-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 22 febbraio 2019

Mercati finanziari: la sintesi quotidiana dei fatti


La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat.

MERCATI

Borse Mondiali
Wall Street soffre il forte calo del Philadelphia Fed Index.
Stati Uniti
Coca-Cola guadagna l’1,69%.
Abbott segna una contrazione dello 0,53%. American Express perde lo 0,16%. In lettera Pfizer (-0,14%).
Prevalgono le vendite su Facebook (-1,55%). Amgen perde lo 0,76%. Poco mossa Intel (+0,04%). Ebay cresce dello 0,65%. PayPal sale dello 0,24%.
Italia
In denaro le utilities con Enel (+0,27%), Italgas (+0,12%), Snam (+0,62%), A2A (+0,66%) e Terna (+1,09%).
Telecom Italia perde l’1,60% ed il titolo chiude a euro 0,529.
Poste Italiane salgono dello 0,39%.

Mediaset perde lo 0,18%. Recordati segna una contrazione dell’1,40%.
Chiudono in terreno positivo Eni (+0,12%) e Saipem (+0,35%).
Luxottica sale dello 0,12%. Ferragamo scende dell’1,77%. Tod’s cede lo 0,23%. Moncler (-0,03%) non riesce a superare la parità.
Chiudono in terreno negativo gli industriali con Buzzi Unicem (-0,76%), Brembo (-1,42%), Leonardo (-3,01%) e Fincantieri (-0,39%).
FCA cala dell’1,15%.
Ferrari sale dello 0,36%. Prevalgono gli acquisti su CNH Industrial (+1,46%). In evidenza negativa Exor (-2,14%).
Seduta negativa per il settore bancario con UniCredit (-2,76%), Banca Generali (-0,47%), Banco Bpm (-2,35%), Mediobanca (-1,01%), Intesa Sanpaolo (-0,80%) mentre chiudono in controtendenza Ubi Banca (+0,39%) e Banca Mediolanum (+1,35%).
Assicurazioni Generali (-0,03%) non riescono a superare la parità ed il titolo si porta a euro 15,22.
Gran Bretagna
In evidenza negativa GlaxoSmithKline (-2,29%).

In lettera Bat (-0,35%). Tesco scende dello 0,57%. Vodafone perde lo 0,83%. Diageo sale dello 0,38%.
Germania
Bayer segna una flessione dello 0,67%. In lettera Deutsche Bank (-0,38%). Bmw guadagna lo 0,84%. In denaro Lufthansa (+0,30%). SAP sale dello 0,34%.
Francia
Prevalgono le vendite su Sanofi (-1,48%).
Carrefour perde lo 0,73% mentre crescono Kering (+0,40%), Peugeot (+0,77%) e Axa (+1,09%).

Economia

Usa: le richieste di sussidi di disoccupazione calano a 216 mila unità.
Germania/1: l’indice dei prezzi al consumo (lettura finale di gennaio) è sceso dell’0,80%, in linea con la lettura precedente e con le aspettative di mercato.

Su base annua l’indice dei prezzi al consumo è cresciuto dell’1,4%, come da lettura precedente; il mercato attendeva un dato in linea con quello conseguito.
Germania/2: l’indice Pmi composito (lettura preliminare), in febbraio, si è portato a 52,7 punti rispetto ai 52,1 punti precedenti.
L’indice Pmi manifatturiero (lettura preliminare) a febbraio è sceso a 47,6 punti dai 49,7 punti di gennaio; il mercato attendeva un incremento a 50 punti. L’indice Pmi del settore servizi (lettura preliminare) in febbraio è salito a 55,1 punti dai 53 punti precedenti; il mercato attendeva un dato invariato.

Eurozona: l’indice Pmi composito, nella lettura preliminare di febbraio, è aumentato a 51,4 punti rispetto ai 51 punti di gennaio e alle attese di un incremento a 51,1 punti.

L’indice Pmi manifatturiero (lettura preliminare), in febbraio, è sceso a 49,2 punti rispetto ai 50,5 punti precedenti e alle attese di un calo a 50,3 punti. L’indice Pmi del settore servizi, nella lettura preliminare di febbraio, è aumentato a 52,3 punti dai 51,2 punti di gennaio; il mercato attendeva un rialzo a 51,4 punti.
Italia: l’indice dei prezzi al consumo, nella lettura finale di gennaio, è cresciuto dello 0,10%, in linea con la lettura precedente e con le attese di mercato.

Su base annua i prezzi al consumo sono saliti dello 0,90%, in linea con le attese e con la variazione precedente.
Usa/1: gli ordini di beni durevoli, nella lettura preliminare di dicembre, sono cresciuti dell’1,2% rispetto all’1% precedente; il mercato attendeva un incremento dell’1,7%.
Usa/2: le richieste di sussidi di disoccupazione, nella settimana al 16/2, sono calate a 216 mila unità dalle 239 mila unità precedenti; gli economisti attendevano un calo a 230 mila unità.
Usa/3: il Philadelphia Fed Index a febbraio si è attestato a -4,1 punti dai 17 punti precedenti e alle attese di un calo a 14,5 punti.
Usa/4: le vendite di case esistenti a gennaio sono risultate in calo dell’1,2% dopo la contrazione del 4% fatta registrare in dicembre.
Usa/5: il Superindice di gennaio è sceso dello 0,10% rispetto al dato invariato di dicembre e alle attese di un incremento dello 0,20%.

Le società sotto “coverage” Finnat

Tenaris ha chiuso il 2018 con ricavi pari a 7,66 miliardi di dollari, in aumento del 45% rispetto ai 5,29 miliardi di dollari realizzati nell'esercizio precedente.

Il risultato operativo è passato da 334,59 milioni di dollari del 2017 a 871,81 milioni di dollari. In crescita anche l’utile netto che è si è portato a 876,06 milioni di dollari dai 544,74 milioni di dollari precedenti.
Prysmian ha comunicato di aver acquisito due contratti, del valore complessivo di circa 50 milioni di euro, in Cile per la realizzazione di un sistema in cavo sottomarino senza ripetitore che collegherà Arica a Puerto Montt . 
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.