-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 11 gennaio 2019

3 titoli migliori di Coca-Cola


Coca-Cola  (NYSE: KO) è da sempre un brand storico. Prima di tutto perchè il più riconoscibile al mondo, ma anche perchè ha creato una vera e propria era, quella che ha caratterizzato il boom degli anni 80 negli Stati Uniti. Da un punto di vista finanziario, poi, è stato sempre ritenuto una sorta di jolly.
Il prodotto, appunto iconico, è alla portata di tutti e il suo mercato è il mondo intero. Non solo ma il dividendo è stato aumentato per 56 anni consecutivi ed attualmente è al 3,28%, il che lo rende uno dei più ricchi nel settore dei beni di consumo. Eppure, secondo gli esperti di The Motley Fool, esistono alcuni nomi che potrebbero fare anche meglio.

Hanesbrands (NYSE: HBI)

Keith Noonan suggerisce Hanesbrands (NYSE: HBI), società di abbigliamento.

Dopo un 2018 impegnativo ha visto alcune sue linee rallentare. A questo si aggiungano anche alcune vicissitudini contrattuali come quella rappresentata dalla decisione di Target di non rinnovare il contratto con per una linea esclusiva di abbigliamento. Ecco spiegato in breve il crollo del 40% nell'ultimo anno e il fatto che ora le azioni siano scambiate a meno di 7,5 volte i guadagni previsti per quest’anno.
Il suo dividendo (triplicato negli ultimi 5 anni) del 4,6% è al suo livello più alto, il che suggerisce che, per il futuro potrebbero continuare i venti contrari. Ma per alcuni la view è troppo pessimistica come suggerisce Noonan che ricorda il +30% sul marchio Champions nello scorso trimestre.

Come ogni azienda, Hanesbrands dovrà inesorabilmente studiare come adattarsi alle sfide e ai cambiamenti nel suo settore. Intanto ha iniziato tagliando le spese operative.

Target (NYSE: TGT)

Jeremy Bowman punta su Target (NYSE: TGT), Nonostante i problemi, l’azienda rimane comunque un Dividend Aristocrat , avendo aumentato il suo dividendo ogni anno negli ultimi 44 anni,e offre una resa migliore oggi di Coca-Cola, al 4%.
Inoltre il paragone del Payout è utto a vantaggio di Target: 49% contro il 76% di Coca Cola. Non solo ma è anche più economica con un P/E di appena 11,6, rispetto a 22,9 per il gigante delle bevande. Per quanto riguarda le prospettive Bowman ricorda gli investimenti fatti per potenziare la rete di vendita e sviluppare il canale e-commerce.

Proprio questa voce ha registrato un +49% nel terzo trimestre anche grazie all’acquisizione, oltre un anno fa, di Shipt. Il tutto senza dimenticare che i recenti fallimenti di nomi come Toys R Us, Sears e Bon-Ton Stores vanno a tutto beneficio di Target perchè rappresentano un taglio drastico della concorrenza.
Inoltre le comps hanno visto un +5,3% nel suo ultimo trimestre. 

AbbVie (NYSE: ABBV)  

George Budwell  preferisce AbbVie (NYSE: ABBV), biopharma di grandi dimensioni. A suo favore il peso del dividendo del 4,51% conro un  3,28% di Coca Cola.

Tuttavia, le azioni di AbbVie sono chiaramente più rischiose di quelle della Coca-Cola, sia per la perdita di alcuni brevetti, tra cui quello di Humira in Europa e per il possibile fallimento di alcuni suoi protocolli di sperimentazione. Ma la società è già passata al contrattacco sia con accordi che con la nascita di nuove molecole antitumorali e lo sviluppo di farmaci immunologici di prossima generazione, come upadacitinib e risankizumab.
Tutto questo permette di avere sotto controllo gli effetti negativi dei possibili venti contrari in arrivo. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.