-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 25 febbraio 2019

Ftse Mib: spunti di trading. Le 2 blue chips sotto la lente oggi


L'analisi del Ftse Mib

Il Ftse Mib si lascia alle spalle una settimana con un bilancio leggermente positivo, da ascrivere interamente al piccolo recupero messo a segno nell'ultima seduta.
In avvio di settimana l'indice ha raggiunto la soglia dei 20.350 punti che non è riuscito a violare nelle giornate successive, muovendosi tra questo livello e l'area dei 20.150, senza riuscire ad esprimere una precisa direzionalità, per poi fermarsi in chiusura proprio a metà di questo intervallo di prezzi.
Nuovi spunti direzionali si avranno alla rottura di uno di questi due estremi, con la possibilità di assistere ad un movimento anche di quasi 1.000 punti nel breve, tanto al rialzo quanto al ribasso, a seconda di quale livello sarà violato.
Con il superamento deciso di area 20.350/20.400 il Ftse Mib testerà dapprima la soglia dei 20.500 punti, per poi allungare il passo verso i 20.800 punti.

Oltre questo ostacolo intermedio sarà probabile un approdo sulla soglia psicologica dei 21.000 punti, senza escludere estensioni rialziste fin verso i 21.200 punti nella migliore delle ipotesi.
Al ribasso, sotto i 20.150/20.100 punti l'indice si appoggerà dapprima in area 20.000, violata la quale proseguirà la sua discesa verso i 19.800 punti prima e in seguito in direzione di ara 19.650/19.500.

Prysmian: l'ultimo crollo offre opportunità per nuovi ingressi long?

Prysmian ha vissuto una settimana decisamente movimentata, anche se in realtà le oscillazioni più rilevanti si sono avute nelle ultime due sedute.

Giovedì scorso il titolo ha lasciato sul parterre quasi il 10% del suo valore, complice il nuovo stop del progetto WesternLink.
In chiusura di ottava Prysmian ha dato vita ad un bel rimbalzo, recuperando circa un terzo della flessione accusata nella sessione precedente.
Dai minimi segnati nelle prima decade di dicembre in area 15/14,7 euro, Prysmian ha provato in più occasioni a superare la soglia dei 10 euro, ma il titolo ha registrato un primo stop al ribasso nella seduta del 7 febbraio, quando è tornare a testare l'area dei 18 euro.

Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?
Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com
Il colpo più duro si è avuto però nella sessione di giovedì scorso, quando le quotazioni sono scese al di sotto dei 17 euro, pero i risalire la china fin poche oltre i 17,5 euro in chiusura di settimana.
La reazione dai minimi delle ultime sessioni potrebbe essere seguita da nuovi tentativi di recupero che troveranno un primo ostacolo in area 18/18,1 euro.

Al superamento di questo livello ci saranno buone probabilità di assistere ad una copertura del gap ribassista di giovedì scorso a quota 18,8 euro.
Nuovi segnali rialzisti oltre i 19/19,2 euro, con target successivi a quota 20 euro prima e a 20,5 euro in seguito.
Segnali di negatività con ritorni al di sotto dei 17/16,9 euro, preludio ad una flessione più ampia con primo step in area 16,6/16,5 euro.
L'eventuale abbandono di questo sostegno potrebbe ricondurre Prysmian verso i minimi di dicembre in area 14,7 euro.

CNH Industrial: un trend rialzista ancora da cavalcare?

Nel settore industriale l'andamento di CNH Industrial appare ben diverso rispetto a quello di Prysmian, con un trend decisamente più lineare e ben impostato al rialzo.
Il titolo da inizio anno guadagna circa il 22%, con una evidente sovraperformance rispetto all'indice Ftse Mib, malgrado non siano mancate in questo periodo cattive notizie su più fronti che hanno avuto però un effetto temporaneo sulle quotazioni.
Con conferme al di sopra dei 9,4/9,5 euro, CNH Industrial punterà in primis alla soglia dei 10 euro, per poi estendere il rialzo in direzione dei 10,5/10,7 euro, livelli toccato tra inizio ottobre e fine settembre.
Al ribasso discese al di sotto dei 9,3/9,25 euro potrebbero non essere frenata dall'area dei 9 euro, sotto cui CNH Industrial proseguirà il ritracciamento verso gli 8,7 euro prima e gli 8,55/8,5 euro in un secondo momento.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.