-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 3 dicembre 2018

Oro, analisi fondamentale settimanale, previsioni

I commenti del presidente della Fed, Jerome Powell, hanno causato un calo dei rendimenti dei titoli di Stato statunitensi e di conseguenza hanno spinto verso il basso il dollaro USA. Le notizie relative all’accordo commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina dovrebbero incoraggiare coloro che hanno acquistato il dollaro come bene rifugio a tagliare le loro posizioni, ciò dovrebbe spingere il dollaro al ribasso e aumentare la domanda di oro, asset valutato in dollari; tale dinamica dovrebbe sostenere i prezzi dell’oro durante questa settimana.
La scorsa settimana, l’oro ha messo a segno una performance contrastante chiudendo la settimana in ribasso. Sono stati due i catalizzatori che hanno guidato l’azione dei prezzi ed è probabile che uno di questi continui ad influenzare l’andamento del metallo prezioso, mentre l’altro potrebbe non esser più presente, questo secondo uno sviluppo rialzista.
Le dichiarazioni accomodanti del presidente della Fed, Jerome Powell, sono state di sostegno ai prezzi dell’oro, hanno messo pressione ad un dollaro che aveva espresso una discreta forza, anche grazie agli acquisti legati alle preoccupazioni sulla disputa commerciale tra Stati Uniti e Cina.
La scorsa settimana, i future Comex Gold di febbraio si sono attestai a 1.226$, perdendo 3,10$ con un -0,25%.
I prezzi dell’oro hanno toccato il loro minimo settimanale il 28 novembre, mentre sono saliti dell’1% dopo che il dollaro USA è stato indebolito dalle dichiarazioni caute del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, che ha ridotto le speranze sul ritmo elevato dei futuri rialzi dei tassi.
Powell ha affermato che il tasso di interesse di riferimento della banca centrale è “appena al disotto” del neutrale. Un aspetto positivo rispetto ai suoi commenti di inizio ottobre, quando ha affermato che la Fed era “molto lontana” dalla neutralità.
Powell ha aggiunto che, sebbene ci siano “molte indicazioni positive” sulle prospettive di crescita degli Stati Uniti, i graduali aumenti dei tassi d’interesse della Fed hanno lo scopo di bilanciare i rischi e di mantenere in carreggiata l’economia.
Nonostante le notizie potenzialmente rialziste sui tassi di interesse, il rally si è fermato quando gli investitori hanno visto crescere le loro preoccupazioni per l’esito dei colloqui commerciali tra Stati Uniti e Cina in programma per il week-end. Queste preoccupazioni hanno spinto gli investitori verso il dollaro USA, indebolendo la domanda in oro.
Previsioni
I commenti del presidente della Fed, Jerome Powell, hanno causato un calo dei rendimenti dei titoli di Stato statunitensi e di conseguenza hanno spinto verso il basso il dollaro USA. Le notizie relative all’accordo commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina dovrebbero incoraggiare coloro che hanno acquistato il dollaro come bene rifugio a tagliare le proprie posizioni, ciò dovrebbe spingere il dollaro al ribasso e aumentare la domanda di oro, asset valutato in dollari; tale dinamica dovrebbe sostenere i prezzi dell’oro durante questa settimana.
Nel corso del week-end, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping hanno trovato un terreno d’incontro in Argentina durante il vertice del G20, dove hanno concordato una sospensione temporanea della disputa commerciale. Secondo dei report, hanno firmato un accordo per non applicare più ulteriori dazi sui rispettivi beni fino il 1° gennaio, accettando di continuare i colloqui per trovare una soluzione definitiva sulle questioni di maggior interesse.
La Casa Bianca ha riferito che Trump e Xi hanno avuto un colloquio su una serie di problematiche, tra cui la disputa commerciale che ha ancora in sospeso più di 200$ miliardi di beni.
Dalla dichiarazione: “Il presidente Trump ha convenuto che fino al 1° gennaio 2019 lascerà i dazi al 10%, non aumentandoli al 25%, su 200$ miliardi di merci importate”.
“Entrambe le parti concordano sul trovare un accordo entro i prossimi 90 giorni. Se alla fine di questo periodo le parti non avranno trovato un’intesa, i dazi del 10% saranno innalzati al 25% “.
La Casa Bianca ha sostenuto che nel frattempo: “la Cina ha accettato di acquistare una quantità non ancora concordata, ma molto consistente, di prodotti agricoli, energetici, industriali e di altro tipo dagli Stati Uniti, con l’obiettivo di ridurre lo squilibrio commerciale tra i nostri paesi; inizierà immediatamente ad acquistare prodotti agricoli”.
Le altre notizie…
Questa settimana, gli investitori avranno l’opportunità di leggere i principali report economici tra cui: l’ISM Manufacturing PMI, l’ISM Non-Manufacturing PMI e il report USA sui salari del settore non agricolo.
Inoltre, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, dovrebbe tenere un discorso al Congresso degli Stati Uniti.
This article was originally posted on FX Empire

Nessun commento:

Posta un commento

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.