-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 26 febbraio 2019

Sotto la lente dell'analisi tecnica


La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
*
Elica *
Prosegue il rally di Elica (+2,20%) che accelera oltre 2,05 euro, trend line che unisce i massimi del 2017 e del 2018, e allunga il passo verso i massimi toccati tra agosto e settembre a 2,33 circa, quota pari al 61,8% di ritracciamento del ribasso partito a ottobre 2017, poi a 2,60.

Rischio di ritorno alla debolezza invece nel caso di ritorno sotto quota 2,05 euro, per supporti a 1,65 circa. 
-Target: 2,60 euro
-Negazione: 2,05 euro
-RSI (14): ipercomprato
Exprivia
Exprivia (+3,58%) si riaffaccia in area 1,32, massimi di settembre già testati la scorsa ottava.
La rottura di questo ostacolo renderebbe possibile un allungo verso 1,40 e 1,50. Al contrario, discese sotto 1,10 euro metterebbero in discussione i recenti progressi facendo temere l'avvio di una correzione fino a 0,80 circa. 
-Target: 1,40 euro
-Negazione: 1,10 euro
-RSI (14): ipercomprato
Banco BPM
Banco BPM (+3,45%) ha inviato recentemente segnali di forza riaffacciandosi in area 2.

Il titolo dovrà tuttavia rompere al rialzo la media mobile a 100 giorni passante su questi livelli per rilanciare la corsa verso un primo obiettivo a 2,35, massimi di fine settembre, poi a 2,75 circa. Discese sotto 1,87 comporterebbero invece un indebolimento verso i supporti in area 1,65/1,70, determinanti per scongiurare un affondo sul minimo del 25 ottobre a 1,52.

-Target: 2,35 euro
-Negazione: 1,65 euro
-RSI (14): neutrale
Biesse
Biesse (+4,26%) lotta da alcune sedute con la media mobile a 100 giorni in transito a 22,50 circa.

La rottura di questo ostacolo creerebbe le premesse per il ritorno in area 27/28 ed eventualmente fino a 30,50 circa. L'incapacità di superare la media mobile citata farebbe invece temere la violazione dei primi supporti a 21,34 euro, preludio a cali fino a 18,90, poi sui minimi di fine dicembre a 16,15 euro
-Target: 27 euro
-Negazione: 21,34 euro
-RSI (14): neutrale
Piaggio
Piaggio (+4,79%) rimbalza con forza da 1,93 circa, base del canale disegnato dai minimi di dicembre, superando il picco dell'1 febbraio a 2,08, fino a raggiungere a 2,12 circa il top di settembre.

Il titolo sembra dunque lanciato verso il lato superiore del canale a 2,18 circa ed eventualmente in direzione di 2,30. I recenti sforzi verrebbero cancellati da discese sotto 1,93. Sotto 1,88 rischio di ulteriori cali verso area 1,70.
-Target: 2,30 euro 
-Negazione: 1,93 euro
-RSI (14): neutrale
(CC - www.ftaonline.com)
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.