-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 15 febbraio 2019

Mercati finanziari: la sintesi quotidiana dei fatti


La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat.

MERCATI

Borse Mondiali
Wall Street negativa a seguito dell’inatteso calo delle vendite al dettaglio.
Stati Uniti
Pfizer guadagna lo 0,65%.
American Express cala dello 0,87%. Colgate cede lo 0,74%. Johnson & Johnson perde lo 0,10%.
In denaro PayPal (+0,44%). Intel sale dello 0,67%. Amgen registra una contrazione dello 0,45%. Facebook (-0,07%) non riesce a superare la parità. Chiude in terreno negativo Tesla (-1,43%).
Italia
Positivo il settore utilities con Snam (+0,17%), A2A (+0,32%) e Terna (+0,19%).

In controtendenza Italgas (-0,27%) ed Enel (-0,08%).
Telecom Italia segna una contrazione dell’1,39% ed il titolo chiude a euro 0,4827.
Eni cala dello 0,51% mentre prevalgono gli acquisti su Saipem (+1,39%).
Negativo il settore industriale con Buzzi Unicem (-0,95%), Brembo (-0,30%) e Leonardo (-0,81%).
In controtendenza Fincantieri (+2,53%).
Poco mossa Luxottica (+0,08%). Moncler perde lo 0,97%. In evidenza negativa Ferragamo (-3,31%). Tod’s (-0,05%) non riesce a superare la parità.
In lettera il settore bancario con UniCredit (-2,20%), Banca Generali (-1,41%), Banco Bpm (-2,82%), Ubi Banca (-1,17%), Mediobanca (-0,62%), Banca Mediolanum (-1,81%) ed Intesa Sanpaolo (-1,44%).
Assicurazioni Generali perdono l’1,15% ed il titolo si porta a euro 15,02.
Prevalgono le vendite sui titoli della “Galassia Agnelli” con FCA (-1,39%), Ferrari (-0,36%), CNH Industrial (-1,02%) ed Exor (-1,15%).
Poste Italiane segnano un ribasso dell’1,19%.

Mediaset cala dello 0,49%. In denaro Recordati (+0,24%).
Gran Bretagna
Bat sale dello 0,4%. GlaxoSmithKline guadagna l’1,2%. Vodafone cresce dello 0,2%. In lettera Tesco (-0,6%). In evidenza negativa Bp (-1,9%).
Germania
In denaro Henkel (+0,1%).
SAP guadagna lo 0,2%. Volkswagen perde lo 0,4%. Prevalgono le vendite su Bmw (-1,5%). Adidas segna una contrazione dello 0,8%.
Francia
Ben comprata Capgemini (+2,8%). Positiva Kering (+3%). Danone sale dello 0,5%. Carrefour segna un rialzo dello 0,8%. Engie guadagna lo 0,1%.

Economia

Eurozona: Il Pil (a/a) cresce in linea con le attese.
Francia: il tasso di disoccupazione del quarto trimestre 2018 è sceso all’8,8% dal 9,1% precedente; il mercato attendeva un dato invariato.
Germania: il Pil nel quarto trimestre 2018 (lettura preliminare) è rimasto invariato rispetto alla contrazione dello 0,2% del trimestre precedente e alle attese di un incremento dello 0,10%.

In termini annuali il Pil (lettura preliminare) ha segnato un rialzo dello 0,6% dall’1,1% precedente; gli economisti avevano previsto un aumento dello 0,8%.
Eurozona: il Pil del quarto trimestre del 2018, nella seconda lettura preliminare, ha segnato un rialzo dello 0,2%, in linea con la lettura precedente e con le stime degli economisti.
Su base annua il Pil (seconda lettura preliminare) è cresciuto del 1,2% come da lettura precedente; il mercato attendeva un dato in linea con quello conseguito.
Usa/1: le richieste di sussidi di disoccupazione, nella settimana al 9/02, sono aumentate a 239 mila unità rispetto alle precedenti 235 mila unità e alle attese di un calo a 228 mila unità.
Usa/2: l’indice dei prezzi alla produzione “core” in gennaio ha segnato un incremento dello 0,3%, rispetto al dato invariato di dicembre; il mercato attendeva un rialzo dello 0,2%.

Su base annua i prezzi alla produzione “core” sono saliti del 2,6% rispetto al 2,7% registrato in precedenza; gli economisti avevano stimato una crescita del 2,5%.
Usa/3: l’indice dei prezzi alla produzione a gennaio è calato dello 0,10%, in linea con il dato di dicembre; il mercato attendeva un incremento dello 0,10%.
Su base annua i prezzi alla produzione sono cresciuti del 2% rispetto al 2,5% precedente e alle previsioni di un incremento del 2,1%.
Usa/4: le vendite al dettaglio “ex-auto” a dicembre sono scese dell’1,8% rispetto al precedente dato invariato e alle attese di un aumento dello 0,10%.
Usa/5: le vendite al dettaglio a dicembre sono diminuite dell’1,2% rispetto all’aumento dello 0,10% del mese precedente; il mercato attendeva una crescita dello 0,10%.
Usa/6: le scorte all’industria in novembre sono calate dello 0,10% dal precedente incremento dello 0,60%; gli economisti avevano stimato un rialzo dello 0,30%.

Le Small Cap sotto “coverage” Finnat

Smre: ha annunciato che l’azionista Mediolanum Gestione Fondi SGR ha acquistato n.

520.000 azioni superando la soglia di rilevanza del 5%. Attualmente, Mediolanum Gestione Fondi detiene n. 1.224.800 azioni, pari al 5,61% di SMRE.

Altre società

Salini Impregilo: ha presentato un’offerta per l’ingresso nel capitale di Astaldi attraverso un aumento di capitale da 225 milioni di euro.
L’aumento di capitale sarà destinato in parte al pagamento dei debiti privilegiati e prededucibili ed in parte al servizio del piano di continuità. L’offerta prevede che Salini Impregilo avrà una quota di controllo pari al 65% del capitale di Astaldi, in una società che sarà senza debito.

I creditori chirografari, convertendo in azioni i propri crediti, avranno complessivamente il 28,5% del capitale sociale mentre gli attuali azionisti manterranno una quota del 6,5%.
Crédit Suisse: ha chiuso l’esercizio 2018 in utile, per la prima volta dal 2014, a seguito del completamento del piano di ristrutturazione e rilancio.
L’utile netto di gruppo risulta pari a 2,057 miliardi di franchi (1,809 miliardi di euro) mentre il risultato prima delle imposte ammonta a 3,405 miliardi di franchi.
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.