede ricavi compresi tra 12,5 e 13 miliardi di euro e nuovi ordinativi tra 12,5 e 13,5 miliardi, con una redditività in aumento tra 1,175 e 1,225 miliardi. 
La generazione di cassa dovrebbe essere pari a circa 200 milioni di euro, mentre l'indebitamento netto di gruppo è atteso intorno ai 2,8 miliardi di euro, includendo l'effetto dei nuovi principi contabili.


Commentando i risultati conseguiti dal gruppo, questa mattina l'AD Alessandro Profumo ha dichiarato che il 2018 è andato bene, Leonardo ha rispettato o superato le guidance, con una partenza molto forte nel primo anno del piano. 
Il manager ha fatto sapere inoltre di essere fiducioso sul proseguimento della crescita, spiegando che i numeri dello scorso anno rendono più credibili i target di redditività e di generazione di cassa per il 2019.




Positiva l'accoglienza riservata dalle banche d'affari ai risultati comunicati da Leonardo che secondo gli analisti di Equita SIM battono le attese e le guidance.
La SIm milanese ritiene che ci sia spazio per alzare leggermente le stime sull'anno in corso, in funzione del newsflow della presentazione odierna.
A detta degli esperti aumentata la visibilità su una crescita dei ricavi nell'ordine del 5%-6% annuo e sul ROS 2020. 
Equita SIM ribadisce così la raccomandazione "buy" su Leonardo, con un prezzo obiettivo a 11,9 euro. 

Lo stesso rating viene reiterato da Banca Akros, con un target price a 13,25 euro: gli analisti definiscono i conti del 2018 e l'outlook per il 2019 migliori delle attese, evidenziando di non aver ancora aggiornato le loro stime su Leonardo.



A puntare sul titolo è anche Mediobanca Securities, che mantiene invariata la raccomandazione "outperform", con un fair value a 12 euro. Per gli analisti i risultati conseguiti da Leonardo nel 2018 sostengono il loro caso di investimento che vede una ripresa in corso della divisione elicotteri.


Buone notizie da Kepler Cheuvreux che oggi ha deciso di riservare una promozione al titolo, con un cambio di strategia da "hold" a "buy", a fronte di un prezzo obiettivo migliorato da 10,5 a 11,8 euro. 
Per il broker i conti del 2018 hanno battuto le aspettative e anche la guidance sul 2019 è superiore al consensus, con chiari segnali di ripresa nella divisione degli elicotteri e nella Defence Electronics.


Gli analisti hanno deciso di migliorare le stime sull'utile per azione del 6,9% per quest'anno e del 4% per il prossimo. 

Infine, Banca IMI suggerisce di aggiungere Leonardo in portafoglio, con un target price a 12,1 euro, sulla scia dei risultati migliori delle attese. Gli analisti fanno sapere che si sarebbero aspettati un approccio anche più ottimistico all'outlook 2019, pur riconoscendo che gli obiettivi indicati sono coerenti con quelli di lungo termine del piano industriale.

Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.