-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 4 febbraio 2019

Banche al test dei conti. GS alza tp e punta tutto su Unicredit


A Piazza Affari l'attenzione continua a rimanere alta sui titoli del settore bancario che dopo il netto calo di venerdì scorso, non riescono a ritrovare la via dei guadagni. Le vendite infatti hanno la meglio anche oggi, salvo poche eccezioni, come nel caso di Banco BPM e Bper Banca che mostrano un frazionale rialzo dello 0,26% e dello 0,03%.

Poco sotto la parità Ubi Banca con un calo dello 0,23%, mentre Intesa Sanpaolo e Mediobanca arretrano dello 0,82% e dell'1,03%. lasciando ancora più indietro Unicredit che flette dell'1,63%. 
I titoli del comparto non riescono a beneficiare del lieve arretramento dello spread BTP-Bund che dopo una mattinata volatile sta provando a riportarsi in direzione dei 259 punti base, con un calo dello 0,35%.


Proprio l'impennata del differenziale tra il decennale tedesco e quello italiano è stata una delle cause che hanno alimentato forti vendite sui bancari la scorsa settimana, penalizzati dal deludente dato sul PIL italiano che ha ufficializzato l'ingresso del nostro Paese in una fase di recessione tecnica.

I titoli del settore bancario saranno ancora i veri protagonisti della settimana iniziata oggi, visto che domani prenderà il via la nuova stagione degli utili. La prima banca chiamata alla prova dei conti sarà Intesa Sanpaolo, che domani alzerà il velo sui risultati del quarto trimestre e dell'intero 2018.


Mercoledì sarà la volta di Banco BPM a mercati chiusi, mentre giovedì toccherà a Unicredit, Ubi Banca e Mediobanca, per poi chiudere venerdì con la trimestrale di Bper Banca. 
Come anticipato prima, domani si partirà con i numeri di Intesa Sanpaolo che secondo le previsioni di Banca Akros dovrebbe aver chiuso l'intero 2018 con un utile pari a 4 miliardi di euro, in crescita del 4,9%, mentre i ricavi dovrebbero aumentare del 4,2% a 18,179 miliardi.


In attesa dei dati ufficiali del gruppo, gli analisti hanno deciso di confermare la loro view positiva su Intesa Sanpaolo, con una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo rivisito al ribasso da 2,9 a 2,5 euro. 
A rivedere la valutazione di diversi bancari sono stati oggi anche i colleghi di Goldman Sachs che però si sono mossi in direzione opposta a Banca Akros.

La banca americana ha infatti aumentato in media del 4% i target price dei titoli del comparto, di riflesso alla discesa degli spread sovrani nel quarto trimestre del 2018 e alla luce della continuazione del processo di cessione delle esposizioni non performanti. 
Goldman Sachs ha confermato tutti i rating già assegnati alle banche sotto la sua copertura, senza apportare modifiche in tal senso, evidenziano che lo scenario resta complesso per l'anno in corso.


L'unico titolo consigliato per lo shopping è Unicredit, con una raccomandazione appunto "buy" e un prezzo obiettivo rivisto al rialzo da 17,1 a 17,9 euro.
Diametralmente opposta la strategia suggerita per l'altro big del comparto, Intesa Sanpaolo, coperto con un rating "sell", anche se ciò non ha impedito di ritoccare il target price da 1,9 a 2 euro.

Per gli analisti di Goldman Sachs è da vendere anche Bper Banca, con un fair value che passa da 3 a 3,1 euro, mentre è meno severo il giudizio su Ubi Banca, con una raccomandazione "neutral" e un prezzo obiettivo modificato da 2,8 a 2,9 euro. 
Quanto a Banco BPM, su cui gli analisti non hanno un rating al momento, si segnala la revisione delle stime sull'utile per azione, alzate del 3% con riferimento al periodo 2019-2022.
Infine, al di fuori del paniere delle blue chips, Goldman Sachs ha una view cauta su Banca Monte Paschi, con una raccomandazione "neutral" e un target price ritoccato verso l'alto da 1,6 a 1,7 euro.


Come si può facilmente notare dai target indicati poc'anzi, i due titoli ad avere maggiore potenziale di upside sono Ubi Banca e Unicredit. Nel primo caso infatti, in base al fair value di Goldman Sachs che un margine di rialzo di circa il 35% rispetto ai valori attuali, mentre nel caso di Unicredit si parla addirittura di circa l'85%.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.