-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 14 febbraio 2019

Riforma copyright online, giganti economia digitale sconfitti


Con l'accordo trovato tra Parlamento, Consiglio e Commissione Ue, sulla riforma del diritto d'autore online, c'è da registrare la sconfitta per i giganti dell'economia digitale.
Con la direttiva, infatti, le piattaforme digitali saranno chiamate a remunerare i creatori dei contenuti

Youtube, Facebook e Dailymotion dovranno pagare come Spotify e Deezer

Il riferimento è chiaro verso piattaforme come Youtube, Facebook e Dailymotion che saranno chiamate a pagare i diritti d'autore così come già fanno piattaforme di streaming musicale come Spotify  Deezer. 

Wikipedia fuori dalla direttiva copyright online

La direttiva punta da un lato a tutelare ed a riconoscere il lavoro dei creativi, e dall'altro a non soffocare la libertà di espressione sul web.

Questo significa ad esempio che, liberamente, l'utente di un social network potrà continuare a condividere notizie e frammenti di articoli, ma gli aggregatori di news, con finalità di lucro, non potranno più commettere abusi.
Non a caso restano fuori dalla direttiva, e quindi dal pagamento dei diritti d'autore, i siti Internet di enciclopedie online aventi un carattere non commerciale

Niente diritti d'autore per le piattaforme software open source

In quest'ultimo caso il riferimento è a piattaforme come Wikipedia, così come sulle piattaforme online sarà ancora ammesso non solo il caricamento, ma anche la condivisione di opere protette a patto che lo scopo sia quello della critica, della citazione, della caricatura ed anche della parodia.

Al pari di Wikipedia, inoltre, pure le piattaforme di software open source, come ad esempio GitHub, restano al di fuori delle nuove regole e dei nuovi obblighi previsti dalla riforma Ue del copyright online.
Autore: Filadelfo Scamporrino Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.