-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 28 gennaio 2019

Piazza Affari scende, ma niente paura per ora. Ecco perchè


Gli spunti positivi registrati nelle ultime due sedute hanno lasciato il posto ad un ritorno delle vendite sulle Borse europee, tutte in calo oggi. A fine sessione il Dax30 e il Cac40 sono scesi rispettivamente dello 0,63% e dello 0,76%, mentre il Ftse100 ha ceduto lo 0,91%. 

Il conto più salato è stato pagato da Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato gli scambi a 19.608 punti, in ribasso dell'1,02%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 19.776 e un minimo a 19.569 punti.



L'indice delle blue chips non è riuscito a confermarsi sopra i 19.700/19.800 punti, riconquistati in chiusura della scorsa ottava. Il ritracciamento odierno di fatto non ha messo in pericolo per ora rivelanti livelli di supporto, il primo dei quali è individuabile in area 19.500.

Con discese al di sotto di tale soglia il Ftse Mib potrebbe ampliare il ribasso verso i 19.300/19.200 punti prima e in seguito in direzione del livello psicologico dei 19.000 punti, raggiunto il quale si dovrebbe assistere ad una reazione. 
In mancanza di ciò saranno da mettere in conto ripiegamenti più ampi verso i 18.800 punti prima e successivamente in direzione dei 18.500/18.400.

Solo in caso di abbandono di quest'ultimo livello sarà inevitabile un nuovo test sui recenti minimi in area 18.000, il raggiungimento dei quali però appare poco probabile almeno al momento. 
Con la tenuta di area 19.500 il Ftse Mib potrà tentare da subito un nuovo attacco alla barriera dei 19.700/19.800 punti, rotta la quale proseguirà il suo rialzo verso la soglia psicologica dei 20.000 punti.

Se il mercato avrà ancora forza per spingersi in avanti, allora si sposterà l'attenzione sui 20.200 punti in prima battuta e sui 20.500 punti in un momento successivo. 

Lo scenario dunque resta favorevole ad una ripresa degli acquisti a Piazza Affari, ma sarà bene fare attenzione ai numerosi appuntamenti in agenda già a a partire da domani, visto che gli stessi potranno impattare in positivo o in negativo sul sentiment.



Sul fronte macro Usa domani oltre all'indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene statunitense, sarà diffuso l'indice S&P Case Shiller che a novembre dovrebbe evidenziare base annua una variazione positiva del 5%, in linea con la lettura precedente.

Per l'indice relativo alla fiducia dei consumatori a gennaio si prevede un calo da 128,1 a 126 punti. 

Sul versante societario da seguire prima dell'avvio degli scambi a Wall Street i risultati degli ultimi tre mesi di 3M e Xerox Corporation, con un eps atteso a 2,28 e a 1,04 dollari, ma alla prova dei conti saranno chiamati anche Biogen e Pfizer che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari a 6,74 e a 0,64 dollari, mentre le trimestrale di Verizon Communications e di Harley-Davidson dovrebbero consegnare un eps pari a 1,09 e a  0,28 dollari.


A mercati chiusi si guarderà ai conti di Apple e eBay, con un eps stimato a 4,17 e a 0,68 dollari, mentre per Amgen e Advanced Micro Devices si prevede un utile per azione di 3,28 e di 0,08 dollari. 

In Europa si guarderà alla Francia dove sarà reso noto l'indice relativo alla fiducia dei consumatori che a gennaio dovrebbe salire da 87 a 88 punti.

Per domani è previsto in Gran Bretagna il voto alla Camera del Comuni sul piano B del Governo May relativo alla Brexit. 

A Piazza Affari segnaliamo Tinexta che presenterà i dati preliminari del 2018 e alzerà il velo sul piano industriale 2019-2021. 

Da seguire l'asta dei BOT con scadenza a sei mesi per un ammontare pari a 6,5 miliardi di euro.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.