-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 11 febbraio 2019

Mercati finanziari: la sintesi quotidiana dei fatti


La sintesi quotidiana dei principali eventi accaduti sui mercati finanziari redatta dall’Ufficio Ricerca ed Analisi di Banca Finnat.

MERCATI

Stati Uniti
Colgate cresce dello 0,98%. In denaro American Express (+0,12%).
Prevalgono gli acquisti su Mastercard (+1,22%). Coca-Cola segna un rialzo dello 0,16%.
Chiusura positiva per PayPal (+1,12%). Intel perde lo 0,79%. Facebook guadagna lo 0,57%. Tesla segna una contrazione dello 0,56%. Netflix sale dello 0,83%.
Italia
Chiude in terreno negativo il settore petrolifero con Eni (-0,12%) e Saipem (-0,38%).
Poco mossa Luxottica (+0,08%).

Moncler cresce dello 0,66%. Negative Ferragamo (-0,63%) e Tod’s (-1,36%).
In lettera il settore utilities con Enel (-0,58%), Italgas (-0,62%), Snam (-0,34%), A2A (-1,26%) e Terna (-0,15%).
Telecom Italia perde il 3,24% ed il titolo chiude a euro 0,472.
In calo il settore industriale con Buzzi Unicem (-0,95%), Brembo (-3,02%) e Fincantieri (-0,78%).
In controtendenza Leonardo (+0,28%).
Prevalgono le vendite su FCA (-2,90%) e Exor (-0,99%). Poco mosse Ferrari (-0,05%) e CNH Industrial (+0,04%).
Poste Italiane crescono dello 0,32%. Mediaset perde il 2,52%. In lettera Mondadori (-1,52%).
Seduta negativa per Banca Generali (-0,10%), Banco Bpm (-1,64%), Ubi Banca (-4,32%), Banca Mediolanum (-0,56%) e Intesa Sanpaolo (-0,45%).

In controtendenza UniCredit (+1,01%) e Mediobanca (+0,44%).
Assicurazioni Generali segnano una flessione dello 0,90% ed il titolo si porta a euro 14,915.
Gran Bretagna
Bat perde l’1,8%. Tesco segna una contrazione dell’1,6%. Diageo guadagna lo 0,6%. In lettera Compass (-0,5%).
Vodafone cede lo 0,5%.
Germania
SAP cresce dello 0,8%. Prevalgono le vendite su Volkswagen (-2,0%). Negativa Bmw (-2,4%). Adidas cala dello 0,6%. BASF segna una contrazione dell’1%.
Francia
Sanofi cresce dello 0,6%. Capgemini perde lo 0,7%.

Kering sale dello 0,1%. In lettera Engie (-0,5%). Peugeot segna una contrazione dell’1,4%.

Economia

Germania/1: le esportazioni, in dicembre, sono cresciute dell’1,5% (m/m) dalla precedente contrazione dello 0,30%; gli economisti avevano stimato un incremento dello 0,30%.
Germania/2: le importazioni a dicembre sono aumentate dell’1,2% (m/m) rispetto alla contrazione dell’1,3% di novembre e alle attese di un incremento dello 0,58%.
Germania/3: la bilancia commerciale in dicembre ha registrato un surplus pari a 19,4 miliardi di euro rispetto ai 18,8 miliardi di euro del mese di novembre.
Francia: la produzione industriale a dicembre è cresciuta dello 0,82% (m/m) rispetto al calo dell’1,5% di novembre e alle attese di un rialzo dello 0,95%.

Su base annua la produzione industriale è calata dell’1,4% dalla precedente contrazione del 2,2%; gli economisti avevano stimato una flessione dell’1,2%.
Italia: la produzione industriale a dicembre ha segnato una contrazione dello 0,76% (m/m) rispetto al ribasso dell’1,7% del mese di novembre e alle attese di una crescita dello 0,45%.
In termini annuali la produzione industriale ha segnato una contrazione dell’2,5% dal precedente calo del 2,6%; il mercato attendeva un ribasso del 3,1%.
Italia/settore auto: il mercato dei veicoli industriali con massa totale a terra superiore alle 3,5t ha chiuso il mese di dicembre 2018 con un calo delle vendite del 19,8% rispetto al dicembre 2017 (con n.

2.533 unità immatricolate). Il cumulato per l’intero 2018 ha registrato un aumento del 5,2% rispetto all’anno precedente (n. 25.615 unità). Il comparto dei veicoli pesanti, con massa totale a terra uguale o superiore a 16t, ha registrato a dicembre una perdita del 24,8% (n.
1.922 unità) rispetto allo stesso mese del 2017. Il cumulato del 2018 è aumentato del 4,8% rispetto al 2017 (n. 20.573).
Autore: Pierpaolo Molinengo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.